Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Report sit-in al Comune organizzato da Tuttamialacittà. Firmate e consegnate istanze urgenti al Sindaco di Taranto

Venerdì 23 settembre un gruppo di attivisti del percorso partecipativo Tuttamialacittà, ha dato luogo ad un sit-in per la raccolta firme da apporre su un documento recante quattro istanze urgenti all’indirizzo del Sindaco di Taranto. Una delegazione è stata poi ricevuta dallo stesso Sindaco, al quale ha potuto rappresentare e dettagliare quanto richiesto nel documento.
25 settembre 2016
Fulvia Gravame

 

Venerdì 23 settembre un gruppo di attivisti del percorso partecipativo Tuttamialacittà, ha dato luogo ad un sit-in per la raccolta firme da apporre su un documento recante quattro istanze urgenti all’indirizzo del Sindaco di Taranto. Una delegazione è stata poi ricevuta dallo stesso Sindaco, al quale ha potuto rappresentare e dettagliare quanto richiesto nel documento.  Presidio sotto al Municipio organizzato da Tuttamialacittà il 23 settembre 2016
In particolare, nella sua qualità di primo cittadino e massima autorità sanitaria della città, gli è stato chiesto di ritirare la firma del Comune dall’Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata all’Ilva di Taranto, in conseguenza della mancata ottemperanza a numerose, importanti, prescrizioni, così come certificato dall’Ispra, Istituto del Ministero dell’Ambiente, nelle sue recenti visite ispettive.
Si è altresì chiesto di espletare la procedura tecnica e civile in grado di accertare formalmente i responsabili dell’inquinamento dei terreni del quartiere Tamburi dal punto di vista amministrativo, al fine di applicare il principio europeo del “chi inquina paga”. Allo stato attuale le bonifiche eseguite in alcune parti del quartiere sono gravate sulla collettività, oltre ai costi già alti subiti in termini di inquinamento. Si è rappresentata la necessità di istituire un registro in tempo reale della mortalità con indicazione dei luoghi dei decessi, in grado di attestare gli scostamenti dalle medie in occasioni di giornate a maggior tasso di inquinamento e la loro incidenza quartiere per quartiere. Il punto, sollecitato dall’associazione Peacelink, era già stato portato all’attenzione della Giunta e non approvato.
Si è altresì chiesto di verificare presso la Asl se le attuali condizioni di produzione del siderurgico comportino un rischio per la salute dei tarantini. Si è rappresentata l’urgenza di istruire provvedimenti, presso il Governo ed il Ministero dello Sviluppo Economico in particolare, atti a garantire la riconversione professionale degli operai che, verosimilmente, potrebbero essere investiti da numerosi licenziamenti l’indomani dell’ingresso nella proprietà dei nuovi acquirenti.
La delegazione ha infine motivato la posizione condivisa nel percorso di piazza, riguardo alla chiusura delle fonti inquinanti – che si è precisato essere non solo l’Ilva – argomentando che è proprio il sistema di corruttela e clientela che gravita attorno ad esse ad ingessare la riconversione sociale, etica ed economica della cittàDocumento consegnato al sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno, il 23 settembre 2016 dalla delegazione di Tuttamialacittà in presidio sotto al Comune.
Il Sindaco ha risposto che si attiverà con gli uffici competenti per verificare la percorribilità delle istanze proposte e che fornirà riscontro quanto prima. Nel merito delle questioni sottoposte, ha comunque riferito che, per l’accertamento delle responsabilità legate all’inquinamento, il Comune si è costituito parte civile nel processo “Ambiente Svenduto”; punto sul quale la delegazione ha precisato la necessità di rispettare il Codice dell’Ambiente, oltre a costituirsi parte civile.
Riguardo al Registro sulla mortalità ha asserito di aver già provveduto a richiedere riscontro alla Asl. Su questo punto si è richiesta comunque la pubblicazione in tempo reale dei dati dell’anagrafe, in possesso del Comune. Il Sindaco ha fatto presenti i limiti dei poteri del suo incarico in materia di politiche industriali, ma gli si è rimarcata la possibilità di agire mediante ritiro dell’AIA, come da primo punto dell’istanza consegnata. Possibilità che il primo cittadino ha detto che verificherà quanto prima con gli uffici tecnici competenti. A riguardo però si sono rappresentate anche le attese della città che, aldilà dei poteri di cui dispone il primo cittadino, si aspetta da tempo una sua forte e decisa presa di posizione contro le politiche vessatorie del Governo. In proposito dire di agire secondo norme e leggi, evidentemente non può bastare in una città che, proprio attraverso le imposizioni dei decreti, viene privata dei suoi diritti più elementari: quello alla vita, alla salute e ad un lavoro che non sia fonte di morte.
Sono stati chiesti al Primo cittadino tempi brevi per il doveroso riscontro, in considerazione della grave situazione in cui versa la città. Il Sindaco si è impegnato a farsi carico delle istanze e a fornire le evidenze degli uffici tecnico-amministrativi quanto prima.
Per la stesura del documento tecnico rappresentato al Sindaco, Tuttamialacittà si è avvalsa della preziosa collaborazione delle associazioni Legamjonici e Peacelink, che si ringraziano sentitamente per l’impagabile disponibilità e competenza.

Articoli correlati

  • Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra
    Pace
    Affollata assemblea preparativa a Roma

    Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra

    “Il padronato vuole comprarci col bonus governativo di €200? Se li metta in quel posto”, ha tuonato un rappresentante sindacale. “Noi, il 20, scioperiamo contro la sua guerra che causa inflazione, aumento di prezzi, cassa integrazione nelle industrie vulnerabili, tagli alla sanità e ai servizi".
    8 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • Cosa ha fatto PeaceLink nel 2021
    Editoriale
    Il nostro impegno dalla A alla Z

    Cosa ha fatto PeaceLink nel 2021

    Dizionario delle azioni e delle campagne di informazione portate avanti da gennaio a dicembre. Decine di iniziative che hanno portato all'attenzione dell'opinione pubblica le tematiche importanti e scottanti del nostro tempo. Per combattere il male dell'indifferenza.
    20 dicembre 2021 - Associazione PeaceLink
  • PeaceLink oggi al TG3 Puglia
    Taranto Sociale
    Sulla vicenda ILVA

    PeaceLink oggi al TG3 Puglia

    Al centro una relazione di PeaceLink sui picchi di benzene nel quartiere Tamburi e la richiesta al ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani di non concedere ad Acciaierie d'Italia ritmi di sfornamento più veloci per il carbon coke nello stabilimento siderurgico si Taranto.
    21 dicembre 2021
  • PeaceLink compie 30 anni
    PeaceLink
    Le tappe fondamentali della telematica per la pace in un webinar

    PeaceLink compie 30 anni

    Dai primi esperimenti di condivisione orizzontale dell'informazione all'inizio degli anni Novanta alla promozione di un approccio critico ai social network commerciali. L'idea di base del 1991 fu quella di collegare i computer tagliando i costi della comunicazione e favorendo la partecipazione.
    9 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)