Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Le comunità a energia rinnovabile

Siamo energia

Le salite e le discese nel passaggio del potere alla gente nella Valle di Chamonix
6 novembre 2020
Zoe Hart
Fonte: Patagonia - 25 ottobre 2020
Durante una gita sciistica gloriosamente selvaggia e promettente dal punto di vista ambientale nei fiordi artici delle isole Lofoten, in Norvegia, l'ex direttrice europea delle iniziative ambientali in Patagonia, Mihela Hladin Wolfe, ha terminato una presentazione sui progetti solari della comunità, che erano stati implementati con successo nei piccoli villaggi olandesi. Ha spiegato l'opportunità e la responsabilità dell'attivismo impegnato nella comunità. E poi mi ha messo in difficoltà: «Perché non Zoe? Perché non stiamo facendo community solare a Chamonix?»

Tempesta sugli sci e attivismo impegnato nella comunità. Questa è Zoe Hart, qui durante il viaggio alle Lofoten che ha dato vita al programma energetico comunitario di Chamonix

Una donna slovena forte e carismatica con pedigree ricco di un lunga lista di vittorie ambientali, Mihela ha lavorato in tutta Europa, Stati Uniti e Cina, alla ricerca di soluzioni ai cambiamenti climatici, per la protezione delle foreste, dei fiumi, della problemi del territorio e dell'habitat marino e nel sostegno all'agricoltura biologica rigenerativa. Più che un mentore è un'amica. E capisco che non esistano no nel suo mondo per azioni ambientali.

Nonostante la pesantezza della sua domanda, pensando ai miei figli e alla nostra responsabilità nei confronti delle generazioni future, non potevo rifiutare la sua proposta. Se i governi sono, e saranno, troppo lenti, troppo appesantiti dalla politica e talvolta corrotti, non è dire "sì" l'unica strada per riprendere in mano il controllo del nostro futuro?

Il Mer de Glace, sul versante settentrionale del Monte Bianco, è il più grande ghiacciaio francese e si sta ritirando rapidamente, come molti altri nelle Alpi

Tornata a Chamonix, la mia bocca spalancata e le mie grandi promesse hanno iniziato a farsi strada. Non avevo capito esattamente cosa significasse l'energia della comunità, come funzionasse o da dove cominciare. I miei studi in gestione ambientale e sviluppo sostenibile erano troppo vasti e generalisti. Certo, non ero nemmeno un ingegnere, né incline alla scienza. Quindi, ho iniziato a fare ricerche, a cercare mentori e ad acquisire lentamente una comprensione di come funziona una comunità a energia rinnovabile e perché è utile.

Come si è scoperto, il concetto non richiede studi elaborati o un'educazione ambientale. È piuttosto semplice: una comunità di persone finanzia un'impresa o una cooperativa, dona il suo tempo, cerca tetti, lavora con le città e il governo verso l'obiettivo comune delle energie rinnovabili e, alla fine, trova degli investitori. Questi cofinanziano l'installazione di pannelli solari sui tetti e rivendono l'energia prodotta al sistema di distribuzione. Queste non sono attività senza fini di lucro, ma piuttosto sistemi che generano utili dove gli investitori vedono un ritorno del loro investimento. Il ritorno in eccesso sull'investimento viene reinvestito nell'attività, consentendo al progetto di crescere e sostituire sempre più fonti di energia non rinnovabile. Per le persone, che non possono mettere pannelli nelle proprie case e negare il proprio consumo, è come piantare un albero da qualche altra parte per uno che si abbatte. Se viene fondato un numero sufficiente di questi progetti, la domanda di energia non rinnovabile diminuirà significativamente.

Tutto questo suona davvero bene. Mi piace.

Lo slancio si è sviluppato quando ho iniziato a parlare con i miei amici, annunciando le mie intenzioni. Condividendole pubblicamente, mi stavo impegnando con me stessa e cominciando a cercare soci che volevano assumersi la responsabilità e spingere il cambiamento, non solo parlarne.

L'americano tutto è possibile in me è il motivo per cui sono atterrata a Chamonix in primo luogo. Dopo aver sentito i miei colleghi parlare della mecca montuosa delle Alpi francesi, ho trascorso il mio primo periodo post-universitario nel New Jersey, dove sono cresciuta, per accumulare denaro. Nel gennaio del 2001 sono arrivato a Chamonix, direttamente da un volo da Newark. I cieli erano coperti di nuvole, i pendii pieni di neve, e solo due settimane dopo, dopo aver girato armata soltanto di sci (NdT, letteralmente tomahawk, un'ascia leggera usata dagli indiani d'America come arma o strumento) intorno alla ski area in solitaria con un paio di sci da telemark, mi sono ritrovata davanti agli occhi lo skyline più maestoso che avessi mai visto, pieno di stallattiti di granito e ghiacciai a cascata. Le vette e le valli di Chamonix sono state i catalizzatori del mio percorso verso la guida alpina, fino ad acquisire la cittadinanza francese, con radici sempre crescenti, e una famiglia e una passione per preservare questa bellezza per le generazioni future.

