presidio

Presidio contro la guerra di fronte a Palazzo Chigi

23 ottobre 2004
ore 16:00 (Durata: 3 ore)

Bastaguerra di Roma promuove la tenda della pace, questa volta sotto il governo a palazzo Chigi
Dopo trentamila morti ammazzati in Iraq dal 20 marzo del 2003 a oggi e mentre sotto i nostri occhi si svolge il massacro di Falluja e del triangolo sunnita, c'è ancora chi tentenna sul ritiro delle truppe o vorrebbe aspettare le fantomatiche elezioni irachene del gennaio 2005: elezioni farsa, fatte in un paese devastato, dopo una feroce e globale repressione della resistenza. I nostri soldati fanno da sentinella ai soliti pozzi di petrolio dei contratti ENI a Nassiriya e il popolo iracheno è sottoposto ad una tragedia epocale ed a massacri inauditi. A Londra i compagni francesi di "Agir contre la Guerre" hanno coniato un nuovo slogan OCCUPATION IS A CRIME: FREE IRAQ AND PALESTINE. il problema cruciale non è più soltanto il ritiro delle attuali truppe ma è LA LIBERAZIONE DELL'IRAQ.
Con queste parole nel cuore e nella mente vi invitiamo a partecipare al nostro sit-in che si svolgerà sotto palazzo Chigi sabato 23 ottobre dalle 16 alle 19.
BASTA CON LA GUERRA BASTA CON L'OCCUPAZIONE IRAQ LIBERO PALESTINA LIBERA

Per maggiori informazioni:
Andrea Falconetti
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Ecologia
    Health Impact Assessment of the steel plant activities in Taranto as requested by Apulia Region

    Studio OMS sull'impatto dell'ILVA di Taranto sulla salute

    Lo studio è stato richiesto dalla Regione Puglia ed è del giugno 2021, ed è uno studio predittivo. Nelle conclusioni si legge: "Le stime della presente relazione sono pienamente in linea con le precedenti valutazioni, effettuate da autorità regionali e altri ricercatori".
    12 gennaio 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)