Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Riflessioni sull'ultima sentenza della Corte Costituzionale sull'ILVA, sull'immunità penale a chi gestisce l'ILVA e sulla tutela dei diritti umani a Taranto

Il disastro ambientale dell'Ilva e i diritti umani: la tutela della vita non può attendere il 2023

Venerdì 13 aprile a Roma, alla Federazione nazionale stampa italiana di Corso Vittorio Emanuele II, viene presentato il report "Il disastro ambientale e umano dell'Ilva di Taranto: la responsabilità internazionale del governo italiano". E' un rapporto curato dalla Federazione internazionale diritti umani (Fidh). Interverranno esponenti qualificati dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani e dello Human Rights International Corner.
13 aprile 2018

Il disastro ambientale dell'Ilva e la tutela dei diritti umani

 

Lo scorso 3 aprile la Gazzetta del Mezzogiorno ha pubblicato un intervento dal titolo "L'ILVA, la Consulta e una sentenza rivoluzionaria". Slopping durante un wind day

L'autore - il dottor Franco Sebastio, Procuratore della Repubblica al tempo della maxi-inchiesta sull’ILVA e del processo “Ambiente Svenduto” - ha commentato in tale intervento la recente sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato incostituzionale il decreto legge "salva-ILVA" del 4 luglio 2015, n. 92. Ho trovato interessante l'intervento del dottor Sebastio e in particolare il filo del suo ragionamento. E' un ragionamento che porta a definire "quasi rivoluzionaria" la sentenza appena citata. E benché la sentenza della Corte Costituzionale non abbia effetti pratici per la produzione, ha - sottolinea il dottor Sebastio - effetti significativi per il diritto. Il che non è poco. E vediamo perché. La Corte Costituzionale (detta anche "Consulta" in quanto la sua sede è il palazzo della Consulta a Roma) ha la funzione di controllare che le leggi e gli atti aventi forza di legge siano conformi alla Costituzione. La sentenza della Consulta n. 58/2018 del 23 marzo 2018 è stata chiara: il decreto "salva-Ilva" del 4 luglio 2015 non è conforme alla Costituzione. E, se la logica non diventa ballerina, questa sentenza dà un segnale chiaro non solo per il futuro ma anche per il passato prossimo. Vuole infatti mettere in chiaro che non tutti i provvedimenti legislativi che garantiscano la prosecuzione dell'attività produttiva dell'ILVA sono di per sé accettabili.

Il dottor Sebastio fa un chiaro cenno al "salvacondotto penale" che vorrebbe garantire ai Commissari dell'Ilva e agli acquirenti (Arcelor Mittal) l'immunità fino al 2023. Un arco di tempo così ampio pone un problema, anche qui, di legittimità costituzionale.

E ritorniamo alla sentenza della Consulta del 23 marzo scorso. Dando ragione alla magistratura, tale sentenza della Corte Costituzionale ha in un certo senso ribaltato la diffusa convinzione che in nome della Ragion di Stato si possa legiferare all'infinito per garantire la produzione a tutti i costi. "Va ricordato - scrive Sebastio - che ormai troppo tempo è passato dal 2013 senza che siano stati adottati gli accorgimenti necessari per eliminare gli inaccettabili rischi per la salute già evidenziati, mentre le leggi via via emanate potevano avere una legittimità costituzionale solo se operanti per brevi e limitati periodi temporali, ma non all'infinito o quasi". Pertanto la Corte Costituzionale, con la sentenza n. 85 del 2013, dette ragione al governo solo per una fase transitoria e limitata temporalmente dal cronoprogramma dell'Autorizzazione Integrata Ambientale che fissava al 2014 il termine per tutti gli interventi sugli impianti produttivi, posticipando al 2015 unicamente l’imponente copertura dei parchi minerali. Adesso siamo nel 2018 e posticipano al 2023 la conclusione degli interventi di messa a norma integrale dell'ILVA.

