Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Anno scolastico 2008-9

"Ho paura di rischiare il mio futuro ma a mia mamma non gliene importa molto"

I miei studenti sono stati ovviamente coinvolti in attività di educazione e informazione ambientale. Questa è una serie di pensieri, racconti e riflessioni sull'inquinamento a Taranto, prendendo spunto dal dialogo educativo con i loro genitori e dal servizio giornalistico di Fiamma Tinelli e Pigi Cipelli sull'inquinamento a Taranto, pubblicato sul settimanale “Oggi”. Ne esce uno spaccato molto vario della società e della mentalità nella città più inquinata d'Italia.
16 luglio 2009

Studenti

Io ho discusso molte volte con la famiglia di questa situazione che c'è a Taranto. I miei genitori mi ripetono sempre: “Se la gente di Taranto pensasse di più ai problemi generali e non solo ai propri, tutto sarebbe diverso”. Io parlo ai miei genitori della diossina perché veniamo sempre informati dal nostro professore di Lettere, che è anche presidente dell'Associazione PeaceLink e che da tre anni sta lottando per noi tutti, specialmente per i giovani, allo scopo di far abbassare le emissioni nell'aria.
Grazie al professore io ho aperto gli occhi e ho visto che Taranto sta morendo di giorno in giorno per le emissioni di diossina. Secondo me la scuola dovrebbe fare come fa il nostro professore di Lettere che ci parla di questi problemi e ci spiega le cose e poi ce le fa commentare sia oralmente che per iscritto.
Per cambiare questo stato di cose occorrerebbe mettere un apparecchio che fa abbassare la diossina. E' un filtro che è stato usato in tutt'Europa, solo a Taranto no. Forse non se ne parla tanto, proprio perché la gente è ignorante. Le scuole dovrebbero organizzarsi e mettere professori e studenti al corrente di tutto ciò. Dovrebbero mettersi contro l'Ilva per far abbassare la diossina.
Alla giornalista Fiamma Tinelli vorrei dire “grazie” perché ha pubblicato sul settimanale “Oggi” un articolo sulle condizioni squallide di Taranto. “Grazie” anche al fotografo Pigi Cipelli perché ha scattato delle foto molto belle e significative.
Benito

A Taranto il problema dell'inquinamento è ormai molto diffuso. Io personalmente ci penso sempre e ho paura di rischiare il mio futuro. Per questo ho provato a parlarne con mia madre e mi è molto dispiaciuto che a lei questo problema non importi molto. Al contrario parlo molto con i mieie amici e immagino sempre che appena saremo abbastanza grandi ce ne andremo da Taranto. Ricominceremo una nuova vita in un posto bello e pulito.
Giovanni

Io con i miei genitori non ho mai discusso di questo problema. Perché pure che ne parliamo alla fine non concludiamo mai niente. E quindi di questo problema nella nostra famiglia non ne parliamo perché è fiato sprecato. Per me i cittadini di Taranto non se ne fregano proprio niente. Perché se si interessavano questo problema esisteva ma la diossina sarebbe stata molto minore di quanta ne abbiamo oggi.
Nicola

Nell'articolo di “Oggi” mi hanno colpito molto le foto. Ci ho trovato non solo il professore ma anche mio zio. Non sapevo che fosse così pericoloso vivere ai Tamburi. L'articolo di Fiamma Tinelli mi sembra scritto molto bene. E' piacevole da leggere ed è molto semplice da comprendere. Secondo me contano le foto con le didascalie perché basta vederle per capire che cosa sta succedendo a Taranto. I cittadini di Taranto non sono sensibili al problema. Loro non conoscono la gravissima situazione che c'è. In poche parole sono degli ignoranti. Per quanto riguarda i ragazzi è la scuola che sta aprendo gli occhi. La scuola potrebbe fare moltissimo per i ragazzi che hanno una vita davanti. Con i miei genitori non parlo quasi mai. Ne parlo un po' di più con i miei amici. A Fiamma Tinelli e a Pigi Cipelli vorrei fare un ringraziamento speciale per tutto quello che hanno fatto. Li ringrazio anche per aver fotografato mio zio e il mio professore. Per cambiare questo stato di cose è necessario unite tutte le forze e combattere tutti insieme.
Giuseppe

Il professore è un grande ambientalista perché non gli piace avere a città e la terra sporca e cerca di coinvolgere persone ad aiutarlo. Ci sta riuscendo anche perché a Taranto l'Ilva, con la sua diossina, sta provocando molti danni.
Antonio

Il prof. Marescotti è presidente di un'associazione chiamata PeaceLink che vuole aiutare il mondo per il futuro degli altri e anche per il suo. Il prof è molto portato per le tecnologie, sa usare molto bene il computer, il cellulare, ecc. Il prof è molto bravo, ci aiuta, ci ha dato un libro da leggere per imparare meglio la lingua. Mi piace stare in questa scuola e questa è la più bella esperienza scolastica che ho fatto.
Raffaello

Note: L'inchiesta su Taranto di Fiamma Tinelli e Pigi Cipelli a cui si riferiscono gli studenti (Oggi 14/1/2009) è visionabile su
http://www.peacelink.it/ecologia/a/28328.htm
http://comitatopertaranto.blogspot.com/2009/01/oggi-taranto.html

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)