Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Altamarea è nel procedimento “Riesame AIA di Ilva”

Saremo a fianco della città e dei lavoratori per ottenere garanzie e provvedimenti per tutti coloro che hanno già subito le conseguenze dell’inquinamento di origine industriale passato e presente e per tutti quelli che le subiranno
27 agosto 2012
Biagio De Marzo (Presidente Altamarea)

 

Pecore-Ilva riesame dell’AIA e la presenza di Altamarea 

A marzo 2012, le perizie ordinate dal G.i.p, Todisco “folgorarono sulla via di Damasco” tutti quelli che 8 mesi prima avevano festeggiato il rilascio dell'AIA. Il nuovo ministro tecnico Clini avviò "il riesame" dell'AIA sotto l'incalzare delle reazioni provocate dalla pesantissima audizione del procuratore della Repubblica Sebastio nella commissione bilaterale presieduta dal sen. Pecorella. Altamarea intervenne immediatamente nel procedimento con la lettera aperta del 13 marzo 2012 "Clini ritiri l’AIA di Ilva e Sebastio indaghi su Commissione IPPC", successivamente arricchita di contenuti e proposte. Altamarea, quindi, è nel procedimento del riesame da tempo, com’è testimoniato dal fatto che i nostri documenti sono stati recepiti e pubblicati nello specifico sito ufficiale di Minambiente sulle AIA.

 

La posizione di Altamarea nel riesame dell’AIA

Le richieste preliminari di "ritiro in autotutela dell'AIA" (in qualche documento l'ho definita la vera "pistola alla tempia di Ilva" perchè senza AIA la legge non consente di tenere gli impianti in marcia), della sostituzione dell'intera Commissione IPPC e del Responsabile Unico del Procedimento e dell’inserimento nella nuova AIA almeno dei nostri “10 punti irrinunciabili” sono in tutti i nostri documenti. Alcuni nostri giudizi “politici” ci hanno regalato la "riserva di adire le vie legali per diffamazione e danni all'immagine del Ministero", contenuta in una nota inviataci da Minambiente anch’essa pubblicata sul loro sito. Le recenti intercettazioni pubblicate su conversazioni tra “personaggi Ilva” e “personaggi ministeriali” sembrano dare spessore giurisdizionale ai nostri giudizi “politici”..

Appena abbiamo conosciuto il contenuto dei provvedimenti del G.i.p. Todisco e del Tribunale del Riesame abbiamo deciso che nel procedimento “riesame AIA Ilva” avremmo fatto anche i “cani da guardia” per verificare che tutte le prescrizioni contenute nei provvedimenti giudiziari fossero recepite nella nuova AIA, come ripetutamente affermato dal Ministro Clini e per denunciare subito qualunque “misfatto” contro la città.

 

Il realismo di Altamarea

Un elemento che differenzia Altamarea da altri è che noi abbiamo sempre saputo che la chiusura della sola “area a caldo” avrebbe portato ineluttabilmente, per ragioni tecniche, logistiche ed economiche, alla chiusura dell’intero stabilimento per cui l’unica alternativa possibile per tutelare sul serio la salute dei cittadini e dei lavoratori, l’ambiente e il lavoro non può che essere un “Piano industriale di ridimensionamento, riconversione e diversificazione dell’attuale centro siderurgico”. Su di esso, con un bel po’ di presunzione, mi sono azzardato a dare qualche suggerimento, non proprio campato in aria:produzione di acciaio non da ghisa di altoforno per convertitori LD, ridimensionamento della laminazione, logistica integrata portuale (Ilva ha in concessione sia enormi aree in zona porto sia un pontile attrezzabile subito per l’attracco di portacontainer di ultima generazione), business della rottamazione in campo navale, aereo e automobilistico con riutilizzo dei rottami ferrosi nello stabilimento “convertito”.

In Altamarea ci siamo sempre sforzati di ragionare ed essere rigorosi, coerenti e propositivi per quello che sappiamo e che vogliamo. A questa linea ci siamo attenuti quando abbiamo scritto al Presidente Monti ed abbiamo ripetuto a Minambiete quando abbiamo chiesto con fax e posta elettronica certificata quando e dove discutere delle richieste di Altamarea per la nuova AIA di Ilva, nei termini già resi noti.

Dall’esito del Cda di Ilva di ieri non ci vuole un’aquila per capire che i Riva non affronteranno da soli una partita che implica investimenti per parecchi miliardi di euro. Il problema, quindi, è cosa farà il Governo.

Sappiamo quello che faremo noi: saremo a fianco della città e dei lavoratori per ottenere garanzie e provvedimenti per tutti coloro che hanno già subito le conseguenze dell’inquinamento di origine industriale passato e presente e per tutti quelli che le subiranno.

 


Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)