seminario

“International Cooperation For Memory" Srebrenica 27.08 – 01.09.2007

27 agosto 2007

Dal 27 agosto al 1. settembre 2007 si svolgerà a Srebrenica una Settimana Internazionale di dialogo dedicato alla memoria, aperta alla partecipazione di membri di istituzioni rappresentative, studiosi, ricercatori, giornalisti, artisti, animatori culturali e studenti, provenienti sia dall’area balcanica sia dall’Europa. La settimana prevede:

-Una tavola rotonda di 15 personalità invitate che lavoreranno a un documento sulla “memoria”, con specifica attenzione al ruolo e alla funzione della memoria per le vittime, per la democratizzazione e per la riconciliazione;
-Pubbliche presentazioni e discussioni, seminari e workshop sui luoghi e i linguaggi della memoria, con esperti locali e internazionali, aperti a cittadini e partecipanti;
-Iniziative culturali e artistiche (mostre, film, concerti e teatro).

Traduzione simultanea: Inglese, serbo/bosniaco (con facilitatori nelle altre lingue)
Quota partecipazione: 25 € al giorno per adulti e 15 € per studenti. Alloggio presso famiglie e pasti curati dall’associazione “Donne di Srebrenica”.

Un significativo appuntamento intermedio vedrà la partecipazione organizzata, anche dall’Italia, alla cerimonia di sepoltura delle vittime a Potocari, l’11 luglio, nell’anniversario della strage di Srebrenica (partenza prevista 08.07 e rientro il 13.07).

Il progetto „Adopt Srebrenica“

La Settimana Internazionale si colloca all’interno del progetto „Adopt Srebrenica“ che nasce da una lunga tessitura di relazioni tra la Fondazione Alexander Langer Stiftung di Bolzano (Italia) e l’associazione Tuzlanska Amica di Tuzla (BiH), con un coinvolgimento attivo delle Municipalità di Srebrenica e di Pescara, nonché di amministrazioni pubbliche, centri di ricerca storici e associazioni di volontariato italiane e internazionali.

Gli obiettivi a lungo termine

- Promozione di un processo di confidence building, di dialogo interculturale e di promozione di una cultura di pace e convivenza, di creazione di una memoria storica condivisibile;
- Creazione a Srebrenica di un Centro Internazionale di ricerca, documentazione, studio e formazione per l’analisi, la prevenzione e la gestione dei conflitti di carattere etnico e religioso. Un luogo di incontro, scambio e confronto permanente per i giovani del circondario e per gruppi di visitatori internazionali.

Grazie a chi vorrà far circolare questo pre-invito tra possibili interessate e interessati.

Per maggiori informazioni:
Gabriel Auer
Tel.+ Fax 0039 (0)471 97 76 91
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)