Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Il guascone pasticcione e smemorato e l’orco forzuto ed astuto

Il Sindaco con la sua ordinanza tecnicamente inconsistente e improduttiva di risultati effica fornisce un “assist” al destinatario dell’intimazione, che può interpretare la parte del bravo imprenditore ossequioso dei voleri del sindaco
2 marzo 2012
Biagio De Marzo (Presidente Altamarea)

Il comunicato stampa emesso da Ilva il giorno 1 marzo 2012 è un altro capitolo della sceneggiata in programmazione nel teatro tarantino da oltre quattro anni con protagonisti il sindaco Stefàno e l’Ilva Taranto. I tarantini ormai non si fanno incantare dai giochi di abili registi. Come sono in grado di non abboccare all’amo di fervidi difensori dell’ambiente, siano essi di destra, centro e sinistra, svegliatisi dal lungo sonno al suono delle campane elettorali.  Incendio Ilva di Taranto

“Rispetto all'ordinanza ( NdR: nr. 14 del 25 febbraio 2012) emessa dal sindaco di Taranto Ippazio Stefano, la direzione Ilva di Taranto comunica la propria volontà a procedere con l'ottemperanza di quanto richiesto, pur riservandosi nei prossimi giorni un supplemento di indagine sui profili legali”. E’ questo l’incipit del comunicato Ilva, un capolavoro del “qui lo dico e qui lo nego”. Né il Sindaco Stefàno, né la direzione Ilva ce la danno a bere: l’uno ordina perentoriamente di fare in trenta giorni cose che, se fatte sul serio, richiederebbero anni di tempo e miliardi di euro da investire; l’altra dice che ha “la volontà di procedere con l’ottemperanza di quanto richiesto”, formula scaltra per prendere tempo nei confronti di impegni mai presi in passato.

Insomma, ancora una volta il sindaco guascone, smemorato e pasticcione, spara a salve contro l’orco forzuto ed astuto. La sua guasconata, che è anche elettoralistica, nasce dalla grande paura indottagli dalla lettera del Procuratore della Repubblica di Taranto che, con argomentazioni pacate ma fermissime, ha chiesto alle Istituzioni locali di fargli sapere cosa hanno fatto o intendono fare in termini di prevenzione per evitare i danni alla salute dei cittadini derivanti dall’inquinamento.

Il Sindaco, con la sua ordinanza tecnicamente inconsistente e improduttiva di risultati efficaci e giudiziariamente fallace come le precedenti ordinanze sul berillio e sul benzo(a)pirene, fornisce un “assist” al destinatario dell’intimazione, che può interpretare la parte del bravo imprenditore ossequioso dei voleri del sindaco.

Oltre che “guascone e pasticcione” il nostro sindaco è anche “smemorato”: non si ricorda di avere firmato il 29 gennaio 2009, insieme al suo collega di Statte e a 15 associazioni ambientaliste una lettera al Ministero dell’ambiente di 5 pagine zeppe di prescrizioni da inserire nell’AIA. A febbraio/luglio 2011, i due sindaci si sono guardati bene dall’ottenere che quelle prescrizioni fossero inserite nell’AIA, pur avendone il potere, checché ne dica l’assessore Romeo difensore dell’indifendibile. Alcune di quelle prescrizioni non inserite nell’AIA sono indicate nell’ordinanza sindacale ma sono diventate semplici “inviti all’azienda” e non secche imposizioni. 

Provvederemo ad inviare quella lettera di gennaio 2009 al Procuratore della Repubblica perché la valuti in un’ottica giudiziaria, “pesando” nel contempo l’attuale ordinanza. La stessa cosa faremo nei confronti del presidente e dei membri della Commissione parlamentare di inchiesta sui rifiuti pericolosi, tutti sconcertati e preoccupati dall’audizione del Procuratore della Repubblica di Taranto. Ci risulta che quei parlamentari abbiano posto l’attenzione sulla discrasia tra le prescrizioni contenute nell’AIA di recente rilasciata all’Ilva e i provvedimenti tecnici “indicati” nella perizia tecnica presentata in sede di incidente probatorio contro Ilva. Se le “indicazioni tecniche” dei periti non sono “sovrapponibili” con le “prescrizioni” dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, per i parlamentari si pone un problema con chi ha rilasciato l’AIA. Il dr. Sebastio, con un pizzico di ironia, nell’audizione in Commissione ha detto solo che l’Ilva ha fatto ricorso al TAR per alcune “prescrizioni” dell’AIA.

E’ auspicabile che il dr. Franco Sebastio inserisca quella lettera nell’incidente probatorio in corso, di modo che tutti i protagonisti sappiano che a Taranto ci sono occhi aperti da tempo e menti e voci pronte a contrastare e denunciare eventuali pressioni sottotraccia, com’è avvenuto a ferragosto 2010 quando è stata “sfilata” dalle norme vigenti quella che avrebbe bloccato le eccessive emissioni di benzo(a)pirene che invece continuano a deliziare i Tarantini..  

 

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Giustizia per Berta, giustizia per i popoli
    Latina
    Honduras

    Giustizia per Berta, giustizia per i popoli

    Continua in Honduras il processo contro David Castillo
    18 maggio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)