Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L'Ilva di Taranto aiuta la Chiesa del quartiere Tamburi "Gesù Divin Lavoratore": perché?

Lettera al giornale "Taranto Sera" sull'aiuto, da parte di chi inquina, alla Chiesa locale: "Mi sento molto amareggiata e offesa. Non posso credere che la nostra dignità valga così poco e che Taranto rinunci a pretendere investimenti a tutela dell’ambiente", scrive Rosanna Martini

I Tamburi e l’inquinamento
giovedì 7 maggio 2009
Taranto Sera

Mons. Benigno Papa, Arcivescovo di Taranto


Caro Direttore,
le scrivo a proposito della ristrutturazione della chiesa del Gesù Divin Lavorate al quartiere Tamburi. Mi sento molto amareggiata e offesa per il modo in cui vanno le cose dalle nostre parti. Tamburi, per i pochi che ancora non lo sapessero, rappresenta uno dei quartieri più avvelenati d’Europa, un quartiere dove si concentrano i veleni del siderurgico ed altre industrie pesanti. Dovremmo mobilitarci in massa affiancati dalle istituzioni per rompere gli schemi perversi che soffocano la città e invece, accettiamo e ringraziamo per l’offerta di un imprenditore dal quale ben altro e maggiore impegno dovremmo pretendere. Eccoci allora genuflessi a ringraziare il cielo per la misericordia e per la grazia ricevuta. Mi si gela il sangue pensando alla memoria offesa dei migliaia di tarantini morti a causa dell’inquinamento e penso a quanti ringraziando il patron Riva saranno corsi poi a casa ad accudire gli ammalati con cui abbiamo imparato a fare i conti. Non posso credere che la nostra dignità valga così poco e che Taranto rinunci a pretendere investimenti a tutela dell’ambiente da utilizzare per ammodernare i vecchi impianti obsoleti per difendere il nostro futuro in nome di uno stipendio sicuro (sì,ma fino a quando?) e di una chiesa tirata a lucido.

Rosanna Martini
Taranto

Note: Questa è la risposta di Taranto Sera.

Cara lettrice, nella città in cui “uno come la fa la sbaglia”, ci sta anche questa. E tuttavia, pur rispettando la sua opinione, e ci mancherebbe, bisogna fare una distinzione. Un conto è quando l’Arcivescovado chiede al siderurgico la ristrutturazione di una chiesa (e che altro potrebbe chiedere). Un altro conto, quando il sindaco di Taranto, tra le milioni di cose che potrebbe chiedere, si accontenta delle fontanelle al cimitero e di un po’ di brecciolina per tappare qualche buca nelle martoriate vie della città. Amen.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)