Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Pubblichiamo l'intera serie storica da quando ArcelorMittal ha preso possesso dell'ILVA

Ecco tutti i dati che confermano l'aumento dell'inquinamento a Taranto

Documentazione per la conferenza stampa. Le informazioni attestano un innegabile ed evidente aumento delle emissioni e dell'inquinamento. Si può consultare tutta la documentazione che PeaceLink ha inviato ad Arpa Puglia
6 marzo 2019
PeaceLink

Aumentano le emissioni di IPA nel 2019 dalla cokeria ILVA rispetto al 2018

Oggi teniamo una conferenza stampa.

In questa pagina web trovate tutte le informazioni che attestano un innegabile ed evidente aumento delle emissioni e dell'inquinamento.

I dati di emissione della cokeria ILVA e di inquinamento del quartiere Tamburi sono tratti dalle centraline Arpa e sosto stati elaborati da PeaceLink con l'ausilio del software Omniscope.

La serie storica (vedere file Excel allegato a questa pagina web) parte dal 1° novembre 2018, data in cui ArcelorMittal ha preso possesso dell'ILVA e si sofferma in particolale sul primo bimestre 2019 in cui sono evidenti i segnali di una ripresa della produzione e delle emissioni. Con questi dati vengono smentiti gli annunci del governo (settembre 2018, ministro Di Maio) con cui prometteva da subito un taglio del 20% delle emissioni. Confermato invece l'incremento del 195% delle emissioni di IPA cancerogeni dalla cokeria nel bimestre gennaio-febbraio 2019 rispetto al corrispondente bimestre del 2018.

Comunicazione PeaceLink al Direttore Generale Arpa Puglia

Comunicazione PeaceLink al Direttore Scientifico Arpa Puglia

VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA E ALTRI VIDEO

video 1 (di Luciano Manna)

video 2 (della Ringhiera)

video 3 (dichiarazione del dott. Roberto Giua, ARPA)

video 4 (il ministro Luigi di Maio annuncia un taglio del 20% delle emissioni ILVA, 8/9/2019)

Allegati

  • Medie e mediane da novembre 2018 a febbraio 2019

    PeaceLink
    13 Kb - Formato xlsx
    I dati di emissione della cokeria e di inquinamento del quartiere Tamburi sono tratti dalle centraline Arpa e sosto stati elaborati da PeaceLink con l'ausilio del software Omniscope

Articoli correlati

  • Taranto, progetto per plastica in altiforni
    Taranto Sociale
    "La nostra lotta prioritaria - rileva Peacelink - è però per la chiusura degli altoforni"

    Taranto, progetto per plastica in altiforni

    Contro questo progetto si schiera Peacelink che dichiara: "Se passa il progetto, negli altoforni dell'Ilva arriverà la plastica di tutto il mondo trasformandoli in grandi inceneritori. Il porto di Taranto vedrà arrivare navi cariche di rifiuti di plastica".
    9 agosto 2020 - Agenzia stampa AGI
  • La plastica negli altoforni ILVA
    Editoriale
    Invece di ridurre il più possibile l'uso della plastica

    La plastica negli altoforni ILVA

    Vorrebbero alimentare gli altoforni ILVA con centomila tonnellate/anno di plastica. E' una quantità di plastica enormemente superiore a quella prodotta dai tarantini (che non producono mezza tonnellata di plastica all'anno). A Taranto arriverà la plastica di tutto il mondo?
    7 agosto 2020 - Alessandro Marescotti
  • Quando il governo sospese il valore limite del benzo(a)pirene
    Ecologia
    Venne aperta un'inchiesta e PeaceLink fu alla base delle denunce

    Quando il governo sospese il valore limite del benzo(a)pirene

    Era il 13 agosto 2010 e il governo di allora sospese il limite di un potente cancerogeno, il benzo(a)pirene nelle città. Perché? Per via del fatto che a Taranto il limite era stato superato e l'Arpa aveva indicato nelle batterie della cokeria la sorgente preponderante del benzo(a)pirene.
    Redazione PeaceLink
  • La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta
    Europace
    Sul governo M5S, PD, Leu

    La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta

    Il segretario del PD Nicola Zingaretti ha chiesto discontinuità rispetto al governo precedente. Discontinuità che non ha avuto sul nome del presidente del Consiglio ma l'ha ottenuta su due punti che sono di fondamentale importanza per il nostro futuro: l'Europa e i cambiamenti climatici.
    5 settembre 2019 - Nicola Vallinoto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)