Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • A un anno da Fukushima
    Teniamo sempre in mente la lezione da Fukushima.

    A un anno da Fukushima

    Il 9 marzo 2012, al Polo Fibonacci dell'Università di Pisa, una lezione e un monito sui pericoli del nucleare civile (e non solo).
    Ecco finalmente i video!
    23 aprile 2012 - Roberto Del Bianco
  • Lettera aperta a Napolitano

    I responsabili della tragedia delle Cinque Terre siamo noi

    Amministratori, cittadini, elettori: la colpa è nostra, non dei cambiamenti climatici

    Tratto dal blog: Le conseguenze del cemento
    Mauro Galliano
  • A Bhopal la notte del 2 dicembre 1984 non è ancora finita
    Al convegno di Amnesty International su “imprese, diritti umani e ambiente” - presente anche il nodo di Taranto di PeaceLink - si dà voce al diritto delle popolazioni ad essere informate e difese

    A Bhopal la notte del 2 dicembre 1984 non è ancora finita

    In un’aula universitaria di economia sono stati ricostruiti i fatti che hanno preceduto l’incidente in una fabbrica di pesticidi che coinvolse la città indiana di Bhopal, sconvolgendo la vita di 500.000 abitanti. Ma sono state passate in rassegna decine di emergenze ambientali, con imprese che hanno sottoposto consapevolmente le popolazioni a gravi rischi e sofferenze, nella latitanza dei governi.
    29 novembre 2009 - Lidia Giannotti
  • Una legge contro le associazioni ambientaliste

    Una legge contro le associazioni ambientaliste

    Le associazioni ambientaliste che fanno ricorso sono avvisate: rischiano di pagare risarcimenti milionari. Lo dice una proposta di legge del Pdl, anticostituzionale e antidemocratica
    9 aprile 2009
Interviene il presidente Walter Ganapini

Greenpeace: "Rigassificatori, eccellente obiettivo per azioni terroristiche"

Evideziate le criticità insite nella questione dei rigassificatori. Greenpeace critica la scelta dei rigassificatori senza una definizione preliminare del fabbisogno energetico nazionale. "Appare sconsigliabile - sottolinea il presidente di Greenpeace - ogni ipotesi che ne preveda l'insediamento in ambiti portuali con intorno densamente urbanizzato".

"Occorre elaborare con urgenza, in quanto teoricamente propedeutico a qualsivoglia decisione operativa, un Piano energetico nazionale dal quale desumere una credibile proiezione della domanda, mettendo in conto interventi sulla stessa così come sulla offerta, a partire da quella da fonti rinnovabili".
Interviene così nel dibattito sui rigassificatori Walter Ganapini, membro onorario del Comitato Scientifico dell'Agenzia europea per l'ambiente ed ex presidente dell'ANPA, oggi presidente di Greenpeace Italia. Ganapini avverte, nel suo consueto intervento sulla rivista di Banca Etica Valori, le criticità insite nella questione dei rigassificatori.
Gli aspetti problematici ricordati da Ganapini sono "l'enormità degli investimenti necessari per attrezzare una flotta di navi metaniere e la considerazione", emersa "ben prima dell'11 settembre, di come tali navi, nonché i rigassificatori stessi, potessero rappresentare un eccellente obiettivo per azioni terroristiche".
A rilevare le criticità fu Enel, ricorda Ganapini, che già dalla fine degli anni Ottanta si era posta l'obiettivo di diversificare la fornitura di metano pensando di rivolgersi a Libia, Nigeria, Qatar non tramite metanodotti ma appunto via nave.
Ganapini, sottolineando la necessità di un Piano nazionale, ritiene indispensabile avere garanzie sulle forniture perché la filiera dei rigassificatori richiede certezza sui tempi di ritorno degli ingenti investimenti.
Ma soprattutto l'esperto sottolinea la necessità di considerare localizzazioni che minimizzino "gli effetti potenzialmente devastanti di incidenti rilevanti (il rigassificatore è un'industria a rischio) o di attentati: appare sconsigliabile - sottolinea il presidente di Greenpeace - ogni ipotesi che ne preveda l'insediamento in ambiti portuali con intorno densamente urbanizzato".
"L'inverno è alle porte - conclude Ganapini - e l'accordo Gazprom Sonatrach la dice lunga sulla consapevolezza che i produttori hanno circa il valore politico della risorsa di cui dispongono: ciò detto è bene che le decisioni di diversificazione non vengano prese in clima di emergenza, ma in base ad analisi accurate e comprensive di tutti i fattori condizionanti".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)