Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Appello al Presidente della Provincia di Taranto Gianni Florido

La partita ambientale si vince con buone istituzioni e forti movimenti

Il dirigente del settore ecologia della Provincia di Taranto, Luigi Romandini, è stato trasferito ad altro incarico. Aveva lavorato male o aveva lavorato bene?
5 ottobre 2009
Alessandro Marescotti (presidente di PeaceLink )

Il dirigente del settore ecologia della Provincia di Taranto, Luigi Romandini, è stato trasferito ad altro incarico. Bene ha fatto il direttore del Corriere del Giorno a sollecitare l’attenzione dei lettori su quanto accaduto, invitando in particolar modo le associazioni ambientaliste a interrogarsi sulla vicenda.
Inquinamento a Taranto


Sinceramente sono rimasto stupito dello spostamento di Romandini. Ma non conoscevo la vicenda nei suoi dettagli, su cui invece il direttore Antonio Biella si è soffermato. Per tale ragione mi sono astenuto dal commentare.

Poche sono le volte in cui ho avuto l’occasione di parlare con Romandini, ma in quelle circostanze mi ha dato l’impressione di una persona garbata e di cultura.

La prima volta che lo vidi, nel convegno dell’Arpa “Taranto sotto la lente”, venne di proposito a darmi il suo numero di cellulare. Colsi in quel gesto un dettaglio che parla da sé.

Lo scorso 29 novembre a Taranto me lo ritrovai accanto nella “manifestazione dei ventimila” di Altamarea contro l’inquinamento. Luigi Romandini era lì che sfilava con noi. Durante il percorso mi elencò tutte le difficoltà amministrative della sua difficile “partita a scacchi” contro gli inquinatori. Era nel corteo assieme alla moglie, persona di cui ho apprezzato garbo e sensibilità, a reclamare aria pulita e salute. Fu in quel preciso momento che mi chiesi: al nostro fianco avremmo potuto avere… “l’Alleato”? Esattamente come ha scritto il direttore Antonio Biella. Riflettiamoci su: avere l’Alleato nelle istituzioni. Qualcuno già storce il naso: no, le istituzioni devono stare al di sopra delle parti! Ma scusate… le istituzioni non potrebbero stare una volta tanto dalla parte dei cittadini? La legge non dovrebbe essere la stessa “volontà sovrana” dei cittadini? E le istituzioni non dovrebbero essere il loro braccio operativo? Ecco dunque che l’Alleato nelle istituzioni non mi sembrò (e non mi sembra) una violazione della legge ma la sua conseguente attuazione. Anzi, c’è di più. In questi anni abbiamo sperimentato che, se il movimento dei cittadini trova una sponda leale nelle istituzioni, la partita è quasi vinta in partenza. Ci pensate? Buone istituzioni che ci crossano buoni palloni per andare a rete! Solo i magistrati devono fare gli arbitri imparziali, ma le istituzioni no: devono stare con noi e fare squadra.

E ne abbiamo bisogno perché stiamo giocando i “tempi supplementari” di una massacrante partita ambientale. Abbiamo l’ambizione di vincerla questa stramaledetta partita. Non vogliamo solo partecipare e fare “bel gioco”. Vogliamo anche vincere e portare a casa un buon risultato.

Il Presidente della Provincia di Taranto Gianni Florido in varie occasioni ha dato prova di voler dialogare con noi cittadini e di saperne ascoltare le ragioni.

E’ per questa semplice ragione che mi rivolgo con grande rispetto e ragionevole fiducia al Presidente Florido.

Presidente… rimetta in campo Luigi Romandini, grazie. Vogliamo vincere. Dobbiamo vincere assieme.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)