Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Riunione del Comitato Regione, Provincia e Comune

Controlli Arpa- Asl arriva il via libera al supercentro

Monitorerà aria, rifiuti e salute
23 febbraio 2010
Fulvio Colucci
Fonte: Gazzetta di Taranto

Nasce il supercentro per i controlli ambientali che unirà , a Taranto, le forze di Arpa e Asl. Il via libera è arrivato ieri durante i lavori del comitato operativo Regione-Arpa, al quale hanno partecipato la Asl, le Provincie ed i Comuni e l'Anci (associazione nazionale comuni d'Italia).

Il progetto, finanziato interamente dalla Regione Puglia, prevede la nascita, all'ospedale "Testa", di tre centri dedicati al controllo della qualità dell'aria, ai rifiuti (un laboratorio) e ai monitoraggi su ambiente e salute. Trova così realizzazione l'idea lungamente "caldeggiata" dal Direttore Generale dell'Arpa Giorgio Assennato.
Per mettere in piedi il supercentro la Regione ha stanzione due milioni di euro. Ora toccherà all'agenzia per la protezione dell'ambiente formalizzare la delibera necessaria a rendere operativa la struttura.I due centri,qualità dell'aria e analisi dei microinquinanti come la diossina, e il laboratorio rifiuti sono ispirati dalla necessità di far fronte al complicato contesto ambientale tarantino unendo le forze degli enti che contrastano l'inquinamento. Direttore Generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato

Positivi i commenti: dal Direttore Generale dell'Arpa Giorgio Assennato al Sindaco di Taranto Ezio Stefàno. Quest'ultimo intervenendo durante i lavori del comitato, ha addirittura espresso la volontà dell'amministrazione civica di "contribuire al potenziamento della struttura destinando risorse del Comune ai progetti di studio contro il degrado ambientale. Per noi - ha aggiunto Stefàno - questi centri rappresenteranno una risorsa e a garantirne l'efficienza che l'autonomia dell'Arpa e l'impegno delle istituzioni , Asl compresa. La struttura dell'ospedale "Testa" permetterà agli organismi scientifici di essere più vicini alla gente".

"Ogni aiuto è ben accetto - ha dichiarato Assennato - perchè consentirà il rafforzamento dell'attività scientifica di contrasto all'inquinamento".
Assennato è convinto che servano però anche più risorse umane: "Vero,ma ci auguriamo che possa essere presto approvato dalla Regione un piano per le nuove assunzioni".

Il tema porti dritti alla campagna elettorale e alle incognite sul futuro.Cosa succederebbe se dovesse cambiare colore politico la Regione Puglia? Assennato non si è perso d'animo: " L'ambiente, quindi la salute dei cittadini, sono argomenti talmente importanti che dovrebbero stare a cuore a tutti senza distinzioni politiche e partitiche". E' evidente che ieri a Bari, la prossima scadenza elettorale era un pò il convitato di pietra perchè il Sindaco Stefàno ha voluto sottolineare come "l'Arpa deve essere professionalmente autonoma. L'ho detto e lo ripeto: rigore scientifico e rapporto con i cittadini".

Altro che spoil system

Articoli correlati

  • "Si investano nella transizione ecologica i soldi per il riarmo"
    Ecologia
    Quale futuro per il polo siderurgico di Taranto?

    "Si investano nella transizione ecologica i soldi per il riarmo"

    Ex Ilva: Marescotti (PeaceLink) su nomina commissario straordinario, “non riuscirà a rianimare un’acciaieria che è in coma profondo”. Ha un debito di 3 miliardi e 100 milioni.
    21 febbraio 2024 - Marco Calvarese
  • Taranto verso la manifestazione del 23 aprile: "Un futuro senza inquinamento ILVA"
    Taranto Sociale
    I cui dettagli saranno forniti nel corso degli prossimi giorni

    Taranto verso la manifestazione del 23 aprile: "Un futuro senza inquinamento ILVA"

    Scenderemo in piazza per affermare che l’unico futuro per Taranto e la Provincia è senza acciaieria. Per trovare insieme la forza di lasciare alle spalle il dolore del passato, per creare tutti insieme un futuro sostenibile.
    17 febbraio 2024 - Associazioni riunite
  • Relazione sull'ILVA
    Ecologia
    Slides proiettate da Alessandro Marescotti al Senato della Repubblica del 13 febbraio 2024

    Relazione sull'ILVA

    La crisi ILVA ha radici nel suo gigantismo. Per andare in equilibrio deve aumentare i quantitativi provocando maggiori emissioni e un maggiore impatto sanitario. Oggi ILVA non è strategica ma è superflua per via della sovracapacità produttiva di acciaio nel mondo. I dati più recenti del benzene
    13 febbraio 2024 - Redazione PeaceLink
  • "Nel Decreto ILVA nessun riferimento alla salute"
    Ecologia
    Legambiente e PeaceLink in audizione al Senato

    "Nel Decreto ILVA nessun riferimento alla salute"

    Per PeaceLink lo stabilimento è in pesante perdita e non ha più ragione di continuare: occorre definire un ecoprogetto di reimpiego dei lavoratori. Legambiente punta sulla decarbonizzazione. Entrambe le associazioni evidenziano l'aumento del benzene nonostante il calo della produzione.
    6 febbraio 2024 - Agenzia Stampa Public Policy
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)