Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Lettera a CGIL, CISL e UIL

Arsenico e lavoratori di Taranto

3 agosto 2009
Biagio De Marzo

Ai Segretari dei Sindacati CGIL, CISL, UIL (di regione Puglia e provincia di Taranto e delle categorie metalmeccanici e petrolchimici di Taranto).

Egregi Signori,
forse avete appreso dalla stampa locale del 1.8.09 che l'associazione PeaceLink ha inoltrato al Sindaco di Taranto dr. Ippazio Stefàno la lettera aperta dal titolo "Quanto arsenico nelle urine dei tarantini?"
Il tema è molto importante per la salute di tutti e riguarda i cittadini di Taranto ma, a nostro parere, anche tutti i lavoratori che operano nell’area industriale di Taranto e che sono persone che, anche se non tarantine, rientrano sotto l' “ombrello di protezione sanitaria istituzionale" del Sindaco di Taranto.
Riteniamo opportuno che Voi, per le responsabilità che avete e per le autonome azioni che riterrete di dover compiere, conosciate la suddetta lettera aperta nella sua integrità. Vi inoltriamo quindi la e-mail che abbiamo inviato al Sindaco di Taranto.
Anche nei Vostri confronti vale la disponibilità di Alessandro Marescotti e mia per qualsiasi approfondimento o integrazione.

Con viva cordialità.

Biagio De Marzo
Portavoce del nodo di Taranto di PeaceLink.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)