incontro

Dalla Tunisia all'Egitto - Viva la rivoluzione araba che comincia

20 marzo 2011
ore 18:30

CON FAICAL DELL' ASS. 3 FEBBRAIO E TOMMASO MARIOTTI DI SOCIALISMO RIVOLUZIONARIO

Il mondo sta cambiando a vista d'occhio sotto il segno di una rivoluzione araba che comincia.
In particolare in Egitto, in piazza Tahrir la gente comune ha dato vita ad un processo di cambiamento straordinario, di coraggio, di dignità e libertà.
Le persone comuni, senza una direzione politica o religiosa, si sono unite in solidarietà con una determinazione che non ha lasciato scampo a Mubarak. Un esempio contagioso a cui si richiamano le popolazioni in Yemen, Iran, Bahrein, Algeria in maniere difformi ma anche con tanti aspetti in comune. Stiamo vivendo la fine di un vecchio mondo e l'alba caotica di nuovi mondi che si affacciano. In Libia alla rivolta popolare Gheddafi sta rispondendo con una carneficina inaccettabile, ben accompagnata dall'ipocrisia complice degli stati europei che sono solo preoccupati delle ondate di persone che fuggono, dal vedere i propri interessi garantiti come per il petrolio o dall'emergere del fondamentalismo islamico, che in realtà non è affatto maggioritario in questi processi.

Quello che sta accadendo ci riguarda, è un'ispirazione da cogliere e interpretare non acriticamente, non sono esempi da emulare. C'è un gigantesco processo rivoluzionario, più grande del 1989.

E' importante costruire e rilanciare la solidarietà, la comprensione, l'impegno.

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
  • PeaceLink
    Intervista ad Alessandro Marescotti

    «Nel 1980 avevo capito che l’informatica avrebbe cambiato completamente la società»

    Gli anni dell’università, poi la laurea in filosofia, la prima calcolatrice programmabile Texas TI58. Poi l'esperienza da programmatore, prima di diventare insegnante di Lettere. Un racconto che arriva infine alla nascita di PeaceLink, la telematica per la pace
    24 gennaio 2023 - Italia che cambia
  • Ecologia
    Video con l'intervento di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink

    Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA

    "Il decreto non è emendabile e se viene convertito in legge equivale a riportare in Italia la pena di morte, per di più verso persone innocenti di cui non conosciamo nome, sesso, età e volto".
    24 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

    Perù: prosegue il conflitto sociale

    Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
    23 gennaio 2023 - David Lifodi
  • Ecologia
    Uno sketch del regista Giuseppe Giusto

    PeaceLink in audizione al Senato sullo scudo penale all'ILVA

    Il decreto legge che istituisce l'immunità penale per chi inquina è una grave intromissione nella sfera di autonomia della magistratura che a Taranto ha operato per la difesa della salute dei cittadini disponendo la confisca e il sequestro degli impianti inquinanti.
    23 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)