CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

L'uscita di Google minaccia l'Internet cinese, dicono gli analisti

Google sembra intenzionato a lasciare il mercato cinese di cui controlla "solo" il 33 per cento
13 gennaio 2010 - David Barboza
Fonte: The New York Times - 14 gennaio 2010

SHANGHAI - Se Google lasciasse la Cina, il paese improvvisamente diventerebbe ancor più dipendente dai suoi principali motori di ricerca, come Baidu.com. E, mentre è probabile che possa essere un vantaggio per le società cinesi nel breve periodo, secondo gli esperti, nel lungo periodo dell'Internet cinese, costituirebbe non poche complicazioni.

手气不错 Baidu è certo un arrivista. L'azienda ha 300 milioni di utenti, una quotazione di oltre 13 miliardi di dollari ed è leader nel mercato cinese con un ampio margine: il 63 per cento contro il 33 per cento di Google, secondo le stime di iResearch.

"In Cina c'è un duopolio - afferma Richard Ji, analista di Morgan Stanley - giusto Baidu e Google. E Baidu si trova in testa."

Baidu non ha commentato Mercoledì l'annuncio di Google.

Una delle ragioni della posizione dominante di Baidu è la sua forte conformità alle normative cinesi sull'Internet come la censura dei contenuti online. Baidu ha illuso e Google non ha gradito, dicono gli esperti.

"Baidu mantiene un ottimo rapporto con il governo", afferma Hong Bo, consulente di 5G, una società di consulenza con sede a Pechino. "Se il Governo vuole rimuovere qualcosa lo farà subito. D'altra parte, qualsiasi cosa con Google deve passare attraverso il suo quartier generale."

Questo, e il controllo locale, potrebbe essere il motivo per cui Google non è riuscito a recuperare il divario con Baidu.

Eppure, gli analisti sostengono che Google ha condotto una feroce battaglia per la supremazia nel web cinese, con l'obiettivo di spodestare Baidu, una società di cui Google detiene una piccola quota sin dal giugno 2006.

I dirigenti di Google sostenevano di posssedere le migliori tecnologie, i dirigenti Baidu replicavano affermando che Google non sa quello che vogliono gli utenti cinesi.

Piuttosto: Baidu non fa soltanto ricerche. Baidu è un supermercato di offerte e servizi web, molti sono le imitazioni di altri popolari siti come Wikipedia, MySpace e - a breve - di un sito di video online modellato su Hulu.com.

"E un conglomerato, - come ha affermato Mr. Ji - Ma la maggior parte dei profitti deriva dal motore di ricerca"

L'anno scorso Google aveva fatto alcune incursioni contro Baidu, durante la dirigenza Lee Kai-Fu, ex dirigente Microsoft. Ma Mr. Lee ha annunciato che avrebbe lasciato Google nel mese di settembre, dicendo che stava preparando qualcosa di nuovo.

Ora, Google sta tracciando una via che potrebbero seguire Yahoo, Ebay e Amazon che, in questo modo, sparirebbero virtualmente da un paese con la più vasta popolazione mondiale di internauti, stimata attorno a 338 milioni di utenti.

"È l'epitaffio degli USA online coinvolti qui", ha detto Anne Stevenson Yang, un dirigente della Wedge MKI con sede a Pechino, una società di ricerca azionaria. "I media sono sempre perdenti in Cina".

Da parte sua, due mesi fa Baidu appena trasferitasi in una nuova, imponente sede a Pechino, ha attivato una serie di nuove iniziative con cui sperava di attirare consumatori ed investitori.

Ma molti analisti dicono che Baidu potrebbe tollerare oltre il lungo periodo, se Google chiudesse le sue filiali cinesi.

"L'intera industria peggiorerà", afferma Yu Yang, amministratore delegato di Analysys International, società di ricerca con sede a Pechino. "Per quanto riguarda Baidu, senza la concorrenza di Google, non ha motivai per innovarsi".

Baidu ha dovuto affrontare una concorrenza sempre più forte in Cina, non solo da parte di Google, ma anche da altre società operanti sull'Internet, come Tencent e Taobao, i leader cinesi negli acquisti online. La mossa di Google per uscire dal paese sarebbe eliminare la competizione dando una scossa a Baidu. "Questo sarà sicuramente a favore di Baidu", ha detto Wallace Cheung, esperto di Internet presso il Credit Suisse.

Baidu è stata fondata da Robin Li, laureato in una delle migliori scuole della Cina: l'Università di Pechino. In seguito ha studiato informatica presso l'Università Statale di New York a Buffalo, e poi ha cominciato a sperimentare le tecnologie dei motori di ricerca.

Larry Rafsky, che ha lavorato con il Mr. Li nel 1990 in una software house, dice di essere stato un pioniere, sviluppando alcune delle prime tecnologie di ranking.

Ha inventato "un algoritmo di Page Ranking praticamente identico a quello che conosciamo relativo ai primi abbozzi di Google". Così disse Mr. Rafsky in un'intervista pochi anni fa. "Il suo primo nome fu Rankdex".

Quando era negli USA, Mr. Li ha lavorato anche a Infoseek, un'azienda pionieristica nei motori di ricerca, poi, attorno al 1999, è tornato in Cina per fondare Baidu.

La società è stata quotata dal Nasdaq Stock Market, nel novembre 2005, a 27 dollari per azione. Oggi, le sue azioni hanno un valore di circa 386 dollari, il che fa di Baidu uno dei più ricchi soggetti della new economy del sol levante.

Mr. Li, 41 anni, è uno degli imprenditori più ricchi della Cina, con un capitale stimato di circa tre miliardi di dollari, secondo Forbes.

Tradotto da Giacomo Alessandroni per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale "Google Exit Threatens Chinese Internet, Analysts Say"
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)