concerto

Gibellini Quartet: a Parma arrivano le emozioni forti

5 dicembre 2004
ore 22:00

…JAZZ, la rassegna organizzata dall’Associazione Musicale Ritmika, continua a proporre appuntamenti con grandi artisti del jazz contemporaneo. Il concerto di domenica 5 dicembre vedrà impegnato, sul palco del Tribeca Club di via Mazzini 1 a Parma, il Sandro Gibellini Quartet, la band che oltre al grande chitarrista annovera anche altre stelle del calibro di Alfred Kramer, Roberto Soggetti e Marco Micheli.
Gibellini è ormai apprezzatissimo sia in Italia che all’estero, la sua chitarra ha suonato al fianco di Mina, Enrico Rava, Gianni Cazzola, Lee Konitz, Jimmy Owens, Danilo Rea, Roberto Gatto e tantissimi altri, riscuotendo ogni volta notevole successo. Il calore della sua musica riesce a coinvolgere profondamente il pubblico delle sue serate guidandolo così in appassionanti e indimenticabili viaggi musicali.
Alfred Kramer è un batterista di grandissimo livello, basti pensare che ha inciso il suo primo disco, al fianco del fratello Lukas, all’età di diciotto anni. Nella sua carriera ha avuto modo di collaborare con moltissimi grandi musicisti (Chet Baker, Miroslav Vitous, Steve Lacy, Enrico Rava, Pietro e Marcello Tonolo, Art Farmer e tanti altri) partecipando, oltre che a registrazioni in studio,a numerosi festivals (Stati Uniti, Finlandia, Francia, Olanda) e trasmissioni radiofoniche e televisive.
Al piano troveremo Roberto Soggetti artista molto quotato sulla scena musicale italiana, il quale collabora stabilmente con diversi interessanti progetti musicali: il Trio Soggetti, Micheli, Biancoli, il Sestetto di Sandro Gibellini, il Cloud Nine Jazz Ensemble e i No Smoking con Alan Farrington (band che abbiamo potuto ammirare nelle passate serate sempre all’interno di questa rassegna).
A completare questa formazione ci sarà il contrabbasso di Marco Micheli. Musicista eclettico e di indiscusso talento ha collaborato con grandi musicisti come Enrico Pieranunzi, Kenny Wheeler, Gianluigi Trovesi, Phil Woods, Bill Elgart, Miroslav Vitous, Serge Lazarevitch, Naco, Christian Meyer e tantissimi altri. Al suo attivo anche incisioni al di fuori dell’ambito jazzistico, per esempio con Luciano Pavarotti e collaborazioni con l’orchestra della Rai di Milano.
Una serata che promette forti emozioni, adatta a tutti gli amanti del jazz ma anche a chi si sta avvicinando solo ora a questo genere musicale in continua evoluzione. L’inizio del concerto è previsto per le 22 circa e l’ingresso è come sempre gratuito.
Per prenotazione cena: Tribeca Club, Tel. 0521-504119
Per maggiori informazioni: Associazione Musicale Ritmika a Parma in via Primo Groppi 32 a/b, Tel. e Fax 0521/200131 oppure www.ritmika.it

Per maggiori informazioni:
Ass.ne Musicale Ritmika
0521-200131
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)