Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Oggi a Taranto

Presentato rapporto ILVA sull'ambiente. PeaceLink: "I malati di cancro non sanno che farsene"‏

Il Rapporto Ambiente e Sicurezza viene lanciato a pochi giorni dall’avvio dell’incidente probatorio nell’ambito del procedimento penale n. 4868/10 RGNR della Procura di Taranto nei confronti di Emilio Riva, Nicola Riva ew altri tre dirigenti Ilva, indagati in relazione alle ipotesi di reato di disastro doloso (art. 434 codice penale) e omissione dolosa di cautele (437 codice penale).
23 novembre 2010
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink e membro di Altamarea)

L'Ilva ha oggi presentato il suo Rapporto Ambiente e Sicurezza. Il secondo dopo quello dell'anno scorso.

Vi diciamo cosa rappresenta questo rapporto dal nostro punto di vista.

- Il Rapporto Ambiente e Sicurezza dell’ILVA costa quanto il campionatore continuo della diossina che l’azienda non vuole installare, venendo meno a un obbligo di legge.

- Il Rapporto Ambiente e Sicurezza viene presentato mentre in parallelo l’azienda non collabora con l’Arpa per la monitoraggio diagnostico degli idrocarburi policiclici aromatici, negandosi ai controlli interni con tecnologie ad alta risoluzione temporale che potrebbero verificare in tempo reale le emissioni di questi pericolosi cancerogeni.

- Il Rapporto Ambiente e Sicurezza arriva poche settimane dopo il “provvedienziale” decreto legislativo 155/2010, del governo già definito “salva-Ilva” perché sospende fino al 2013 il “tetto” per il benzo(a)pirene cancerogeno sistematicamente sforato nel quartiere Tamburi e che doveva essere rispettato fin dal 1999.

- Il Rapporto Ambiente e Sicurezza viene lanciato a pochi giorni dall’avvio dell’incidente probatorio nell’ambito del procedimento penale n. 4868/10 RGNR della Procura di Taranto nei confronti di Emilio Riva, Nicola Riva, Luigi Capogrosso, Ivan Dimaggio e Angelo Cavallo, indagati in relazione alle ipotesi di reato di disastro doloso (art. 434 codice penale) e omissione dolosa di cautele (437 codice penale). Inoltre sono stati ipotizzati i reati di “danneggiamento aggravato di beni pubblici”, “getto e sversamento di sostanze pericolose” e “inquinamento atmosferico”.

Il “rapporto ambientale” dell’Ilva oggi è questo.

L'immagine dell'Ilva è danneggiata dalle sue stesse emissioni e omissioni.

I polmoni dei cittadini di Taranto conoscono il "Rapporto Ambiente" dell'Ilva per consumata e quotidiana esperienza.

Se l’Ilva avesse voluto compiere una vera operazione trasparenza lo avrebbe fatto con quelle tecnologie di controllo che le vengono richieste dall'Arpa e che non intende installare né per la diossina né per il benzo(a)pirene, entrambi cancerogeni di classe I (massima pericolosità) secondo l'Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro (IARC).

L'Ilva avrebbe potuto farsi un'enorme pubblicità positiva promuovendo seri monitoraggi sotto la pubblica supervisione dei cittadini, oltre che degli enti di controllo.

Ma questo non solo non è stato fatto: l’azienda ha eretto un muro di gomma nei confronti delle richieste di controllo Regione e dell’Arpa. Ne è prova il sistema di campionamento in continuo, previsto dall'articolo 3 della Legge Regionale 44/2008 sulla diossina e mai installato.

La vera "svolta di trasparenza" che i cittadini e le istituzioni attendono è l’istallazione di un sistema complessivo di controllo 24 ore su 24 di tutte le emissioni cancerogene, il cui costo sarebbe di gran lunga inferiore alla campagna pubblicitaria che l’Ilva sta pagando per offrire di sé un’immagine “nuova”.

I cittadini di Taranto e provincia che sono in chemioterapia non sanno che farsene delle campagne di immagine ad uso e consumo dei media.

Urge una forte pressione dei cittadini sulla Commissione Ambiente della Camera dei Deputati perché venga approvata la risoluzione dell'on. Elisabetta Zamparutti che impegna il governo a ripristinare il "tetto" di 1 ng/m3 al benzo(a)pirene, cancerogeno che a Taranto è strettamente correlato alla cokeria Ilva, prima che altre persone si ammalino di cancro. Urge che la diossina, pur ridotta sensibilmente grazie alla pressione dei cittadini e alla legge regionale, rimanga sotto i limiti anche di notte e anche quando i tecnici non salgono a fare i controlli, anche quando i cittadini guardano preoccupati il pennacchio di fumo che esce dal camino E312.

Urge - come ha dichiarato il Presidente Nichi Vendola ai microfoni delle Iene - una verifica continua della diossina. E' una verifica che attualmente manca e che rende incerti e non certificabili "in continuo" i passi in avanti compiuti dopo la legge regionale antidiossina.

Urge che i bambini di Taranto possano guardare il futuro con occhi fiduciosi. Oggi invece i loro genitori osservano preoccupati le nubi notturne che salgono dallo stabilimento Ilva e incombono sulla città.

Articoli correlati

  • Cadde in un carro siluro dell'Italsider
    Laboratorio di scrittura
    L'operaio si liquefece nella ghisa incandescente

    Cadde in un carro siluro dell'Italsider

    Nella cassa i compagni di lavoro e i familiari non sapevano cosa metterci. E alla fine ci collocarono una lastra di ghisa di settanta chili. Erano i tempi della siderurgia di Stato e a Taranto accadeva che si celebrasse un funerale senza il morto.
    29 settembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Nuova ordinanza sindacale sui Wind Days a Taranto
    Taranto Sociale
    Quartiere Tamburi

    Nuova ordinanza sindacale sui Wind Days a Taranto

    Quanto richiesto da PeaceLink nel Position Paper sui Wind Days non sembra essere stato recepito nell'ordinanza. Il Position Paper documentava che vi fosse ancora un rischio sanitario elevato tale da motivare specifiche indicazioni comportamentali nei confronti della popolazione
    10 settembre 2022 - Associazione PeaceLink
  • "Taranto zona di sacrificio", il maxi-manifesto dei Genitori Tarantini
    Taranto Sociale
    Conferenza stampa

    "Taranto zona di sacrificio", il maxi-manifesto dei Genitori Tarantini

    Le dure parole dell'ONU su Taranto: "Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità. L'Ilva di Taranto compromette la salute delle persone e viola i diritti umani scaricando enormi volumi di inquinamento atmosferico tossico".
    29 agosto 2022 - Alessandro Marescotti
  • Ben 270 anni di carcere: la sentenza della Corte d'Assise per il processo ILVA
    Processo Ilva
    La condanna in primo grado del 31 maggio 2021

    Ben 270 anni di carcere: la sentenza della Corte d'Assise per il processo ILVA

    La Corte d'Assise, presieduta da Stefania D'Errico, ha inflitto 21 anni e 6 mesi all'ex responsabile delle relazioni istituzionali, Girolamo Archinà, 21 anni all'ex direttore dello stabilimento di Taranto, Luigi Capogrosso. Condannato anche l'ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola
    Valentina Errante
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)