Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

"Ferie e riposi tramutati in cassa integrazione", denunciano i sindacati

Si stanno fermando tutti gli altoforni dello stabilimento siderurgico di Taranto

I cinque altoforni di quella che era la più grande acciaieria d'Europa si stanno fermando. Gli altoforni 3 e 5 erano definitivamente fermi. Rimanevano l'1, il 2 e il 4. Quest'ultimo è stato fermato per gravi problemi. Si poi aggiunto l'1. E adesso anche il 2 per un tempo di otto ore.
13 dicembre 2021
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

ILVA a Taranto Ex Ilva: Fim Cisl, azienda comunica nuovi problemi a impianti

(AGI) - Taranto, 13 dic. - Nuovi problemi nella marcia degli impianti del siderurgico di Taranto di Acciaierie d’Italia, ex Ilva. Mentre è in corso il tavolo al Mise tra azienda, sindacati e a Governo, la Fim Cisl ha comunicato, a seguito di informazione resa oggi dall’azienda, che a causa “di anomalie al convertitore 2 di acciaieria 2, l'attuale assetto di marcia nelle acciaierie si attesta con un solo convertitore e due trattamenti”. “Al momento - dice la Fim Cisl - si sta intervenendo per risolvere il problema, verificando e intervenendo anche sul convertitore 3 a seguito di un problema registrato sabato mattina. Questa modalità operativa - si aggiunge da parte del sindacato -genera all'incirca un massimo di 20 persone da collocare in cassa integrazione, fino al ripristino della normale funzionalità impiantistica”. Fim Cisl infine annuncia che “in concomitanza del problema di acciaieria 2, si fermerà L’altoforno 1, anticipando le attività che avrebbero già dovuto effettuare, con una fermata programmata di 36/40 ore”. (AGI)  

TA1/MAU

Ex Ilva: Fim Cisl, fermi tutti altiforni, si è aggiunto il 2

Pubblicato: 13/12/2021 15:25 

(AGI) - Roma, 13 dic. - Si fermano tutti gli altiforni del siderurgico di Taranto. Lo dichiara la Fim Cisl. All’altoforno 4, fermo già da alcuni giorni per importanti lavori di riparazione, si è aggiunto anche l’altoforno 1 a seguito di problemi dell’acciaieria 2, e adesso anche l’altoforno 2 per 8 ore. Tre sono gli altiforni operativi a Taranto e tutti e tre, per cause e tempi diversi, sono fermi, cosa, questa, accaduta rare volte. Se le fermate degli altiforni 1 e 2 sono temporanee, quella dell’altoforno 4 è destinata a durare più a lungo. La sua ripartenza potrebbe avvenire dopo il 20 gennaio. (AGI) 

(AGI) - Taranto, 13 dic. - Giorni fa l’azienda ha dichiarato che ha bisogno prima di capire cosa sia successo all’altoforno 4 - che si era già fermato da aprile a luglio scorsi per altri lavori - per calibrare l’intervento necessario. Fonti sindacali hanno parlato di possibile lesione al crogiolo dell’altoforno 4. Questa serie infinita di stop and go al sito produttivo di Taranto da un lato ha reso inevitabile, per l’azienda, la continuità della cassa integrazione e dall’altro fatto sfumare, anche per il 2021, l’obiettivo di produrre 5 milioni di tonnellate, che era stato indicato come primo step della ripartenza dopo un 2020 influenzato pesantemente da pandemia ed altre cause, tanto che a Taranto si sono prodotte solo 3,3 milioni di tonnellate di acciaio. (AGI)  

TA1/MAU

Ex Ilva: Fiom e Uilm, ferie e riposi tramutati in cig

Pubblicato: 13/12/2021 14:26 

(AGI) - Taranto, 13 dic. - In una lettera inviata oggi ai ministri dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, e del Lavoro, Andrea Orlando, Fiom Cgil e Uilm attraverso i coordinatori di fabbrica a Taranto segnalano per l’ex Ilva, ora Acciaierie d’Italia, che “a seguito dell’uscita delle buste paghe, ci sono arrivate segnalazioni da parte dei lavoratori in cui si evince un modus operandi di Acciaierie d’Italia di sostituzione di permessi individuali come le ferie, la legge 104, donazione sangue e riposi compensativi con la cassa integrazione”. “Tale atteggiamento - dicono le due sigle - mostra la totale spregiudicatezza dell’attuale management di Acciaierie d’Italia che continua a ledere i diritti individuali del lavoratori anche attraverso la mancata retribuzione delle ore di straordinario ai lavoratori che hanno prestato la propria attività lavorativa oltre l’orario di lavoro previsto dal vigente ccnl”. (AGI) 

(AGI) - Roma, 13 dic. - “Inoltre - aggiungono Fiom e Uilm - l’azienda ha inoltrato alle organizzazioni sindacali un ulteriore proroga di cassa integrazione ordinaria per 13 settimane, senza un minimo coinvolgimento delle organizzazioni sindacali che continuano a ritenere illegittimo tale ammortizzatore sociale soprattutto a seguito di un fermo impianti scaturito da una improvvida manutenzione dell’altoforno n.4”. Per Fiom e Uilm, “anche dal punto di vista dell’approccio ai temi della sicurezza dei lavoratori, assistiamo ad un netto peggioramento del rapporto con i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza”.

    “Qualche mese fa - si esplicita -, nonostante il tema degli infortuni sia al centro del dibattito nazionale, l’azienda ha deciso unilateralmente di far venir meno l’incontro settimanale sull’analisi degli infortuni e near-miss” (si tratta dei mancati infortuni) “quale strumento di confronto serrato deciso in sede del Mise il 15 luglio 2019 dopo l’ultimo tragico infortunio mortale avvenuto nello stabilimento”. A questo, proseguono Fiom e Uilm, "si aggiunge che il 10 dicembre è stato comunicato che i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza non potranno più ricevere i documenti inerenti la valutazione del rischio, comprimendo e limitando in maniera estremamente pesante il ruolo degli rls con tutto ciò che ne consegue”. Fiom e Uilm concludono affermando che “è del tutto evidente che una gestione di questo tipo non può essere la base sulla quale impostare una transizione ecologica della siderurgia nel nostro Paese, in quanto la sostenibilità ambientale, tutta da verificare, slegata dal rispetto dei diritti dei lavoratori non avrebbe nessun futuro”. (AGI) 

TA1/GAV

Note: La titolazione della pagina web è a cura della redazione di PeaceLink

Articoli correlati

  • Caro Luca
    Laboratorio di scrittura
    Hai scritto che la forza della cultura può cambiare il mondo

    Caro Luca

    Ho ricevuto la tua lettera dopo la puntata sull'ILVA di Taranto, curata per RAITRE da Domenico Iannacone, dal titolo "La polvere negli occhi". La tua lettera accompagnava un nutrito pacco di libri destinati ai miei studenti. Li hai invitati a resistere e a non abbandonare Taranto.
    30 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”
    Taranto Sociale
    Manifestazione "Stop al sacrificio di Taranto" del 22 maggio 2022

    “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”

    Io la malattia la vivo nel mio corpo, in lotta da un anno contro la leucemia. Noi abbiamo un potere, abbiamo la possibilità di sovvertire quest’ordine di ingiustizie. Non aspettiamo che siano gli altri a trovare la soluzione per noi, la soluzione siamo noi
    23 maggio 2022 - Celeste Fortunato
  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)