Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Sul voto a Taranto

La mia gente e' troppo mafiosa, troppo ignava o troppo rassegnata

Tenetevi il cancro, l'Ilva, la mafia, i vecchi partiti legati al potere, le cozze ormai immangiabili, il turismo ridotto ai minimi termini, le speranze di sviluppo, di vita e di futuro azzerate dal ricatto industriale, tenetevi tutto lo schifo che non riuscite a scrollarvi di dosso
9 maggio 2012

Il figlio del pregiudicato Cito ha preso più voti degli ambientalisti. Sono contento di aver preso la residenza a Bologna, la mia gente e' troppo mafiosa, troppo ignava o troppo rassegnata, io me ne sono andato, tenetevi il cancro, l'Ilva, la mafia, i vecchi partiti legati al potere, le cozze ormai immangiabili, il turismo ridotto ai minimi termini, le speranze di sviluppo, di vita e di futuro azzerate dal ricatto industriale, tenetevi tutto lo schifo che non riuscite a scrollarvi di dosso per incapacita' o connivenza, mi dispiace solo per i miei amici e parenti che devono subire le conseguenze delle vostre scelte irresponsabili e scellerate... se nelle urne a conti fatti il peso politico dell'imbroglio e del familismo amorale del clan Cito sara' paragonabile col peso politico dell'impegno espresso negli ultimi 20 anni da comitati, movimenti, associazioni, ecopacifisti e semplici cittadini, allora non c'e' piu' un popolo per cui lottare, ognuno per se' e buona fortuna a tutti con la lotteria dei tumori. Io pero' non prendero' il biglietto per parteciparvi.

La mia rabbia nasce dalla grande stima che provo per chi ha lottato per questa citta', dal fatto che con Sandro Marescotti ho condiviso a distanza tante amarezze, tante battaglie, la fatica delle denunce penali, degli insulti e delle minacce legali e fisiche che lo hanno raggiunto. Che la citta' risponda a questo impegno con una chiusura reazionaria verso l'erede politico di un pregiudicato per concorso esterno in associazione mafiosa mi sembra profondamente ingiusto, uno schiaffo in faccia all'onesta' e all'impegno civile. E allora se una citta' non da' spazio a chi cerca di difendere il bene comune, non so proprio quali siano le conseguenze da trarre, e la sensazione e' quella di vedere gente che cerca di tappare col sughero i buchi di una diga che crolla, mentre altri se ne approfittano e allargano le fessure col piccone per riempire le proprie taniche d'acqua senza pensare che la catastrofe colpira' anche loro. Io in una situazione cosi' non so che altro fare se non togliermi da sotto la diga.

So bene che ci sara' una Taranto che continuera' a lottare, ma mi chiedo quanto sia giusto che il rimanente 85% della citta' continui a farsi gli affaracci suoi, ragionando in maniera miope e ignorante, mi chiedo quanto l'85% di ignavia meriti quel 15% di gente che ragiona su un futuro diverso. Forse il destino di chi ama Taranto di cuore e' quello di ricevere sempre schiaffi in faccia da questa citta', che gira le spalle a chi vuole salvarla, mentre si vende a chi la tratta come una puttana e la compra senza volerle bene.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)