La città di Chamonix in una delle sue apparizioni migliori - con un mano di neve. Le nevicate si stanno alzando sulle montagne che circondano Chamonix e negli ultimi 50 anni le nevicate sotto i mille metri sono diminuite del 40%

Le comunità a energia rinnovabile non sono nuove in Francia. Ci sono iniziative quali Energia Condivisa ed Energia Comunitaria, sistemi che sono stati stabiliti e stanno già prosperando in più di 300 località in tutto il paese. Centrali Elettriche Cittadine ospita risorse e informazioni su tutti i progetti esistenti, il primo dei quali è stato messo in funzione nel 2014. Ma le comunità a energia rinnovabile sono un fenomeno variegato, dipendente da una serie di partecipanti privati ​​e pubblici. Avrei dovuto diventare socialmente innovativa, e non solo socializzare con i miei amici di montagna coinvolti nel rispetto dell'ambiente, se volevo portare le comunità a energia rinnovabile a Chamonix.

Ho pensato che raccogliere 500.000 euro, il necessario per finanziare il primo progetto, non sarebbe stato un problema. Quando ho saputo che in realtà ci serviva solo il 20% di quella cifra, e che un prestito bancario avrebbe fatto il resto, ho pensato, ancora più facile. E fortunatamente, nel 2019, durante l'organizzazione per un evento della prima corsa di air trail a Chamonix, mi ero messa in contatto con Fournier, il sindaco del Comunità di comuni* (della valle di Chamonix-Mont-Blanc), e mi è stato offerto un "invito" a discutere le mie intenzioni di ambientalista nella valle. Ora sapevo cosa avrei fatto con quell'opportunità.

I sistemi meteorologici mutano rapidamente in montagna; la comunità di Chamonix potrà essere abbastanza veloce per fare la sua parte nel controllo del clima? L'energia solare è una soluzione praticabile nella valle

Dopo aver incontrato Fournier, mi sono resa conto di essere entrata nel mondo della politica, politica e cambiamento del sistema, in un paese di cui non sono cittadina e in una lingua che imparerò sempre. Le sfumature del politicamente corretto francese vanno al di là della mia conoscenza. Affronto spesso questioni che sono off-limits, pongo domande che non dovrebbero essere dette. Quando Fournier mi ha chiesto quale fosse la mia intenzione nella valle, ho risposto: «Cambiare le cose, avere un impatto positivo sull'ambiente per il futuro dei miei figli e della prossima generazione». Ma il punto restava: la mia necessità di cambiare la sua città, era un insulto o un'ispirazione?

Cominciarono a giungere voci che altri nella Valle di Chamonix fossero ugualmente interessati alle comunità ad energia rinnovabile, e così riuscii ad andare a una riunione cittadina di governo, di organizzazioni noprofit, fornitori di energia ed esperti di energia della comunità - tutti gli attori coinvolti nel secondo tentativo di lanciare un progetto energetico cittadino. Sono arrivata per ultima, con pochi minuti di ritardo. Tutti gli occhi erano puntati su di me mentre prendevo la mia sedia. Questa non era la prima o l'ultima volta in cui sarei stata l'unica straniera nella stanza a cercare di facilitare il cambiamento. Era scomodo, ma mi sento più a mio agio in spazi scomodi.

Ho saputo che c'era stato un tentativo di lanciare un progetto un anno prima, ma senza successo. E che Chamonix era disposto a sostenerlo, ma non a proporlo. Gli esperti si sono confrontati con me e, per la prima volta da quando avevo iniziato a imparare, sono stata in grado di comprendere gli aspetti della discussione e persino di offrire chiarimenti o informazioni ad alcune persone meno informate. Ho lasciato la riunione sentendomi più fiduciosa che mai.

Finché tutto si è fermato bruscamente.

Burocrazia, denaro, tempo, interessi e conflitto nella visione hanno bloccato completamente il progetto in pochi mesi. I volontari volevano essere pagati prima ancora che il progetto fosse in atto, ma non c'erano soldi per pagarli. E a partire da quel momento, non c'era un vero progetto da finanziare. La città voleva vederlo in opera prima ancora di impegnarsi. E poi le elezioni. Ci sono state le elezioni municipali e ho appreso che in Francia il governo in carica non può impegnarsi in nessun modo, in nessun nuovo progetto a sei mesi prima delle elezioni. Dopo quasi un anno non si era fatto nulla. La mia squadra si è disciolta. Chiunque fosse collegato alla città o non poteva lavorare con me, o non voleva.

