Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Due pesi e due misure
    In risposta al discorso di Obama all'ONU

    Due pesi e due misure

    L'ultimo discorso di Obama all'ONU, il 21 settembre scorso, ricalca molto da vicino quelli del suo predecessore George Bush Jr., tra contraddizioni e affermazioni fuorvianti e insincere.
    2 novembre 2011 - Stephen Zunes
  • Crisi, conflitti e interventi: prospettive globali

    Crisi, conflitti e interventi: prospettive globali

    Considerazioni dell'Ambasciatore Hardeep Singh Puri, Rappresentante Permanente d'India presso le Nazioni Unite di New York, sul ruolo offensivo delle forze di pace delle Nazioni Unite in Libia.
    Ambasciatore Hardeep Singh Puri, Rappresentante Permanente d'India presso le Nazioni Unite di New York
  • Due buone ragioni per non rifinanziare la missione di guerra in Libia
    Ancora spese militari per finanziare una guerra che viola la risoluzione 1973 dell'Onu?

    Due buone ragioni per non rifinanziare la missione di guerra in Libia

    Non è stata ancora rifinanziata la missione italiana. Ed è in corso una campagna di pressione sui parlamentari e il governo. Perché quei soldi non vanno ad esempio alle famiglie che non sanno come arrivare a fine mese?
    29 settembre 2011 - Giacomo Alessandroni
  • Libia: Ban Ki-moon come Ponzio Pilato di fronte all'assedio di Sirte
    Nessuna azione per la protezione dei civili a Sirte e nelle altre città assediate dalle truppe del Cnt

    Libia: Ban Ki-moon come Ponzio Pilato di fronte all'assedio di Sirte

    Il Segretario generale dell'Onu assiste all'annunciato bagno di sangue e se ne lava le mani
    10 settembre 2011 - Alessandro Marescotti

Terremoto ad Haiti: un governo mondiale per gestire le catastrofi umanitarie e ambientali

24 gennaio 2010 - Nicola Vallinoto

Il recentissimo terremoto di Port-au-Prince ha dimostrato la mancanza di un coordinamento seppur minimo tra tutte le nazioni del mondo per intervenire e aiutare, nell'emergenza, il popolo haitiano.

Ogni governo nazionale ha attivato un piano di aiuti in modo del tutto autonomo arrivando sul posto e decidendo di volta in volta il da farsi senza una strategia complessiva che consentisse di coprire e di assistere l'intera popolazione della capitale haitiana.

I reportage televisivi, e in particolare quello di Lucia Annunziata nella puntata speciale di "In mezz'ora" dedicata al più grave disastro umanitario degli ultimi anni, hanno mostrato chiaramente come intere zone di Port-au-Prince siano state escluse dagli aiuti e dall'assistenza.

After the 2010 Haiti Earthquake, people in the Port-au-Prince neighborhood of Bel-Air attempt to collect goods left in evacuated houses.

Guido Bertolaso, inviato sul posto dal Governo italiano per coordinare le operazioni di soccorso, e intervistato durante la trasmissione domenicale di Rai3, ha affermato di essere rimasto sorpreso di non aver trovato nessun tipo di coordinamento e che tale ruolo avrebbe dovuto essere assunto dalle Nazioni Unite. Per questo motivo propone di fare "un vertice internazionale, a livello dell'Onu, per stabilire come gestire questo tipo di emergenze nel mondo".  Lo stesso responsabile statunitense degli aiuti umanitari ad Haiti ha ammesso la poca efficacia dell'intervento Usa davanti all'immane tragedia.

Partendo da queste considerazioni sarebbe auspicabile che l'esperienza negativa del post-terremoto haitiano porti i governi dei paesi più ricchi, a cominciare dai membri del Consiglio di Sicurezza dell'Onu, a prendere le necessarie e conseguenti decisioni.

Ovvero decidere di delegare una parte della propria sovranità a un governo democratico mondiale sotto l'egida dell'Onu, responsabile di fronte all'Assemblea generale, in quei settori o ambiti nei quali gli stati nazionali divisi hanno dimostrato di non essere in grado di dare risposte efficaci. L'ultima dimostrazione, in ordine di tempo, di tale inefficacia l'abbiamo avuta al vertice sul clima di Copenhagen dove dopo due settimane di incontri e confronti i leader di oltre cento paesi non sono riusciti a trovare un accordo minimamente soddisfacente per ridurre le emissioni di CO2 causa prima del riscaldamento del pianeta.

La domanda che si pone a coloro che hanno un ruolo di leadership nei partiti politici, a coloro che governano gli stati nazionali e agli intellettuali che riflettono sul futuro del mondo è la seguente:

"A quante altre disgrazie dovremo assistere, ed anche subire, prima di ammettere l'inutilità della divisione politica del mondo in stati nazionali, solo formalmente, sovrani e di lavorare per superare tali divisioni a favore di integrazioni federali a livello regionale e a livello planetario ?"

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy