Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Sul posto carabinieri

Crolla arcata acquedotto romano davanti all'ILVA

Forte era stato il degrado accumulato nel tempo per le polveri rossastre provenienti dallo stabilimento siderurgico
6 novembre 2018

Crollo arcata acquedotto romano del Triglio a Taranto

Stamattina, come si vede nella foto, ha ceduto una parte dell'acquedotto romano del Triglio, posto di fronte all'ILVA, lungo la strada che collega Taranto a Statte. 

Sul posto sono giunti i carabinieri.

L'acquedotto romano si trova sulla destra percorrendo la strada fra il quartiere Tamburi di Taranto e il comune di Statte. Sulla sinistra invece c'è il muro di cinta dell'ILVA. Fra le arcare dell'antico acquedotto e l'ILVA c'è solo la strada.

L'area dell'ILva che confina con l'acquedotto romano è quella più inquinata, e lì sono in funzione le batterie della cokeria, uno degli impianti posti sotto sequestro dalla magistratura ma che attualmente sono in fuzione grazie ai decreti salva-ILVA.

 

L'inquinamento

E' noto che gli ossidi di azoto, mischiati alla pioggia, concorrono a sbriciolare in monumenti in tutt'Italia. 

 

"A danneggiare i monumenti  -  spiega la ricercatrice Patrizia Bonanni, responsabile del settore Piani di risanamento dell'Ispra  -  sono in particolare gli ossidi di azoto, le polveri sottili Pm10 e Pm 2,5 e l'ozono". Le polveri dell'ILVA avevano scurito le arcate dell'acquedotto.

In questi giorni a Taranto vi era stata molta pioggia.

L'effetto dell'inquinamento sui monumenti di epoca romana è stato evidenziato ad esempio per il Colosseo a Roma.
"La Soprintendenza archeologica di Roma ha da tempo evidenziato che alcune componenti del Colosseo mutano da carbonato di calcio in solfato di calcio sotto l'effetto dell'inquinamento e l'antico monumento si sbriciola", si legge su Greenreport.

I picchi delle polveri inquinate, il biossido di azoto e il biossido di zolfo possono avere effetti devastanti sulle opere d'arte. Ma a Taranto questo non ha destato allarme fra chi avrebbe dovuto tutelare quel bene storico.

L'acquedotto romano del Triglio era stato in parte restaurato e da rossastro era ritornato del suo originario colore, per poi imbrattarsi nuovamente per l'inquinamento. I lavori di restauro non sono mai stati pagati da chi ha inquinato.

 

Acquedotto romano del Triglio prima del cedimento del 6 novembre 2018 Informazioni storiche


Otto chilometri di gallerie sotterranee convogliavano l’acqua  raccolta da numerose sorgenti per farla tambureggiare sugli archi che vedete (da qui deriva il nome del quartiere "Tamburi" accanto a cui sorge l'acciaieria).

"E’ una delle più imponenti opere di ingegneria idraulica di epoca romana presente nel territorio tarantino, tanto da percorrere il territorio di tre comuni (Statte, Crispiano e Taranto)", si legge sul sito GreenRoad.
"Si sviluppa - prosegue il sito - parte in sotterraneo e parte in elevato, con una serie di archi canale (che attualmente costeggiano la S.P. 48 nei pressi dell’Ilva) che un tempo trasportavano acqua alla città di Taranto.
Le gallerie sono in parte attive, cioè con la presenza di acqua che scorre, ed n parte fossili.
Da valutazioni archeologiche e storiche basate sulle tecniche idrauliche e di scavo delle gallerie, si ritiene che il primo tratto, che va dalle sorgenti fino a Statte, sia stato costruito per uso privato delle ville suburbane, nell’anno 123 a.C., al tempo dei Gracchi".

L’Acquedotto era alimentato dalle sorgenti che scaturiscono dal Monte Crispiano (su cui sorge il comune di Crispiano), confluendo nella vallata del Triglio con un sistema di gallerie sotterranee artificiali scavate in un banco roccioso. 

L'acquedotto alimentava la fontana di Piazza Fontana nella "città vecchia" di Taranto.

Fra le recensioni di questo bene storico si legge: "Un antichissimo acquedotto romano praticamente abbandonato e purtroppo in buona parte da restaurare. Ciliegina sulla torta, l'Ilva addossata a questa meraviglia storica e archeologica. Una vergogna, altrove acquedotti romani di questo calibro sarebbero molto più tutelati e valorizzati".

 

Acquedotto del Triglio, crollo a Taranto, davanti all'ILVA, in data 6 novembre 2018

Articoli correlati

  • Le motivazioni della sentenza ILVA
    Processo Ilva
    Sono state rese note oggi

    Le motivazioni della sentenza ILVA

    In oltre 3.700 pagine la Corte d’Assise di Taranto spiega la sentenza che ha condannato 26 imputati, tra i quali anche alcuni politici (compreso Nichi Vendola). Per i giudici la famiglia proprietaria dello stabilimento era a conoscenza dell’illegalità della gestione già dal momento dell'acquisto
    29 novembre 2022 - Francesco Casula e Andrea Tundo
  • Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto
    Taranto Sociale
    Un aggiornamento dalla dottoressa Annamaria Moschetti

    Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto

    Il parco è stato donato anni fa dal cantante Niccolò Fani. La pediatra Annamaria Moschetti rinnova la richiesta di sospendere l'immissione di sostanze cancerogene e neurotossiche provenienti dalla vicina area industriale.
    24 novembre 2022
  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)