CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Eurocommissione a Taranto
    Ilva sotto osservazione

    Eurocommissione a Taranto

    Dal 2 al 4 novembre la Commissione Petizioni del Parlamento Europeo si recherà a Taranto per il caso ILVA. E' una visita importante in quanto in campo vi sono due importanti novità: l'abbondante produzione di ricerche epidemiologiche aggiornate su Taranto presentate da pochi giorni nel Congresso scientifico ISEE di Roma e la inequivocabile relazione dell'ISPRA che certifica la persistente e prolungata non attuazione delle prescrizioni ambientali da parte di ILVA.
    10 settembre 2016
  • FT: Monti non è l’uomo giusto per guidare l’Italia

    FT: Monti non è l’uomo giusto per guidare l’Italia

    Molti italiani sanno di dovere a Draghi il calo dei rendimenti obbligazionari
    28 gennaio 2013 - Wolfgang Münchau
  • Niente di nuovo sul menù elettorale italiano

    Niente di nuovo sul menù elettorale italiano

    23 gennaio 2013 - Mark Duff
  • Visti da vicino

    Visti da vicino

    Come i nostri vicini d'oltralpe ci vedono in questa campagna elettorale piena di novità e di antichi rituali
    22 gennaio 2013 - Cinzia Lazzarini

Reti aperte per lo sviluppo

27 marzo 2004 - Franco Carlini
Fonte: Corriere della Sera

Si chiama «Longhorn» il software su cui si è rotto il dialogo tra il commissario europeo Mario Monti e Steve Ballmer, il capo della Microsoft . La conferma è venuta anche da fonti interne Microsoft . Longhorn è il nome in codice della prossima versione del sistema operativo Windows cui la casa di software sta lavorando e il cui rilascio è previsto non prima del 2005. Sarà una cosa totalmente diversa dalle «finestre» cui siamo abituati e in esso verranno inserite nuove applicazioni: non solo l' attuale player musicale (che l' Ue vuole scorporato per consentire la concorrenza dei prodotti analoghi), ma anche un potente motore di ricerca cui Microsoft assegna la missione di incidere nel lucroso mercato degli indici della rete, finora solidamente presidiato da Yahoo! e soprattutto da Google. Monti ha cercato invano di ottenere da Microsoft un impegno anche per il futuro a non abusare di questo controllo della scrivania dei computer (il desktop), mantenendo separata la piattaforma di base dagli accessori. Microsoft sostiene che non più di accessori si tratta ma di un tutto unico, concettualmente e praticamente indistinguibile. La discussione potrebbe apparire filosofica (cosa è «di base» e cosa è «applicazione») ma la polemica è alta e ha visto schierati al fianco di Microsoft alcuni parlamentari Usa e lo stesso Dipartimento di Giustizia, indignati per il fatto che l' Europa decida su questioni che l' America considera proprietà esclusiva. Le parti dunque si rovesciano: da Bruxelles si spinge per condizioni aperte, in America si tende a difendere i territori già presidiati. Non è ancora guerra commerciale, ma certamente si avverte un discreto spirito protezionista, al di là dell' Atlantico. In questi stessi giorni, per esempio, la grande rivale di Microsoft , Sun Microsystems, ha risposto di no alla comunità degli sviluppatori del linguaggio Java che le chiedeva di rendere più aperto quell' ambiente applicativo. Ma le politiche rigidamente chiuse e proprietarie sono miopi, alla lunga: se l' Internet l' avessero inventata Microsoft , o Ibm, o Sun, l' avrebbero blindata e ricoperta di brevetti e sarebbe rimasta una delle molte reti private a diffusione limitata che già c' erano prima.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)