mostra fotografica

Madre Ganga mostra fotografica di Emanuela Orlandini e Giulia Minoia

4 marzo 2005

Il sacro Gange: immagini e testimonianze sul territorio intorno al fiume ei suoi abitanti, sulla gestione delle risorse idriche e i movimenti sociali indiani nati attorno alla “Ganga”.

Due incontri con il sacro Gange, due percorsi fino alla sorgente si intrecciano, con dialoghi e visioni diverse. Forse complementari. Un tentativo.
La sacralità viva del fiume è nella gente che abita e percorre le sue rive, che attinge alla sua acqua, che si rinfresca con un tuffo, che pesca i suoi pesci, che vi si reca in pellegrinaggio, che lotta per la sua difesa.
Un superamento della riva: uno scorrere universale.

Il percorso fotografico e documentario racconta possibilità diverse del vedere e dell’incontrare; a Varanasi, città sacra che tutto accoglie, pochi sanno della diga costruita a Tehri, non lontano dalla sorgente del fiume sul Himalaya, che ha provocato la distruzione di valli, villaggi, abitanti e, ultimata, cambierà il corso stesso del fiume e la vita di molti villaggi.
I pellegrini continuano il loro cammino, nelle grandi occasioni religiose e nella ritualità quotidiana; la vita intorno al fiume è la stessa.
Sulla strada che porta alla sorgente si costeggiano le valli sventrate, ovunque i rumori delle ruspe.
I vecchi villaggi esistono ancora, i loro abitanti saranno presto spostati in nuove case-cubi di cemento.
Nel silenzio del Himalaya, tra sentieri di pietra, nasce la Ganga…
Emanuela e Giulia

Il percorso espositivo
Fotografie in B\N e colore (Emanuela Orlandini): da Varanasi alla sorgente; l’attenzione è sull’aspetto “sacro” del fiume, nel tentativo di coglierne le inesauribili espressioni.
Testi e fotografie digitali (Giulia Minoia): l’attenzione è sul territorio intorno al fiume e ai suoi abitanti, ai movimenti sociali indiani nati attorno alla Ganga, nello specifico sul coinvolgimento femminile nella gestione delle risorse idriche; si propongono testi di documentazione sull’attuale situazione sul territorio, interviste ad attivisti (ad esempio Sunderlal Bahuguna, il leader del movimento Chipko per la revisione del progetto sulla diga) e ad abitanti dei villaggi che devono essere sfollati.
Fotografie in B\N sulla diga di Tehri (Serena Penagini, laureata in Indologia, amante dell’India, ora a Calcutta)

Per maggiori informazioni:
Equinozio - Café de la Paix
051-2750233
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Editoriale
    Svolta storica nel diritto internazionale

    Da oggi le armi nucleari diventano illegali

    Entra in vigore il TPNW (Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons), detto anche TPAN (Trattato di Proibizione della Armi Nucleari. Le armi nucleari vengono messe al bando in quanto armi indiscriminate. E' una vittoria del movimento pacifista internazionale e della campagna ICAN.
    22 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Un evento online promosso da Abolition 2000

    All’entrata in vigore del TPAN, ricordando la prima Risoluzione delle N.U.

    Ecco dei giorni che sembrano incastrarsi in un incrocio di eventi e di opportunità per l’obiettivo del disarmo atomico. Il nuovo Presidente U.S.A. Biden. Il TPNW. E il 75° anniversario della Risoluzione 1 (1) delle Nazioni Unite
    21 gennaio 2021 - Roberto Del Bianco
  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)