Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Emissioni inquinanti in Puglia: novità eclatanti da ARPA Puglia

20 dicembre 2012
Giorgio Assennato (Direttore Generale Arpa Puglia)

Il messaggio che i media hanno inteso trarre dalla conferenza organizzativa di ARPA Puglia tenuta ieri a Taranto è una “non-notizia” (“record negativo di emissioni inquinanti in Puglia”) come di seguito dimostrato (punto d).  Foto dispersioni polveri da elettrofiltro Ilva

Le tre informazioni emerse dal convegno, che si riferiscono all’attuale situazione, sono invece: 

a) L’impressionante crollo del PM10 nelle due centraline del quartiere Tamburi (via Machiavelli e via Archimede) a partire dal settembre 2012, che, insieme ai valori di pm10 riscontrati nelle altre

centraline della città, consentono di affermare che nel periodo (settembre-dicembre 2012), rispetto al PM10, Taranto è stata tra le città meno inquinate d’Italia. I valori nel periodo sono stati inferiori

persino a quelli bassi riscontrati nel 2009, quando ci fu un calo fortissimo della produzione di ILVA(allegato 1).

L’improvviso e strepitoso miglioramento dell’inquinamento da PM10 potrebbe essere legato alla diversa gestione dei cumuli dei parchi minerali adottata dai custodi giudiziari di ILVA.

Usiamo il condizionale per la dovuta cautela, dato che i custodi sono dirigenti di questa Agenzia.

b) La conferma delle bassissime concentrazioni di diossine al camino dell’impianto di agglomerazione di ILVA, crollate da 8 ngTEQ/Nm3 nel febbraio 2008 a 0.1-0.2ngTEQ/Nm3 (ottobre 2012);

c) Per la prima volta da quando ARPA Puglia misura il benzo(a)pirene nei filtri PM10 del quartiere

Tamburi, la media mobile annuale è pari 0.85 ng/metrocubo, inferiore all’obiettivo di qualità di

1ng/m3;

d) La “non-notizia” riportata dai media si riferisce al dato ovvio che da sempre caratterizza la regione

Puglia, essendo attive a Brindisi e a Taranto realtà produttive con elevate emissioni di inquinanti.

Occorre peraltro tener presente che la stessa fonte (il Registro europeo delle emissioni E-PRTR)

mostra nell’ultimo periodo (2010) un evidente calo delle emissioni inquinanti in Puglia rispetto al

2007-8. Il 2009 fu un anno anomalo caratterizzato da una drastica riduzione produttiva e

conseguente calo delle emissioni. ( Allegato 2).

Il messaggio che i media hanno inteso trarre dalla conferenza organizzativa di ARPA Puglia tenuta ieri a Taranto è una “non-notizia” (“record negativo di emissioni inquinanti in Puglia”) come di seguito dimostrato (punto d).

Le tre informazioni emerse dal convegno, che si riferiscono all’attuale situazione, sono invece:

a) L’impressionante crollo del PM10 nelle due centraline del quartiere Tamburi (via Machiavelli e via Archimede) a partire dal settembre 2012, che, insieme ai valori di pm10 riscontrati nelle altre

centraline della città, consentono di affermare che nel periodo (settembre-dicembre 2012), rispetto al PM10, Taranto è stata tra le città meno inquinate d’Italia. I valori nel periodo sono stati inferiori

persino a quelli bassi riscontrati nel 2009, quando ci fu un calo fortissimo della produzione di ILVA(allegato 1).

L’improvviso e strepitoso miglioramento dell’inquinamento da PM10 potrebbe essere legato alla diversa gestione dei cumuli dei parchi minerali adottata dai custodi giudiziari di ILVA.

Usiamo il condizionale per la dovuta cautela, dato che i custodi sono dirigenti di questa Agenzia.

b) La conferma delle bassissime concentrazioni di diossine al camino dell’impianto di agglomerazione di ILVA, crollate da 8 ngTEQ/Nm3 nel febbraio 2008 a 0.1-0.2ngTEQ/Nm3 (ottobre 2012);

c) Per la prima volta da quando ARPA Puglia misura il benzo(a)pirene nei filtri PM10 del quartiere

Tamburi, la media mobile annuale è pari 0.85 ng/metrocubo, inferiore all’obiettivo di qualità di

1ng/m3;

d) La “non-notizia” riportata dai media si riferisce al dato ovvio che da sempre caratterizza la regione

Puglia, essendo attive a Brindisi e a Taranto realtà produttive con elevate emissioni di inquinanti.

Occorre peraltro tener presente che la stessa fonte (il Registro europeo delle emissioni E-PRTR)

mostra nell’ultimo periodo (2010) un evidente calo delle emissioni inquinanti in Puglia rispetto al

2007-8. Il 2009 fu un anno anomalo caratterizzato da una drastica riduzione produttiva e

conseguente calo delle emissioni. ( Allegato 2).

Allegati

Articoli correlati

  • Cittadini per l'aria: le nuove guide OMS
    Consumo Critico
    Linee guida OMS, qualità aria

    Cittadini per l'aria: le nuove guide OMS

    Intervista ad Anna Gerometta, presidente dell'associazione Cittadini per l'Aria sulle nuove linee guida dell’OMS che sulla qualità dell'aria che suggeriscono limiti più stringenti.
    30 settembre 2021 - Linda Maggiori
  • Inquinamento e cirrosi epatica
    Ecodidattica
    La cirrosi risulta associata all'esposizione a lungo termine a PM10, PM2,5, PM grossolano e NO2

    Inquinamento e cirrosi epatica

    Uno studio di coorte sull'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico e sull'incidenza della cirrosi epatica, realizzato da Riccardo Orioli, Angelo Solimini, Paola Michelozzi, Francesco Forastiere, Marina Davoli e Giulia Cesaroni.
    Redazione Ecodidattica
  • L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze
    Ecologia
    Il portale pugliese per le segnalazioni degli eventi odorigeni

    L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze

    Come funziona l'attività di monitoraggio alle emissioni odorigene in Puglia? Quello delle puzze è un fenomeno spesso segnalato dai cittadini che vivono vicino alle discariche, agli oleifici e alle fabbriche.
    21 giugno 2021 - Fulvia Gravame
  • L'ILVA produce di meno ma inquina di più nel 2020
    Ecologia
    Comunicato stampa: "Benzene + 128%"

    L'ILVA produce di meno ma inquina di più nel 2020

    PeaceLink invita il Sindaco di Taranto, il Presidente della Provincia e il Presidente della Regione a inviare alla Commissione Europea e alla CEDU (Corte Europea dei Diritti dell'Uomo) tutta la documentazione per sottolineare l'incompatibilità con la salute pubblica dell'area a caldo dell'ILVA.
    7 dicembre 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)