Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Petrolio, ecco i dati che interessano la Basilicata

Sulla questione petrolio è in corso, da tempo, un dibattito a più voci, che fa registrare prese di posizione, considerazioni e valutazioni differenti che rientrano nel legittimo e fisiologico dibattito pubblico.
16 febbraio 2008
Fonte: Basilicatanet.it

Petrolio, pozzo di estrazione “Sulla questione relativa alle estrazioni di petrolio è in corso, da tempo, un dibattito a più voci, che fa registrare prese di posizione, considerazioni e valutazioni differenti che rientrano nel legittimo e fisiologico dibattito pubblico.

Quando, invece, si esce dalla sfera delle considerazioni e si rappresentano i dati, questi – se la fonte è quella ufficiale – vanno assunti nella loro oggettività”. Lo ha dichiarato l'assessore regionale all'Ambiente, Territorio e Politiche della sostenibilità, Vincenzo Santochirico, in merito a notizie apparse sui quotidiani locali e relative alle istanze di permessi di ricerca di idrocarburi, ai permessi, e alle concessioni accordate.

La fonte di riferimento di questi dati considerata e citata dall’assessore nei confronti e nelle dichiarazioni dei giorni scorsi é quella del ministero dello Sviluppo economico – ufficio nazionale minerario per gli idrocarburi e la geotermia
(http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/unmig.htm).

Sfiorato il disastro ecologico nei pressi di Potenza Si ribalta autocisterna carica di greggio
Erano circa le ore 15.30, il traffico scorreva regolare. Ad un tratto quello che non si poteva immaginare: un'autocisterna carica di greggio, ben 10 quintali, si è rovesciata versando il suo carico sui terreni circostanti la SP92.

Ora toccherà bonificare i terreni intrisi dal greggio, operazione questa stimata della durata di 2 giorni.

Secondo il WWF "gli incidenti, numerosi nell'area, avvengono nel più assoluto silenzio delle istituzioni regionali, che invece di porre fine a questa assurda corsa all'oro nero continuano a concedere autorizzazioni e permessi di ricerche".

Solo un anno fa si verificò un incidente simile tra Villa d'Agri e Viggiano, con una autobotte che, in seguito ad una sbandata, finì in una scarpata riversando il suo contenuto di greggio nei terreni circostanti.
Sulla base delle tabelle ministeriali, aggiornate al 30 novembre scorso, per quanto riguarda la Basilicata i dati sono i seguenti:

* 41 istanze di permessi di ricerca, di cui 23 in provincia di Potenza e 18 in provincia di Matera;

* 4 permessi di ricerca attualmente validi;

* altri 5 permessi sono stati dichiarati scaduti nelle seguenti date: Monte la Rossa il 28/01/2003, Fosso Valdienna e Tempa Moliano il 5/12/2002, Teana il 23/09/2004, Aliano il 6/11/2004); il permesso di Serra San Bernardo scade il 23 febbraio prossimo, quindi fra alcuni giorni.

* 17 concessioni di coltivazione valide (4 concessioni accordate negli anni passati sono scadute; 1 scade a maggio prossimo; 1 scade a giugno 2009; le altre nei prossimi anni. Soltanto nel caso del sito della Val d’Agri, la concessione risale agli anni 2000; tranne le due di Recoleta e Gorgoglione che risalgono al 1999 e quella di Monte Verde del 1992, le altre risalgono agli anni ’60, ’70 e ’80).

Occorre rilevare che l'attività estrattiva attualmente svolta in Basilicata interessa essenzialmente la concessione di Viggiano, dove si estraggono 8.934 barili di petrolio al giorno, mentre la concessione di Pisticci consente l'estrazione di 438 barili al giorno (dati del 15 febbraio 2008, fonte http://www.basilicatanet.it/petrolio/homepetrolio.asp).

Quindi, le attività estrattive, che l’assessore ha qualificato come “vere e proprie”, si limitano ad interessare due sole concessioni. Questi i dati, incontrovertibili, forniti dal ministero dello Sviluppo economico, riferiti dall'assessore Santochirico nel corso di una trasmissione televisiva, e riportati anche in un resoconto giornalistico. Per gli scettici, è possibile consultare il sito del ministero dello Sviluppo economico oppure chiedere la registrazione della trasmissione in cui l'assessore Santochirico ha citato i dati.

E’ utile ricordare, inoltre, che i permessi di ricerca vengono concessi dal Ministero, previa intesa con le Regioni, e che il preliminare esame di compatibilità ambientale, da condurre nel rigoroso rispetto delle leggi vigenti, non costituisce assolutamente autorizzazione a effettuare le esplorazioni, né tanto meno ad estrarre.

Qualsiasi altra interpretazione non può che essere frutto di inesattezze e strumentalismi: se le opinioni possono consentirli, i dati no. “Confermo, come ho già ribadito recentemente – conclude l’assessore Santochirico – che rimane aperto e impregiudicato il dibattito sui limiti e le modalità di nuove attività di ricerca e di estrazione in Basilicata; decisioni e orientamenti non potranno che essere assunti in un confronto aperto con la società e nelle sedi istituzionali”.

Note:

www.valdagri.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)