Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Voto del 17 aprile sulle trivellazioni

Peacelink: "Referendum, diamo voce alla sovranità popolare"

L’astensionismo e l’inerzia civile potrebbe avere gravi conseguenze. L'invito del presidente del Consiglio a non votare è un passo indietro per la democrazia, è un danno arrecato alle coscienze, prima ancora che al mare o ai suoi fondali
15 aprile 2016
Associazione PeaceLink

Al referendum vota SI'

L’invito del presidente del Consiglio di non andare a votare al referendum del 17 aprile è un passo indietro per la democrazia. E’ un danno arrecato alle coscienze, prima ancora che al mare o ai suoi fondali. Dire di non andare a votare è una delle cose più diseducative che esistano. Lo potrebbe fare un partito che detesta la democrazia ma non un partito che si dichiaridemocratico. Chi è per il NO dica di andare a votare NO. Come si fa a volere una buona scuola e poi dire di non votare al referendum?

 

E’ nostro compito invece far maturare, nella società e nelle scuole, le competenze civiche e scientifiche per partecipare consapevolmente alla vita pubblica in maniera attivaE’ nostrodovere formare il gusto e la sensibilità di partecipare, ognuno con i propri punti di vista, alla tutela dell’ecosistema e alle scelte energetiche da cui dipendono sia gli scenari di cambiamento climatico sia le guerre per icontrollo delle risorse. Creare un modello energetico nuovo è la chiave per difendere l’ambiente e la pace, per generare benessere senza provocare sprechi e ingiustizie nella ripartizione delle risorse. Ecco perché PeaceLink si è impegnata in questo referendum con la convinzione che fosse necessario promuovere una cultura dell’energia rinnovabile e dell’efficienza energetica.

 

PeaceLink da tempo si batte per la formazione di una coscienza scientifica che accompagni la cittadinanza attiva. Non si possono formare competenze civiche e scientifiche invitando ad astenersi dal loro esercizio relativo; oggi più che mai siamo tenuti a formare queste competenze e la consapevolezza della loro importanza.

 

Per quanto riguarda PeaceLink, la scelta referendaria è in linea con tutti quegli scienziati che in questi giorni hanno evidenziato la necessità di uscire gradualmente dalla dipendenza rispetto alle fonti energetiche non rinnovabili. Voteremo quindi SI’ per le ragioni ampiamente esposte e documentate da quella parte del mondo scientifico privo di conflitti di interessi economici e impegnato sui temi etici e sulla difesa dei beni comuni.

 

Chi è convinto del NO avrebbe dovuto battersi per il NO, avrebbe dovuto fare appello alle ragioni economiche, scientifiche e tecniche del NO anziché all’ignavia e alla scarsa propensione civica delle fasce sociali meno consapevoli ed informate. Questo modo di condurre la nazione verso l’astensionismo e l’inerzia civile ha e avrà gravi conseguenze nel mancato esercizio della sovranità popolare, che è alla base dell’articolo 1 della nostra Costituzione.

 

Alessandro Marescotti

Presidente di PeaceLink

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)