Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Greta Thunberg è definitivamente diventata una popstar

News sul clima

L’attivista per il clima, insieme alla band britannica The 1975, ha pubblicato una canzone che spinge all’azione
5 agosto 2019
Julia Lorenz
Tradotto da Stefano Porreca per PeaceLink
Fonte: taz.de - 01 agosto 2019

Matt Healy e Greta Thunberg (che indossa la maglietta con la scritta "Antifascist All Stars")

Il 25 luglio scorso Greta Thunberg è diventata definitivamente una popstar. In quella data, infatti, la band britannica The 1975 ha pubblicato una canzone a cui ha collaborato l’attivista svedese di Fridays for future. Si chiama come la band originaria di Manchester, The 1975. Ed è un appello alla ribellione, il ricavato sarà interamente devoluto all’organizzazione britannica Extincion Rebellion.

In Gran Bretagna la canzone sta suscitando enorme clamore, The 1975 – infatti – sono molto apprezzati dal mainstream targato UK. Le loro giovani ascoltatrici sono alquanto apartitiche e stanche della politica, come si vede anche dalla scarsa partecipazione al voto sulla BRexit

Nel resto del mondo i fan della Thunberg in questo modo ottengono l’inno del movimento, i suoi oppositori un motivo in più per alzare gli occhi al cielo. The 1975 non hanno solo un immenso successo, ma sono anche piuttosto controversi. La band, fondata nel 2002, attinge (apparentemente) in modo indiscriminato dalla storia della musica più recente, incarna prima il bubblegum pop e poi ritorna al soft rock o all’emocore.

Per questa ragione, alcuni li amano per essere dei geniali artisti camaleontici, altri li dileggiano per essere dei copisti dai gusti imbarazzanti. In modo appropriato, nel 2014 la rivista musicale britannica New Music Express li ha eletti come “peggiore band dell’anno” e allo stesso tempo li ha inseriti nella lista degli “esordienti più promettenti”.

Dichiarazione di antifascismo

La performance della Thunberg con The 1975, tuttavia, non è la classica collaborazione. La sedicenne non canta, bensì tiene un discorso di circa cinque minuti accompagnato da delicate sonorità ambient, nel quale incita alla disobbedienza civile. Una canzone senza secondi fini, senza l’intenzione di produrre un effetto di straniamento. Forse, la si potrebbe definire come una iper affermazione.

Occorre però sapere che fino ad oggi la band britannica ha aperto tutti e tre i suoi album con una variazione del brano che porta il loro stesso nome, The 1975. Anche nel loro prossimo album Notes on a Conditional Form, che uscirà nel 2020, The 1975 avrà la funzione di gingle, di segnale di inizio spettacolo per il cantante Matt Healy e il suo show. Dedicare questo momento a Thunberg ha un significato simbolico, perlomeno per i fan del gruppo.

Almeno tanto importante quanto la canzone, tuttavia, è la foto dell’incontro tra Thunberg e Healy che recentemente ha fatto il giro dei social network. Non solo Thunberg portava una t-shirt con la scritta “Antifascist All Stars” e con ciò ha rilasciato una evidente dichiarazione, sin qui ignota, di antifascismo; ma è soprattutto la posizione di Healy che merita di essere notata: si appoggia bellamente alla sua spalla per non dare l’impressione che si tratti di un’attivista che sta ricevendo in dono un po’ della polvere stellare di una rockstar – si tratta, piuttosto, di una dimostrazione di umiltà e solidarietà.

Con il brano di apertura del loro prossimo album, The 1975 hanno lasciato il palco alla giovane attivista, allo stesso tempo, però, hanno confermato che Thunberg non ha bisogno di questi gesti amichevoli. La popstar più grande, più importante a livello globale, infatti, è senz’altro lei.

In merito al messaggio sulla maglietta, nel frattempo, Thunberg ha affermato di rifiutare per principio la violenza – contemporaneamente ha sottolineato di essere ovviamente contraria al fascismo. Ciò nonostante, The 1975, nata dalla collaborazione tra Thunberg e The 1975, presumibilmente non entrerà a far parte della storia degli inni di protesta. Come brano esplicativo dell’attuale relazione tra cultura pop e attivismo, la canzone è certamente okay.

Tradotto da Stefano Porreca per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: "Neues vom Klima"

Per consultare il profilo completo del traduttore, cliccare qui:
www.linkedin.com/in/stefano-porreca
www.proz.com/profile/2546108

Articoli correlati

  • COP26, l’amaro in bocca del realismo geopolitico
    Ecologia
    L’attenzione e l’ambizione e le aspettative nei riguardi di questa COP 26 erano alte, altissime

    COP26, l’amaro in bocca del realismo geopolitico

    Lo scorso weekend si è conclusa la COP26, la ventiseiesima edizione della Conferenza delle parti l’appuntamento che dal 1992 chiama tutti i leader mondiali a decidere le strategie globali per far fronte alla crisi climatica. I pro e i contro dell'accordo raggiunto.
    17 novembre 2021 - Domenico Vito
  • Imponente mobilitazione mondiale contro i cambiamenti climatici
    Ecologia
    Arriva alla conferenza di Glasgow il grido di allarme dei giovani di tutto il mondo

    Imponente mobilitazione mondiale contro i cambiamenti climatici

    E' emergenza ambientale ma non ci si comporta come se fosse un'emergenza, ed è un base a questo assunto decine e decine di migliaia di manifestanti che si stanno mobilitando ovunque
    6 novembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Nel Mediterraneo galleggiano 3.760 tonnellate di rifiuti di plastica
    Ecologia
    Una nuova stima

    Nel Mediterraneo galleggiano 3.760 tonnellate di rifiuti di plastica

    Sacchetti della spesa, bottiglie d'acqua, polistirolo, microparticelle: stando a un recente studio, sulla superficie del mar Mediterraneo galleggiano grosse quantità di plastica. Un'altra parte scompare indisturbata nelle profondità
    26 ottobre 2021 - Redazione Spiegel Online
  • Verso Glasgow: salviamo il clima con il disarmo e senza il nucleare
    Ecologia
    Il bla bla bla denunciato da Greta Thunberg è la verità

    Verso Glasgow: salviamo il clima con il disarmo e senza il nucleare

    I nostri obiettivi da portare come ecopacifisti alla Cop26 sono l’inserimento dell’impatto delle attività militari e del disarmo negli accordi di Parigi e lo sbarramento al rientro in gioco della lobby nucleare.
    23 ottobre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)