Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Messaggio di Michael Mariotte, Direttore Esecutivo, Servizio di informazione e risorse sulla questione nucleare, USA

Messaggio di solidarietà antinuclear dagli USA

Il Nuclear Information and Resource Service (NIRS) statunitense appoggia il movimento antinucleare italiano e il referendum del 12/13 giugno per impedire la costruzione di nuovi centrali nucleari in Italia
8 giugno, 2011
Michael Mariotte (Direttore Esecutivo e principale portavoce per NIRS)

 

Nuclear Information and Resource Service            (Servizio di informazione e risorse sulla questione nucleare)

6930 Carroll Avenue, Suite 340, Takoma Park, Maryland 20912 www.nirs.org

NIRS appoggia il movimento antinucleare italiano e il referendum del 12/13 giugno per impedire la costruzione di nuovi centrali nucleari in Italia

8 giugno, 2011 Pericolo nucleare

A nome dei 35.000 membri di NIRS, vi scriviamo per esprimere la nostra solidarietà con tutto il movimento antinucleare italiano e con il referendum del 12/13 giugno per impedire la costruzione di nuovo centrali nucleari in Italia.

La catastrofe di Fukushima ha ricordato a tutto il mondo che tutti i centrali nucleari sono come incidenti che attendono il momento per avverarsi, e che gli incidenti nucleari succedono con molta più frequenza che ammettono i governi e le aziende dell’industria nucleare. Se i governi vengono meno alla loro responsabilità di agire, giunge il momento in cui la gente del mondo si solleva per rifiutare l’energia nucleare. Ci congratuliamo con la gente italiana che l’ha fatto.

Crediamo che questo referendum offre un’opportunità storica affinché l’Italia possa rifiutare per sempre la sporca, pericolosa e costosa energia nucleare e abbracciare invece un nuovo percorso che ci porta verso un futuro libero dal nucleare e libero dal carbone che serve al nostro pianeta e che lo stesso pianeta merita.

Michael Mariotte

Direttore esecutivo

 

Originale in inglese:

NIRS SUPPORTS ITALIAN ANTI-NUCLEAR MOVEMENT AND JUNE 12-13

REFERENDUM TO PREVENT NEW NUCLEAR POWER IN ITALY

June 8, 2011

On behalf of NIRS’ 35, 000 members, we write to express our solidarity with all in the Italian

anti-nuclear movement and the June 12-13 referendum to prevent the construction of new

nuclear reactors in Italy.

The Fukushima catastrophe has reminded the world that all nuclear reactors are accidents

waiting to happen, and that nuclear accidents happen much more frequently than the world’s

governments and nuclear corporations have stated. If governments fail to act, then it is time for

the people of the world to rise up and reject nuclear power. We applaud the people of Italy for

doing so.

We believe this referendum offers a historic opportunity for Italy to permanently reject dirty,

dangerous and expensive nuclear power and instead embrace a new path to the nuclear-free

carbon-free energy future our planet needs and deserves.

Michael Mariotte

Executive Director

Nuclear Information and Resource Service

Note: Da 30 anni NIRS e WISE (World Information Service on Energy) lavorano come rete di informazione negli USA e nel mondo per cittadini e organizzazioni ambientaliste che si occupano di questioni legate all'energia e le scorie nucleare, la radiazione e lo sviluppo sostenibile. Tra i suoi più noti sostenitori si contano i musicisti Bonnie Raitt, Ani di Franco e Graham Nash.

---

Un vivo ringraziamento a Michael Leonardi, autore e attivista antinucleare, che si è impegnato per far arrivare questo messaggio dagli USA.

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)