Quindi - per quando discutibile e discussa - quella sentenza del 2013 della Corte Costituzionale offriva una sponda solo temporanea all'esecutivo in attesa di una messa a norma complessiva degli impianti che, come ben si sa, non c'è stata per quanto riguarda gli interventi più importanti e onerosi.

Se nel 2013 il governo portò a casa una vittoria sulla magistratura, oggi la situazione si capovolge ed è la magistratura ad avere ragione, anche se su un caso specifico, limitato all'altoforno da cui è fuoriuscita la ghisa che ha provocato la morte dell'operaio Alessandro Morricella. La Corte costituzionale con la recente sentenza ha ritenuto che il legislatore abbia privilegiato le esigenze dell'iniziativa economica e sacrificato la tutela addirittura della vita, oltre che dell'incolumità e della salute dei lavoratori.

La ratio della prima sentenza della Corte Costituzionale non giustificava il protrarsi di una situazione inaccettabile o, peggio ancora, non indagata con nuove perizie per il timore di venire a sapere che è inaccettabile.

Venerdì 13 aprile a Roma, alla Federazione nazionale stampa italiana di Corso Vittorio Emanuele II, viene presentato il report "Il disastro ambientale e umano dell'Ilva di Taranto: la responsabilità internazionale del governo italiano". E' un rapporto curato dalla Federazione internazionale diritti umani (Fidh). Interverranno esponenti qualificati dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani e dello Human Rights International Corner.

Anche PeaceLink ha dato il suo contributo di idee.

Il fatto che chi tutela i diritti umani senta il bisogno di redigere e di presentare un dettagliato rapporto allo scopo di tutelare i cittadini a Taranto è cosa che davvero fa riflettere.

Viene da chiedersi: quanta gente muore oggi per l'inquinamento dell'ILVA? Non muore nessuno? Se qualcuno ne è convinto lo dica, lo metta nero su bianco. E se ne prenda la responsabilità di fronte a tutti.

 

Alessandro Marescotti

Presidente di PeaceLink

www.peacelink.it

Articoli correlati

  • Nuovo ricorso contro l’Italia
    Taranto Sociale
    Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo (CEDU)

    Nuovo ricorso contro l’Italia

    Con sentenza del 24 gennaio 2019, divenuta definitiva in data 24 giugno 2019, la Corte dei diritti dell’uomo ha già accertato la mancata adozione da parte dello Stato italiano di misure per garantire la protezione effettiva del diritto alla salute a Taranto, inquinata dal polo industriale
    13 ottobre 2019 - Redazione
  • The Ilva steelworks is a climate monster
    PeaceLink English
    Letter to the Prime Minister, Prof. Giuseppe Conte

    The Ilva steelworks is a climate monster

    If we calculate the atmospheric pollution caused not just by the steelworks alone, but also by the thermoelectric plants that were built to provide it with its power needs and burn its waste gas we arrive at the conclusion that Ilva (ArcelorMittal) is the number one producer of CO2 in Italy
    4 ottobre 2019 - Associazione PeaceLink
  • L'ILVA è un climate monster
    Ecologia
    Lettera al Presidente del Consiglio

    L'ILVA è un climate monster

    E' la prima fonte di CO2 in Italia se si conteggiano anche le due centrali termoelettriche CET2 e CET3 che ricevono i gas di cokerie e altoforni, bruciandoli e liberando una quantità imponente di gas serra
    24 settembre 2019 - Associazione PeaceLink
  • La BBC racconta la lotta delle famiglie di Taranto contro la polvere tossica
    Ecologia
    "Viviamo accanto a una fabbrica di cancro"

    La BBC racconta la lotta delle famiglie di Taranto contro la polvere tossica

    Storie e battaglie dei genitori tarantini uniti per tutelare la salute dei loro figli nel racconto della TV britannica.
    22 settembre 2019 - Denise Hruby & Thomas Cristofoletti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)