Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

PM2,5 aumenta del 213% nello stabilimento rispetto ad aprile dell'anno scorso

ArcelorMittal: Peacelink, copertura parchi non ha ridotto polveri

“A Taranto la copertura dei parchi minerali Ilva non ha ridotto le polveri sottili PM2,5. La copertura trattiene solo le polveri grossolane ma non annulla la minaccia alla salute costituita dalle polveri sottili di origine industriale, molto più tossiche rispetto alle polveri sottili da traffico”.
7 maggio 2020
Domenico Palmiotti (AGI)

ArcelorMittal: Peacelink,copertura parchi non ha ridotto polveri 

Pubblicato: 07/05/2020 17:04 
(AGI) Taranto, 7 mag - “A Taranto la copertura dei parchi minerali Ilva non ha ridotto le polveri sottili PM2,5. La copertura trattiene solo le polveri grossolane. Ciò dimostra che non annulla la minaccia alla salute costituita dalle polveri sottili di origine industriale, molto più tossiche rispetto alle polveri sottili da traffico”. Lo dice l’associazione ambientalista Peacelink a proposito delle emissioni del siderurgico ora gestito dal gruppo ArcelorMittal mentre Ilva in amministrazione straordinaria rimane proprietaria.
    Secondo Peacelink, “tali polveri sottili, anche a concentrazioni inferiori rispetto ai limiti di legge, continuano a rappresentare nel quartiere Tamburi un rischio sanitario non accettabile, producendo un eccesso di mortalità rispetto all'atteso. L'attenzione al Coronavirus - rileva Peacelink - va pertanto estesa alle polveri sottili e all'impatto sanitario che esse hanno, operando un monitoraggio costante, così come avviene per il Coronavirus”. (AGI) 
TA1/CAR


ArcelorMittal: Peacelink,copertura parchi non ha ridotto polveri (2) 

Pubblicato: 07/05/2020 17:04 
(AGI) - Taranto, 7 mag. - “Mentre l'attenzione era giustamente polarizzata sul Coronavirus, l’Ilva - sostiene Peacelink - ha continuato a inquinare. Risultano infatti in forte aumento le emissioni di benzene e di polveri sottili sia entro lo stabilimento sia nel quartiere Tamburi di Taranto. Tutto questo lo dicono i dati di aprile. Tali dati - rileva Peacelink - sono stati registrati dalle centraline Arpa e Ispra collocate dentro e fuori dallo stabilimento”. “Il raffronto dei dati di aprile 2020 - si afferma - è stato effettuato con i dati di aprile 2019” e viene fuori, dice Peacelink, “che ad aprile 2020 il benzene risulta in aumento del +81% (media delle centraline di Via Orsini e Via Machiavelli nel quartiere Tamburi) rispetto all'anno precedente. Ancora peggiore è il dato della centralina Meteo Parchi (interna all'Ilva), nonostante il lockdown: +213% rispetto ad aprile dell'anno scorso”. Secondo Peacelink, “questo dimostra che vi è stato un forte aumento emissivo all'interno dell'Ilva (registrato dalle centraline poste dentro il perimetro della fabbrica) che è giunto sul quartiere Tamburi in forma attutita ma elevata, facendo registrare un significativo peggioramento della qualità dell'aria. Il benzene - conclude Peacelink è cancerogeno ed è classificato nel gruppo 1 dalla Iarc (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro dell'Oms)”. (AGI) 
TA1/CAR

ILVA

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)