Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Lavorare con le bonifiche, avviare subito la messa in sicurezza d'emergenza della falda acquifera

"Ilva: emergenza ambientale e occupazionale a Taranto"

Conferenza nella sala stampa della Camera dei Deputati lunedì 16 aprile alle ore 16 promossa da AIL (Associazione Italiana lotta alle Leucemie) Taranto, Altamarea, Ammalati cronici ed immunitari, Cittadinanzattiva/Tribunale dei diritti del malato Taranto, Comitato vigiliamo per la discarica, Donne per Taranto, Eticambiente, Fondo antidiossina Taranto, Impatto zero, Mondomare, Italia Nostra Taranto, PeaceLink, WWF Taranto, Associazione Culturale Pediatri (ACP) di Puglia e Basilicata


video della conferenza stampa

Lunedì 16 aprile alle ore 16, nella sala stampa della Camera dei Deputati, vogliamo presentare un dossier e delle diapositive con le nostre proposte per la messa in sicurezza di emergenza della falda acquifera sotto l'area industriale di Taranto.

Questa proposta è il primo passo verso le bonifiche.

La proposta avrebbe uno strumento immediato per formare/riqualificare i lavoratori dell'Ilva che dovessero andare in cassa integrazione: il Fondo Sociale Europeo (FSE).

Sarebbe un modo efficace per riportare al lavoro i lavoratori Ilva che dovessero andare in cassa integrazione dopo un eventuale provvedimento di sequestro della cokeria Ilva da parte della magistratura.

Lunedì richiederemo ai parlamentari anche l'adozione di un limite per diossine e pcb che sia più stringente per le aree di pascolo altrimenti quelle attuali sottoposte a divieto di pascolo dalla Regione non verranno bonificate. Esiste un parere dell'ISS che abbassa da 10 a 4 ng/kg la somma di diossine+pcb. E' nel cassetto di Minambiente. E l'Epa americana recentemente ha fatto scendere a 3,7 per i suoli urbani il livello sopra il quale far scattare le bonifiche (noi siamo a 10). i relatori della conferenza stampa

Se si applicassero i limiti Epa tutto il suolo del quartiere Tamburi di Taranto andrebbe bonificato perché è intorno a 6.

Note: Informazioni utili

1) Obbligatoria giacca e cravatta per gli uomini.

2) Chi volesse partecipare deve comunicare AL PIU' PRESTO il proprio nominativo a radicali.camera@gmail.com (tel. 0667603584 segreteria sala stampa Camera); abbiamo ottenuto la prenotazione tramite l'on. Elisabetta Zamparutti, radicale, che ringraziamo.

3) Chi porta computer, Ipad, Iphone, macchine fotografiche e tutto cio' che e' elettronico, lo deve comunicare via email indicando marca e modello.

4) Titolo conferenza stampa: "Ilva: emergenza ambientale ed occupazionale a Taranto".

5) Partecipano giornalisti, parlamentari (in particolare di Taranto e della Puglia, che saranno invitati dal governo il giorno dopo) e cittadini che si prenotano.

6) Lo scopo e' quello di proiettare un power point e presentare un nostro dossier con le proposte per la messa in sicurezza di emergenza della falda acquifera sotto l'area industriale come primo passo verso le bonifiche e come strumento immediato per formare con il FSE e riportare al lavoro i lavoratori Ilva che dovessero andare in cassa integrazione dopo un eventuale provvedimento di sequestro della cokeria Ilva da parte della magistratura. Dovremo richiedere anche un limite più stringente per le aree di pascolo altrimenti quelle non verranno bonificate.

7) Per contatti: 3290980335 - a.marescotti@peacelink.it (Alessandro Marescotti)

Allegati

Articoli correlati

  • Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo."
    Taranto Sociale
    Taranto non si arrende!

    Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo."

    Durante la conferenza stampa per Fiaccolata per le vittime dell'inquinamento del 26 febbraio Martina: "L’appello che però lancio agli adulti, è quello di prendere coscienza e superare ogni divisione. Noi abbiamo bisogno del vostro esempio. Voi avete bisogno della nostra voglia di cambiare il mondo."
    15 febbraio 2020
  • Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio
    Ecologia
    E' prevista una fiaccolata

    Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio

    ArcelorMittal ha espresso l'intenzione di andare via da Taranto perché non produce profitti ma solo ingenti perdite. E' il momento opportuno per scendere in piazza e chiedere il fermo dei vecchi impianti ILVA che provocano un rischio sanitario inaccettabile, come documentato dalla VIIAS
    7 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
  • La decisione di forzare ArcelorMittal a produrre è in contrasto con la sentenza della CEDU
    Editoriale
    Lettera al presidente del Consiglio

    La decisione di forzare ArcelorMittal a produrre è in contrasto con la sentenza della CEDU

    Lo Stato italiano ha scelto di esporre migliaia di cittadini inermi a un inquinamento che la scienza definisce "non accettabile". La valutazione predittiva dei danni sanitari futuri (la VIIAS, Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario) considera pericolosa l'attuale produzione.
    6 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
  • I bambini di Taranto
    Editoriale
    Incontro con Fulvia Gravame (PeaceLink)

    I bambini di Taranto

    Se ne parla oggi nella Tenda della Pace di Borgosatollo (Brescia). Al centro la grave situazione di inquinamento ambientale del quartiere Tamburi, accanto al quale sono sorte negli anni Sessanta le ciminiere di quello che diventato più grande centro siderurgico d'Europa.
    24 gennaio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.32 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)