Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa di Gregorio Mariggiò - Componente Consiglio di Presidenza Federazione Nazionale dei Verdi.

Taranto paga la colpevole inerzia del Ministro dell'Ambiente Prestigiacomo

10 novembre 2009

Una nube di fumo nero
Il faticoso cammino, della direttiva che disciplina la prevenzione e la riduzione dell'inquinamento del settore manifatturiero italiano, registra, ancora una volta, una nuova puntata.

Il TAR del Lazio, con sentenza n°10598/2009 del 21 maggio 2009 e depositata in segreteria il 30 ottobre 2009, ha dichiarato illegittima, la frettolosa destituzione del Ministro Prestigiacomo, dei componenti delle Commissioni IPPC e VIA ed ha chiesto il reintegro dei commissari entro 45 giorni.

Dopo la sentenza, cosa accade?

Puntualmente i nodi vengono al pettine.
Taranto paga la colpevole inerzia del Ministro dell'Ambiente Prestigiacomo

Risulta di pubblico dominio e dai registri INES ed EPER che a Taranto l'industria manifatturiera immette in atmosfera il 95% degli IPA prodotti da tutto il settore industriale italiano (idrocarburi policiclici aromatici), il 57% di mercurio, rilevanti quantitativi di cadmio, cromo e più del 90% di diossine e furani.
E' inoltre certificata l' incidenza di malattie gravi superiore di un terzo alla media nazionale.

Lo strumento che consente di ridurre le emissioni di inquinanti è l'Autorizzazione Integrata Ambientale.

Nell'aprile del 2008 fu sottoscritto un Accordo di Programma con il quale entro 300 giorni sarebbero state concesse le AIA statali, alle industrie tarantine. Questa grave e certificata situazione, avrebbe dovuto indurre il Ministro e il suo Gabinetto ad accelerare la procedura per le Aia.

Riscontriamo invece che sono in procedura di Aia 157 istruttorie e l'ordine di istruttoria è per Taranto spaventoso: Al 13° posto la Raffineria Eni, al 96° posto la Centrale Termoelettrica Edison, 118° posto Centrale Enipower, 119 posizione per la Centrale Enipower a ciclo combinato.
Ma, il dato più preoccupante, sempre nell'ordine d'istruttoria, è quello dell'Ilva: il 113° posto. Facendo un po' i conti, al ritmo di 26 Aia all'anno, Ilva avrà l'Aia tra 5 anni!!!

La dichiarazione di illegittimità del provvedimento da parte del Tar rende nulli eventuali atti che la Commissione insediata dal Ministro dovesse prendere e Taranto, già al 113 posto con Ilva, rinvia il miglioramento della situazione ambientale ad un tempo indefinito.
Nell'agosto del 2008 noi Verdi di Puglia avvertimmo il bisogno di convocare una conferenza-stampa per denunciare il grave passo indietro, per la salvaguardia ambientale, del Ministro all'Ambiente Prestigiacomo che in poco tempo azzerò la commissione IPPC, istituita dal suo predecessore, Pecoraro Scanio, con una motivazione abbastanza discutibile: non aveva concesso nessuna
autorizzazione.
La Commissione insediata nell'ottobre 2007, aveva invece concluso 78 istruttorie e a settembre 2008 ne avrebbe rilasciato 70.

Quanto tempo dovrà ancora trascorrere, affinché le industrie tarantine, oggetto di Aia e dell'Accordo di Programma tra Ministero dell'Ambiente, Regione Puglia, dovranno applicare le migliori tecnologie disponibili per contenere le emissioni di notevoli quantità di inquinanti?

L'unico atto prodotto dal Ministro Prestigiacomo è stato quello di impugnare la legge regionale pugliese sulle diossine che, nella sua autonomia e sovranità il Consiglio Regionale ha prodotto.
Tutto ciò è molto grave e la denuncia dei Verdi continuerà fino ad ottenere la
realizzazione di tutti quegli obiettivi caratterizzati da un denominatore comune: il rispetto delle norme europee e italiane e l'abbattimento esponenziale dell'inquinamento per la salvaguardia della qualità della vita come diritto indiscusso di ciascun individuo.

Gregorio Mariggiò - Componente Consiglio di Presidenza
Federazione Nazionale dei Verdi.

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)