Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Conoscere per agire, solo così l'Italia potrà tornare a crescere. Una proposta per l'Italia

Lorenzin come Balduzzi? La Campania come Taranto?

A che serve avere università e centri di ricerca se poi i dati prodotti dai ricercatori non vengono utilizzati dai decisori?
30 giugno 2013
Fulvia Gravame


le dichiarazioni di beatrice lorenzin

 Il 29 giugno il ministro Lorenzin era in Campania e ha incontrato i comitati anti-discariche che lamentavano le conseguenze sulla salute delle discariche abusive e inquinanti e dei tagli alla sanità pubblica che riducono la possibilità di curarsi pur in presenza di criticità significative. La pubblicazione dei dati del registro tumori ha confermato quanto già si temeva, cioè la presenza di picchi significativi di malattie oncologiche. I comitati anti-discariche hanno fatto rilevare che proprio intervenire sulle contaminazioni nocive presenti nel territorio potrebbe essere un modo per combattere la disoccupazione che viene dichiarato l’obiettivo principale del governo, senza che però si valuti questa particolare opportunità. I manifestanti hanno chiesto a gran voce la bonifica dei territori inquinati.     Il toponimo Campania, risalente al V secolo a.C., è di origine classica. L'ipotesi più accreditata è che esso derivi dal nome degli antichi abitatori di Capua. Da Capuani, infatti, si avrebbe Campani e, quindi, Campania[1]. Inoltre sia Livio, sia Polibio, dicono di un Ager Campanus con un chiaro riferimento a Capua e al territorio ad essa circostante[1]. In seguito alla divisione augustea delle province della penisola, il concetto di Campania si estese oltre i suoi originari confini andando a ri

Tra l'altro le discariche abusive sono presenti proprio in quella che veniva chiamata Campania felix dai romani e Terra del lavoro nel medioevo perché era la zona più fertile della regione, che comprente  l'attuale provincia di Caserta e parte di quelle di Napoli, Latina, Frosinone e Isernia.  Nel medioevo, il toponimo Terra Laboris, registrato per la prima volta nel 1092 (anche se ci sono dubbi sull'originalità del documento), venne a sostituire il nome Campania[2]. Il nuovo toponimo sostituirà ufficialmente l'antico nella suddivisione territoriale normanna. Dal VII secolo infatti, a causa del prevalere del Ducato di Napoli, venne meno nel linguaggio il collegamento tra il toponimo latino Campania e ciò che esso indicava originariamente: in maniera emblematica le carte geografiche, d

Il toponimo Campania, risalente al V secolo a.C., è di origine classica. L'ipotesi più accreditata è che esso derivi dal nome degli antichi abitatori di Capua. Da Capuani, infatti, si avrebbe Campani e, quindi, Campania[1]. Inoltre sia Livio, sia Polibio, dicono di un Ager Campanus con un chiaro riferimento a Capua e al territorio ad essa circostante[1]. In seguito alla divisione augustea delle province della penisola, il concetto di Campania si estese oltre i suoi originari confini andando a ri

Il toponimo Campania, risalente al V secolo a.C., è di origine classica. L'ipotesi più accreditata è che esso derivi dal nome degli antichi abitatori di Capua. Da Capuani, infatti, si avrebbe Campani e, quindi, Campania[1]. Inoltre sia Livio, sia Polibio, dicono di un Ager Campanus con un chiaro riferimento a Capua e al territorio ad essa circostante[1]. In seguito alla divisione augustea delle province della penisola, il concetto di Campania si estese oltre i suoi originari confini andando a ri Il toponimo Campania, risalente al V secolo a.C., è di origine classica. L'ipotesi più accreditata è che esso derivi dal nome degli antichi abitatori di Capua. Da Capuani, infatti, si avrebbe Campani e, quindi, Campania[1]. Inoltre sia Livio, sia Polibio, dicono di un Ager Campanus con un chiaro riferimento a Capua e al territorio ad essa circostante[1]. In seguito alla divisione augustea delle province della penisola, il concetto di Campania si estese oltre i suoi originari confini andando a ri

Il toponimo Campania, risalente al V secolo a.C., è di origine classica. L'ipotesi più accreditata è che esso derivi dal nome degli antichi abitatori di Capua. Da Capuani, infatti, si avrebbe Campani e, quindi, Campania[1]. Inoltre sia Livio, sia Polibio, dicono di un Ager Campanus con un chiaro riferimento a Capua e al territorio ad essa circostante[1]. In seguito alla divisione augustea delle province della penisola, il concetto di Campania si estese oltre i suoi originari confini andando a ri

