Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

La campagna, sette agenzie

Raduno delle Arpa si vigila sul Pm10

Sono da ieri a Taranto i rappresentanti di 7 Arpa col compito di misurare l'inquinamento provocato dal Pm10, ovvero le cosiddette polveri sottili
Fonte: Gazzetta di Taranto - 03 marzo 2010

Sono da ieri a Taranto i rappresentanti di 7 Arpa, Agenzie regionali di protezione ambientale, di altrettante regioni d'Italia centrale e meridionale. E' la prima volta che una realtà del Sud ospita un incontro del genere, spiega alla "Gazzetta" il direttore generale di Arpa Puglia, considerato che sinora un'iniziativa analoga c'è stata qualche tempo fa a Verona ed ha radunato le Arpa del Settentrione. molo s.eligio

La mission che verrà affidata alle sette Arpa che si sono ritrovate a Taranto è quella di misurare l'inquinamento provocato dal Pm10, ovvero le cosiddette polveri sottili. I mezzi delle Agenzie regionali ieri pomeriggio erano all'interno dell'area portuale, proprio davanti al porto, e a mezzanotte di ieri hanno cominciato la loro campagna di monitoraggio che si concluderà alle 12 del 22 Marzo.

Ciascuna Arpa coinvolta nell'iniziativa monitorerà il livello e l'andamento del Pm10 giorno per giorno e alla fine i risultati saranno confrontati con quelli ricavati dall'Ispra. Anche quest'ultimo istituto infatti è coinvolto nel progetto che da ieri notte ha preso il via da Taranto. La stazione mobile dell'Ispra, il quale sua volta è certificato sul piano internazionale, funge da riferimento-verità nel senso che i valori che riscontreranno le singole stazioni mobili Arpa dovranno poi confrontarsi e misurarsi con quelli che ha ricavato l'Ispra durante la fase di campionamento.

Il Pm10 è uno degli inquinanti che affliggono le città e anche Taranto, ovviamente, non ne è affatto esente. Il Pm10 - le polveri sottili che proprio per questo sono anche le più insidiose nei confronti della salute - non è però provocato solo dalle concentrazioni industriali ma anche dall'intensità del traffico. Può infatti accadere, ed è accaduto anche a Taranto, che aree urbane più distanti dall'industria siano anche quelle dove i valori di Pm10 risultano più elevati. Da rilevare che proprio la pericolosità derivata dal superamento delle soglie di rischio del pm10 ha spinto alcune amministrazioni comunali, ed è il caso del Nord Italia, ad adottare misure severe come , per esempio, il blocco anche per alcune ore della circolazione automobilistica.

A Taranto non si è arrivati a tanto. Non di meno questo significa che i valori di pm10 non vadano tenuti costantemente sotto controllo anche se, come più volte richiamato da Assennato, le emergenze ambientali di Taranto sono altre a partire dal benzoapirene.

Articoli correlati

  • Cittadini per l'aria: le nuove guide OMS
    Consumo Critico
    Linee guida OMS, qualità aria

    Cittadini per l'aria: le nuove guide OMS

    Intervista ad Anna Gerometta, presidente dell'associazione Cittadini per l'Aria sulle nuove linee guida dell’OMS che sulla qualità dell'aria che suggeriscono limiti più stringenti.
    30 settembre 2021 - Linda Maggiori
  • Inquinamento e cirrosi epatica
    Ecodidattica
    La cirrosi risulta associata all'esposizione a lungo termine a PM10, PM2,5, PM grossolano e NO2

    Inquinamento e cirrosi epatica

    Uno studio di coorte sull'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico e sull'incidenza della cirrosi epatica, realizzato da Riccardo Orioli, Angelo Solimini, Paola Michelozzi, Francesco Forastiere, Marina Davoli e Giulia Cesaroni.
    Redazione Ecodidattica
  • L'ILVA produce di meno ma inquina di più nel 2020
    Ecologia
    Comunicato stampa: "Benzene + 128%"

    L'ILVA produce di meno ma inquina di più nel 2020

    PeaceLink invita il Sindaco di Taranto, il Presidente della Provincia e il Presidente della Regione a inviare alla Commissione Europea e alla CEDU (Corte Europea dei Diritti dell'Uomo) tutta la documentazione per sottolineare l'incompatibilità con la salute pubblica dell'area a caldo dell'ILVA.
    7 dicembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • ArcelorMittal: Peacelink, aggravato impatto ambientale 
    Taranto Sociale
    “L'Ilva produce di meno ma inquina di più”

    ArcelorMittal: Peacelink, aggravato impatto ambientale 

    Lo afferma, a proposito di ArcelorMittal, siderurgico di Taranto, l’associazione ambientalista Peacelink che, citando i dati delle centraline pubbliche di rilevazione dell’aria, parla di “+128% di benzene nel 2020 rispetto al 2019 nel quartiere Tamburi di Taranto”,  il rione vicino all’acciaieria.
    7 dicembre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)