Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

La denuncia di Greenpeace

L'Italia avvelena la Malesia

Questa nazione è diventata una delle principali destinazioni dei rifiuti occidentali in plastica di bassa qualità e di difficile riciclo
13 febbraio 2020
Fonte: https://www.greenpeace.org/italy/ - 10 febbraio 2020

Nel corso degli ultimi anni la Malesia è diventata una delle principali destinazioni dei rifiuti occidentali in plastica di bassa qualità e di difficile riciclo.


Indagini di Greenpeace hanno intercettato 68 aziende malesi che, prive dei permessi necessari, accolgono illegalmente i rifiuti in plastica che provengono dall’estero, Italia inclusa, senza alcuna sicurezza per l’ambiente e la salute umana.

Nel 2019 la Malesia si è classificata al 2° posto tra i Paesi fuori dall'UE per l'import di plastica dall'Italia



"L’esportazione dovrebbe essere l’ultima ratio, una società tecnologicamente avanzata deve essere in grado di gestire i propri scarti; se non lo è, deve interrogarsi seriamente su quello che sta facendo", dichiara la giurista ambientale Paola Ficco. 

Il responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace, Giuseppe Ungherese, ha sottolineato: "Il primo passo è eliminare al più presto la plastica monouso".

Articoli correlati

  • Taranto, progetto per plastica in altiforni
    Taranto Sociale
    "La nostra lotta prioritaria - rileva Peacelink - è però per la chiusura degli altoforni"

    Taranto, progetto per plastica in altiforni

    Contro questo progetto si schiera Peacelink che dichiara: "Se passa il progetto, negli altoforni dell'Ilva arriverà la plastica di tutto il mondo trasformandoli in grandi inceneritori. Il porto di Taranto vedrà arrivare navi cariche di rifiuti di plastica".
    9 agosto 2020 - Agenzia stampa AGI
  • La plastica negli altoforni ILVA
    Editoriale
    Invece di ridurre il più possibile l'uso della plastica

    La plastica negli altoforni ILVA

    Vorrebbero alimentare gli altoforni ILVA con centomila tonnellate/anno di plastica. E' una quantità di plastica enormemente superiore a quella prodotta dai tarantini (che non producono mezza tonnellata di plastica all'anno). A Taranto arriverà la plastica di tutto il mondo?
    7 agosto 2020 - Alessandro Marescotti
  • Sui rifiuti di plastica la Germania si illude
    Ecologia

    Sui rifiuti di plastica la Germania si illude

    I tedeschi si ritengono i precursori del riciclo, ma a torto. Neppure il logo dei drugstore con cui le aziende produttrici stanno facendo greenwashing serve a migliorare la situazione.
    22 agosto 2019 - Michael Kläsgen
  • Ogni settimana ciascuno di noi mangia e beve fino a cinque grammi di microplastica
    Ecologia
    Le conseguenze della marea di plastica

    Ogni settimana ciascuno di noi mangia e beve fino a cinque grammi di microplastica

    Un quantitativo pari a una carta di credito: è questo il numero di particelle di plastica che già oggi le persone assumono con l’alimentazione, stimano i ricercatori. Tuttavia, ci sono differenze regionali
    26 luglio 2019 - Deutsche Presse Agentur
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)