Il toponimo Campania, risalente al V secolo a.C., è di origine classica. L'ipotesi più accreditata è che esso derivi dal nome degli antichi abitatori di Capua. Da Capuani, infatti, si avrebbe Campani e, quindi, Campania[1]. Inoltre sia Livio, sia Polibio, dicono di un Ager Campanus con un chiaro riferimento a Capua e al territorio ad essa circostante[1]. In seguito alla divisione augustea delle province della penisola, il concetto di Campania si estese oltre i suoi originari confini andando a ri

Il ministro Lorenzin ha affermato che bisogna tener conto che ci sono questioni sanitarie che dipendono dallo stile di vita dei campani: "il ministero e l'Istituto superiore di Sanità continueranno a vigilare sulle situazioni di criticità, sempre tenendo conto che ci sono altre questioni di salute pubblica e prevenzione che in un territorio come questo riguardano anche gli stili di vita."

In sostanza l’attuale ministro persevera sulla stessa strada del suo predecessore, il ministro Balduzzi, che aveva dichiarato che “i tumori sono colpa dei cittadini campani, mangiano troppo e male e fumano anche”. 

Queste dichiarazioni ricordano le affermazioni che puntavano il dito sull’abitudine dei tarantini di fumare quasi che i risultati dello studio S.E.N.T.I.E.R.I. potessero essere mitigati in tal modo. Lo stile di vita è ben presente nello studio suddetto come si può leggere a pagina 13 nel paragrafo n. 3.3. Materiali e metodi. Dopo aver chiarito che l'universo di riferimento è quello regionale, i ricercatori spiegano il perché:

“Va inoltre sottolineato che l'utilizzo delle popolazioni regionali, invece delle popolazioni nazionali, consente di confrontare popolazioni più simili per quanto riguarda fattori di rischio oltre a quelli in indagine, come per esempio, quelli legati agli stili di vita, seppure passibili di un'ampia variabilità intraregionale.  Questa scelta permette inoltre di tener conto dell'eterogeneità regionale dei tassi di mortalità per diverse patologie.” 

Il consiglio da dare ai decisori politici è dunque di leggere i rapporti sulla salute degli italiani, di utilizzarli in tutta le loro potenzialità e di usare la ricerca per risolvere i problemi delle persone, come suggerisce il prof. Gennaro Valerio, dirigente del dipartimento di Epidemiologia e prevenzione dell'Istituto nazionale per la ricerca sul cancro di Genova. “Il benessere della popolazione è indice di progresso, noi non dobbiamo parlare di ricerca “strana” o generica. Possiamo applicare la ricerca non solo per acquisire finanziamenti, ma anche per risolvere i problemi delle persone. Subito.”

E ancora: “A parità di crisi economica ci sono Paesi che migliorano l’indicatore della salute, che è quello della qualità della vita, il gran finale degli indicatori. Vorrei che diventasse una priorità parlare di salute, che fosse chiaro che lo “spread” con i paesi europei non è solo economico ma può essere anche sanitario.”

L'illustre ricercatore chiude con un emblematico: “Abbiamo gli indicatori. Usiamoli.” per attuare “una rivoluzione copernicana. Sostituiamo lavori dannosi con altri che non solo non lo siano ma che abbiano anche un’utilità che vada oltre la produzione di reddito e profitto.”

Aggiunto che solo così la Campania portà tornare ad essere Terra di lavoro, magari qualificato e sicuro, e Campania felix.

Solo così l'Italia potrà tornare a crescere.

Note: Il ministro Lorenzin in Campania
http://youmedia.fanpage.it/video/al/Uc4T2uSwGMkCwRQe

Il ministro Balduzzi a proposito dei tumori in Campania
http://pepemanifest.wordpress.com/2013/01/10/per-il-ministro-balduzzi-i-tumori-sono-colpa-dei-cittadini-campani-mangiano-troppo-e-male-e-fumano-anche/

Il ministro Clini sui tumori a Taranto
http://www.corriere.it/cronache/12_settembre_17/ilva-clini-polemica_e002936c-009d-11e2-821a-b818e71d5e27.shtml

L'intervista al prof. Gennaro Valerio
http://www.linkiesta.it/ilva-tumori-taranto#ixzz2XgwkVBUe

Campania Felix e Terra di lavoro in Wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/Campania_antica

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)