La scalata più lunga e impegnativa che abbia mai fatto è stata Deprivation, sulla parete nord del Mount Hunter, in Alaska, nel 2008. Dopo un tentativo fallito con la mia migliore amica e compagna di arrampicata Sue Nott, sono tornata con Max, il mio attuale marito. Noi, zaini minuscoli e veloci. A un certo punto della salita, mi sono accorta che scendere sarebbe stato più difficile che salire. Siamo andati per 43 ore di fila, con una piccola pausa per sciogliere l'acqua, in alto sulla parete in una superfice ondulata.

Proprio come il progetto solare, il mio primo tentativo è stato macchinoso e lento, troppo pesante, con poca esperienza ed ero destinata a fallire. Dopo aver acquisito conoscenza ed esperienza, un anno dopo, Max e io eravamo in cima alla vetta, dopo aver scalato più velocemente di qualsiasi altra volta precedente. Quando abbiamo fatto ritorno alla base splendevamo dalla stanchezza. Ho guardato Max e ho detto: "Dimmi un'altra volta come si chiama quella salita?" Ridendo mi ha detto: "Ora so perché Twight l'ha chiamata Deprivazione". Abbiamo riso insieme, sciogliendoci presto nei nostri sacchi a pelo al campo base di Kahiltna. Il vero successo dell'arrampicata è stato quello di mostrare di cosa siamo capaci.

Deprivazione. Dove si imparano grinta e perseveranza. Zoe Hart in cattedra

Avevo detto ad alta voce e promesso a Mihela, e anche in silenzio nel mio cuore ai miei figli, di portare a termine il progetto energetico della comunità. Insieme al mio lavoro per aiutare a proteggere quasi tremila fiumi balcanici selvaggi dall'avida colonizzazione dei loro fiumi da parte dell'energia idroelettrica, volevo offrire ai miei figli il dono di condividere con i propri figli ciò con cui sono cresciuto: un contaminato, ma non ancora distrutto, pianeta.

Chamonix non ha potuto continuare con il progetto, ma ho potuto io. Questo è l'aspetto più fenomenale dell'energia della comunità: è qualcosa che abbiamo il diritto di fare da soli o con il supporto delle persone intorno a noi. È qualcosa che possiamo fare al di là del governo. Quando dico questo, non intendo di fronte al governo, ma in realtà è nostro diritto e dovere fare di più per accelerare l'intero processo di protezione del pianeta in cui viviamo. Non possiamo sederci. Per molti versi è già troppo tardi.

«Questo è l'aspetto più fenomenale dell'energia della comunità: è qualcosa che abbiamo il diritto di fare da soli o con il supporto delle persone che ci circondano.»

Nella primavera del 2019, i miei partner delle comunità a energia rinnovabile e io abbiamo ricevuto il nostro primo studio di fattibilità, donato da Haag Baquet Architects, uno studio di architettura progressista locale che collabora con il nostro progetto. Abbiamo firmato i documenti per istituire Mont Blanc 2.0 una onlus, la versione della regione del Monte Bianco che speriamo di vedere in futuro, che ovviamente include la rivoluzione di un sistema energetico alimentato dalle persone. Con due premi, con 1% for the Planet, ci siamo lanciati in uno studio a livello di valle.

A settembre 2020, abbiamo annunciato pubblicamente Mont Blanc 2.0. durante un evento comunitario di tre settimane: Le Temps des Possibles. E in pochi giorni la comunità di comuni ha dichiarato la propria intenzione di contribuire a facilitare lo sviluppo di un progetto di energia rinnovabile guidato dai cittadini nella valle di Chamonix. L'appetito del pubblico era ed è ancora promettente.

Monte Bianco 2.0.onlus vivrà insieme all'eventuale creazione di un'impresa a scopo di lucro che creeremo per il programma energetico comunitario della Valle di Chamonix. Il denaro che creeremo sarà determinante per come sarà la nostra futura valle. Consentirà alle persone di impegnarsi facilmente in soluzioni basate sull'azione. E darà potere e si assumerà la responsabilità per tutto ciò che il governo non può o non vuole fare. Ci consentirà di riconoscere che non è sufficiente aspettare: i poteri che ci sono, ma è nostra responsabilità facilitare il cambiamento.

Note: * Una comunità di comuni è un ente pubblico di cooperazione intercomunale francese dotato di proprie imposte, e che offre un limitata integrazione dei comuni consorziati.
Essa è definita come: «Un ente pubblico per la cooperazione tra più comuni contigui e senza enclave. Il suo scopo è quello di associare comuni in uno spazio di solidarietà, per lo sviluppo di un progetto di sviluppo comune e la pianificazione territoriale.»
Tradotto da Giacomo Alessandroni per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: We've Got The Energy

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)