Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Antonia Battaglia, Peacelink, in Commissioni Petizioni del parlamento Europeo
    Ufficio Petizioni

    Antonia Battaglia, Peacelink, in Commissioni Petizioni del parlamento Europeo

    Intervento a Bruxelles sul caso Ilva di Taranto
    5 maggio 2015 - Alessandro Marescotti
  • Troppo inquinamento dall'ILVA, il fatto sussiste
    L'ILVA chiede il patteggiamento

    Troppo inquinamento dall'ILVA, il fatto sussiste

    La Commissione Europea risponde ad una nuova interrogazione parlamentare sull'ILVA di Taranto e pone al centro la questione dell'informazione sulla salute dei lavoratori. PeaceLink diffonde oggi ai media locali, nazionali ed europei un comunicato stampa (è in allegato a questa pagina web)
    23 aprile 2015 - Associazione PeaceLink
  • Polmoni d'acciaio, Taranto e il Brasile

    Un'analisi della situazione brasiliana e tarantina, dei loro punti in comune e della lotta che portano avanti.
    Una testimonianza di Beatrice Ruscio, attivista di PeaceLink e presente in rappresentanza dell’associazione alla prima tavola rotonda internazionale dal titolo “Le vittime della minerazione nel mondo: resoconti degli impatti e esperienze di resistenza” con la collaborazione di Antonio Caso, attivista di PeaceLink.
    12 luglio 2014
  • Libri sul caso Ilva di Taranto
    Su A-Rivista Anarchica n. 397 Aprile 2015, recensione di Virginio Bettini

    Libri sul caso Ilva di Taranto

    Con una nota di Antonia Battaglia
    26 marzo 2015 - Laura Tussi
PeaceLink chiede il fermo degli impianti alla luce della grave situazione sanitaria

Dati SENTIERI: Peacelink scrive al Presidente Martin Schulz

Il Presidente del Parlamento Europeo viene aggiornato sui nuovi dati sanitari e sulla questione Ilva. Gravissimi i più recenti dati epidemiologici che attestano una situazione veramente allarmante per l'infanzia
5 luglio 2014 - Antonia Battaglia

il presidente schulz e battaglia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EgregioMartin Schulz,
PresidentedelParlamentoEuropeo,
Bruxelles

Taranto, 5 luglio 2014

Caro Presidente,

Sono passati tre mesi dal nostro ultimo incontro a Bruxelles, durante il quale abbiamo discusso dello stabilimento siderurgico ILVA di Taranto e degli attuali livelli di inquinamento in città. E da quanto possiamo constatare, la situazione peggiora di giorno in giorno perché non è stata adottata alcuna misura per la risoluzione o il contenimento delle modalità altamente inquinanti con le quali lo stabilimento produce.

La Commissione Europea ha inviato recentemente una nuova lettera di messa in mora all’Italia facendo riferimento al fatto ormai noto che il suolo, la superficie e le acque di falda sul sito ILVA soffrono di un importante inquinamento, che potrebbe aver avuto effetti molto severi sulla salute della popolazione di Taranto.

L’Italia ha avuto due mesi per rispondere alla lettera della Commissione, come da procedura, ma poco importa quanto le autorità italiane abbiano riferito perché siamo testimoni diretti del fatto che la situazione a Taranto non è cambiata né ha conosciuto miglioramenti di alcun tipo.

Il nuovo piano ambientale dell’ILVA sottolinea non solo la vaghezza delle misure attraverso le quali l’azienda ed il Governo Italiano – che agisce in qualità di entità di Commissariamento ILVA- intendono adottare, ma anche la lentissima messa in atto di qualsiasi disposizione concreta prevista dalle numerose legge e decreti ad hoc adottati negli anni in merito alla questione.

Siamo testimoni, con migliaia di persone e di lavoratori ILVA, che nessuna modifica strutturale nel processo di produzione o nelle infrastrutture è stata realizzata mentre l’aggiornamento dello studio « Sentieri », condotto dall’Istituto Superiore della Sanità e pubblicato il 3 luglio scorso, chiama in causa azioni urgenti. I risultati dello studio sanitario per l’area di Taranto sono drammatici: una copia ne è allegata in calce.

Il tasso di mortalità e di malattia infantile è estremamente importante.

Nella seconda lettera di messa in mora, la Commissione ha menzionato che l’ILVA rappresenta un pericolo immediato per la salute umana e che, secondo l’articolo 8.2 della Direttiva sulle Emissioni Industriali : « Laddove la violazione delle condizioni di autorizzazione presenti un pericolo immediato per la salute umana o minacci di provocare ripercussioni serie ed immediate sull’ambiente e sino a che la conformità non venga ripristinata conformemente alle lettere b) e c) del primo comma, è sospeso l’esercizio dell’installazione, dell’impianto di combustione, dell’impianto di incenerimento dei rifiuti, dell’impianto di co-incenerimento dei rifiuti o della relativa parte interessata.”

Lei è Presidente del Parlamento Europeo e pertanto portavoce dei cittadini europei.

La invitiamo, Signor Presidente, a svincolarsi da esitazioni di carattere politico, a farsi carico dei diritti della popolazione di Taranto e ad abbracciare la causa come farebbe con altre popolazioni oppresse, come lo siamo noi tarantini in nome della produzione di acciaio e a causa di una classe politica particolarmente compromessa che ha semplicemente fallito nel compito di adottare le misure necessarie per proteggere la popolazione.

E’ oggettivamente impossibile difendere la situazione attuale and confidiamo che Lei, signor Presidente, entrerà nel merito della questione domandando al Governo italiano di intervenire in favore della gente di Taranto ed alla Commissione di portare avanti con celerità la procedura di infrazione!

Lei è il primo Presidente del Parlamento Europeo ad esser stato rieletto. Lei èstato capace di creare un legame tra i cittadini e l’Unione Europea ed è stato visto come l’incarnazione della troppo spesso tecnocratica “Bruxelles”. In linea con il Suo impegno per proteggere i diritti dei popoli europei, Le chiediamo di intervenire.

Colgo l’occasione per presentarLe le mie sincere congratulazioni per la Sua rielezione e augurarLe buon lavoro nello spirito di difesa dei diritti europei che La ha accompagnata fino ad ora.

Distinti saluti,

Antonia Battaglia

forma antonia battaglia

 

 

 

Peacelink
Taranto

Allegati

  • Letter to President Schulz (73 Kb - Formato pdf)
    Antonia Battaglia - Fonte: peacelink
    Letter to President Schulz

    Licenza: CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy