Sociale

RSS logo

Mailing-list Volontariato

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Volontariato

...

Articoli correlati

  • Il Maestro Morrione
    Cuore del Giornalismo

    Il Maestro Morrione

    Ti ho sempre chiamato "Direttore", anche quando tu, sorridendo, mi ricordavi che da RN 24 eri stato pensionato. Per me e per tutti coloro che hanno avuto il bene di ricevere i tuoi consigli, potevi solo proseguire a essere tale. Senza di te, direttamente e indirettamente, nessuno di noi avrebbe potuto trovare la strada giusta del Giornalismo.
    20 maggio 2011 - Nadia Redoglia
  • Intervista a Carlo Ruta sui coni d’ombra, la mafia, la democrazia

    13 luglio 2009 - Angela Allegria
  • L'antimafia e le cambiali
    Antimafia è una presa in giro se non si salva chi ha fatto informazione

    L'antimafia e le cambiali

    Graziella Proto, amministratrice e redattrice dei Siciliani anni ‘80, sta perdendo la casa per via dei vecchi debiti del giornale. L’antimafia è bella e tutti appoggiano l’antimafia, si capisce: però le cambiali, oltre vent’anni fa le ha dovuto firmare Graziella.
    7 giugno 2009 - Pino Maniaci e Riccardo Orioles
  • Sosteniamo Casablanca
    Aiutiamo la coraggiosa rivista siciliana a continuare a vivere

    Sosteniamo Casablanca

    Esiste l'antimafia da salotto delle belle parole. Ed esiste l'antimafia vera, di chi lotta per un mondo senza mafie e oppressioni. Casablanca ha bisogno dell'aiuto di tutti per continuare a vivere.
    19 ottobre 2007 - Alessio Di Florio
Una storia riemersa dall'oblio di decenni di silenzio. Collaboratori di giustizia che parlano, una sentenza discussa. E adesso, il suo volto ritrovato.

Storia di Rossella ovvero la memoria della legalità

Alla Festa Democratica di Firenze, un incontro per non dimenticare.
Rossella Casini studentessa fiorentina, la ragazza di Francesco studente calabrese, si ritrova coinvolta in una storia di faide familiari che all'inizio non capisce ma che la porterà alla tragica sparizione come vendetta della 'ndrangheta per la sua testimonianza.
13 settembre 2013 - Roberto Del Bianco

Don Andrea Bigalli coordinatore di "Libera" e la scrittrice Francesca Chirico

E' un incontro inaspettato, e proprio per la non conoscenza della tragica protagonista di questa storia. Una storia che parte dal rapporto d'amore, serio e apparentemente tranquillo, tra Rossella Casini e Francesco Frisina.

Lei studentessa universitaria fiorentina iscritta a Psicologia, lui fuori-sede ad Economia. L'amore sboccia, come i tanti che nascono tra allievi dei nostri atenei. La differenza però si scopre poi all'improvviso, quando il padre di Francesco viene ucciso in una faida familiare e di cui Rossella diventa testimone.

E passano gli anni, e la vendetta per avere parlato, per essere stata "un'infame" secondo la logica perversa delle famiglie - e fu proprio vendetta voluta dalla sorella di Francesco - arriva alla fine al tragico epilogo, alla sparizione della ragazza che non fu mai ritrovata. Un'uccisione cruenta di cui solo nel 1994 si scoprirono i particolari, dopo la confessione di un pentito siciliano.

Ma lascio la descrizione, documentale e multimediale, al video autoprodotto e alle pagine suggerite più sotto.

 


 

 


 

Alcuni link per approfondire e per riflettere

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy