Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Pena esemplare alle vittime dell'Ilva

NO, non è una foto di repertorio del primo '900. E si sa già tutto ...
30 novembre 2013

Autore: bruno capilli Fonte: peacelink (2013)

NO, non è una foto di repertorio del primo '900.

Si sa già tutto su cosa significa quello che vedete per la città "dentro cui" è stata messa  a produrre quest'acciaieria e per chi lavora lì in mezzo. E' anche previsto da decenni che agire così è reato ... (e qui di reati ce ne sono proprio tanti). E dopo già una raffica di condanne, denunce, nuove indagini, perizie, arresti, manifestazioni, cosa fa il nostro Stato, superato il torpore del risveglio nel 2012? Una sorta di legge marziale nei confronti non della fonte di questo disastro criminale, ma di almeno 200.000 cittadini di cui sospende i diritti, sospendendo il sequestro della magistratura che costringeva a risanare gli impianti che è l'unico provvedimento preso finora per difenderli sul serio!

Ecco cosa continua ad accadere il 24 novembre 2013 (sono anche evidenti procedure assolutamente vietate, nonostante le già tante eccezioni ammesse dalla legge Salva-Ilva e dalle sue figlie). Noi continuiamo a lottare e ce la faremo. Ad altri i conti con la propria coscienza.

Articoli correlati

  • A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin
    Taranto Sociale
    Il 14 novembre sarà presentato e moderato da Alessio Giannone alias Pinuccio

    A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin

    Edouard Martin - una figura centrale del documentario di Jérôme Fritel - sarà presente alla proiezione. Lavoratore siderurgico e poi sindacalista di CDFT, è stato l’icona della lotta operaia dei siti ArcelorMittal in Francia.
    26 ottobre 2019
  • Mittal, il film
    Cultura
    Davanti ai cancelli del cimitero la gente si è accalcata per vedere la storia di Mittal

    Mittal, il film

    Ieri a Taranto è stato un successo la proiezione del film "Mittal, il volto nascosto dell'Impero". Ne emerge una scalata industriale e finanziaria implacabile. Il regista fa emergere da questa storia di globalizzazione un'immagine predatoria che non fa ben sperare per il futuro di Taranto
    18 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)