Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

La Finanza a Taranto

Mar Piccolo, sequestrate 10 tonnellate di cozze destinate al mercato abusivo

I finanzieri erano impegnati a pattugliare le coste tarantine dopo l'allarme diossina. Mitili già distrutti
20 gennaio 2011
Redazione online
Fonte: Corriere del Mezzogiorno - 20 gennaio 2011

Oltre 10 tonnellate di mitili, pronti per essere immessi nel mercato illegale, sono state sequestrate dai militari della guardia di finanza che hanno sottoposto a sequestro un campo di cozze abusivo delle dimensioni similari a quello di un campo di calcio, individuato nel Mar Piccolo. Le Unità navali della Guardia di Finanza, durante attività di pattugliamento delle coste tarantine, hanno individuato alla base dei piloni del Ponte Punta Penna alcune cime affioranti, che hanno insospettito i militari. Per accertare lo scopo della presenza in mare delle cime, tra l’altro non palesemente visibili e pertanto pericolose per la sicurezza della navigazione, i sommozzatori del Corpo presenti a bordo hanno eseguito una ispezione, rilevando la presenza di un campo di cozze realizzato abusivamente su un’area demaniale posta nelle immediate vicinanze di un’area di interesse militare già preclusa ad eventuali concessioni demaniali.

LA DISTRUZIONE - Il prodotto ittico, complessivamente 10.500 chilogrammi è stato distrutto. Oltre 10 tonnellate di mitili, pronti per essere immessi nel mercato illegale, sono state sequestrate dai militari della Guardia di finanza che hanno sottoposto a sequestro un campo di cozze abusivo delle dimensioni similari a quello di un campo di calcio, individuato nel Mar Piccolo. Le Unità navali della Guardia di Finanza, durante attività di pattugliamento delle coste tarantine, hanno individuato alla base dei piloni del Ponte Punta Penna alcune cime affioranti, che hanno insospettito i militari. Per accertare lo scopo della presenza in mare delle cime, tra l’altro non palesemente visibili e pertanto pericolose per la sicurezza della navigazione, i sommozzatori del Corpo presenti a bordo hanno eseguito una ispezione, rilevando la presenza di un campo di cozze realizzato abusivamente su un’area demaniale posta nelle immediate vicinanze di un’area di interesse militare già preclusa ad eventuali concessioni demaniali. Il prodotto ittico, complessivamente 10500 Kg., è stato distrutto. Sono in corso indagini per identificare le persone che hanno realizzato il campo mitili.  Cozze tarantine

Le cozze oggetto del sequestro, se fossero state immesse nel mercato per la vendita, avrebbero alterato - secondo gli investigatori - gli elementi costituenti la libera e leale concorrenza tra gli operatori del settore, in quanto avrebbero certamente intrapreso la strada del commercio in nero, con evidente risparmio nella produzione a danno di coloro che intendono rispettare le disposizioni vigenti. In aggiunta, i molluschi sarebbero stati immessi sul mercato per la vendita al dettaglio senza passare da un centro di spedizione in violazione alla vigente normativa comunitaria che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animaledettaglio senza passare da un centro di spedizione in violazione alla vigente normativa comunitaria che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)