campo

Volontariato internazionale in Bosnia Erzegovina

22 giugno 2008
ore 18:20

GIOCHIAMO LA PACE IGRAMO MIRU ESTATE 2008
PROGETTO DI SOLIDARIETA' INTERNAZIONALE RIVOLTO ALLA POPOLAZIONE GIOVANILE DELLA EX-JUGOSLAVIJA
PROMOSSO E ORGANIZZATO DAL COLLETTIVO VAGABONDI DI PACE

IL PROGETTO SI SVOLGE IN BOSNIA-ERZEGOVINA NELLE LOCALITÀ DI :Bosanska Krupa, Bosanska Otoka, Brezicani, Ostruznica, Prijedor, Veliki Badic, dal 25 luglio al 18 agosto 2008 con turni due/tre settimane. Il progetto "Giochiamo la Pace - Igramo Miru" è uno strumento per la ricostruzione di un dialogo di pace in un paese che ancora mostra le profonde ferite della guerra, non solo dal punto di vista materiale, ma e soprattutto dal punto di vista sociale. Oltre a ciò il progetto è sicuramente un luogo di forte scambio interculturale, una forma volutamente positiva di approccio alla diversità intesa come arricchimento e crescita e non come barriera.

Il progetto "Giochiamo la Pace - Igramo Miru" nasce nell'estate del 2004, dopo la prima esperienza viene data continuità al progetto non limitandosi all'estate ma mantenendo i rapporti con le comunità durante tutto l'anno e facendo un progetto di animazione anche nel periodo invernale.
Attualmente il progetto ha due aree di riferimento: in Confederazione nella municipalità di Bosanska Krupa, in Repubblica nell'area di Prijedor. Le scuole coinvolte nel progetto sono sette. La scelta delle due aree di riferimento è stata fatta in base alla loro locazione geografica trovandosi nella zona di confine tra le due entità, volendo porci come vaso comunicatore e di interscambio tra comunità che a distanza di dodici anni dalla fine del conflitto armato sono ancora di fatto divise non solo dai confini amministrativi ma da una non-cultura di reciproca intolleranza o quanto meno di indifferenza e divisione, non-cultura che trova fertile terreno nelle condizioni socio-economiche in cui versa la Bosnia-Erzegovina.

Il progetto consiste in attività strutturate basate sul gioco, utilizzando questo non come elemento agonistico e competitivo ma come strumento di aggregazione dove tutti si sentono parte integrante e la cui riuscita è grazie a tutti. Il gioco è visto come elemento di relazione con gli altri, come possibilità di veicolare la propria rabbia, le proprie energie negative verso una sforzo che le tramuti in energie positive; oltre al gioco ci saranno i laboratori, attività mirate alla manipolazione di materiali, come disegno, pittura, tecnica, cartonaggio, stoffa e attività mirate alla scoperta del proprio io, alla presa di coscienza delle proprie possibilità volte ad accrescere la fiducia dei bambini e ragazzi in loro stessi e negli altri quali musica, teatro, recitazione e infine anche corsi di lingua. Anche in queste attività sarà molto presente il gioco, per non mutuare lo schema della scuola ma per far vivere le cose in modo diverso creando un approccio di libera partecipazione e non di imposizione/obbligo.
Oltre agli obiettivi inerenti propriamente l’animazione, da questa quinta edizione, parte in forma sperimentale una progettualità parallela dedicata ai lavori manuali di ristrutturazione e miglioria delle sedi scolastiche dove operiamo e di altri ambiti quali l’asilo, gli spazi verdi, le strutture sportive, gli spazi dell’associazionismo locale. Questi lavori saranno svolti sotto la guida e unitamente al personale locale pertinente. Questa implementazione è nell’ottica, già ribadita, di uno sviluppo del progetto oltre l’animazione che ne rimane il punto principale.

La partecipazione al progetto include 2 incontri di formazione ed uno di verifica

Incontri di formazione
- 28 - 29 giugno 2008
- 12-13 luglio 2008

date progetto:
- 25 luglio - 11 agosto 2008
- 25 luglio - 18 agosto 2008
- 1 - 18 agosto 2008

data verifica:
-22-23 settembre 2008

iscrizione e costi:
La quota di partecipazione vai dai 629 ai 795 euro (a seconda che si facciano 2 0 3 settimane) e comprende:
-2 fine settimana di formazione (vitto, alloggio, materiali)
-1 fine settimana di verifica (vitto, alloggio, materiali)
-viaggio di andata e ritorno in Bosnia Erzegovina
-vitto, alloggio, copertura assicurativa per tutta la durata del progetto

TERMINE ULTIMO PER LE ISCRIZIONI È IL 10 LUGLIO 2008

Per maggiori informazioni:
Roberto Limonta
3290024714
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)