Come trasformare le informazioni in notizie

Pacifisti e giornalisti: venti regole per comunicare meglio

In occasione della giornata del 10 marzo "Dai voce alla pace" offriamo questo contributo che è stato pubblicato questo mese sul mensile di Pax Christi "Mosaico di Pace".
Adesivo di PeaceLink

Il rapporto fra giornalisti i gruppi pacifisti non è dei migliori. Ci si lamenta spesso (e a ragione) che i media locali e nazionali "ignorano" i pacifisti. Qui non tratteremo della malafede. Cercheremo di vedere come si può migliorare l'offerta di informazione. Ci baseremo sull'esperienza di PeaceLink e dei consigli tratti dall'esperienza di Giuliana Ledovi che da anni offre una qualificata formazione agli uffici stampa. Ecco dunque un "manuale minimo" con venti consigli. Le informazioni possono diventare notizie.

  1. Avere il senso della notizia e della "notiziabilità" dell'informazione.
  2. Curare la qualità e l'attendibilità dell'informazione.
  3. Capire la domanda di notizie.
  4. Partire dall'interesse del giornalista e del lettore, non da quello della propria organizzazione.
  5. Avere il senso del ritmo e della tempestività.

La nostra preparazione deve essere studiata nei particolari.

  1. Essere collaborativi con le fonti giornalistiche.
  2. Essere una fonte informata ed essere competenti.
  3. Essere onesti e non dire bugie.
  4. Essere oggettivi e documentati.
  5. Essere in grado di comprendere e capovolgere gli stereotipi sul pacifismo offrendo un'informazione migliore e più attendibile di quella ufficiale.

Occorre costruire un nostro patrimonio informativo che "faccia gola" al giornalista. Da ciò discendono le seguenti regole.

  1. Avere la propria scorta di informazioni, da aggiornare e arricchire sia per quantità sia per qualità.
  2. Trasferire sul web la propria scorta di informazione.
  3. Fare del proprio sito web uno strumento di servizio per i giornalisti.
  4. 14) Essere prossimi, accessibili e affidabili.
  5. Essere capaci di anticipare le richieste.

La "forma" della comunicazione deve contraddistinguerci e la scelta delle informazioni deve essere realizzata con criterio. Pertanto...

  1. Essere attivi e creativi.
  2. Saper trovare delle "storie" che "narrino" il messaggio che si intende comunicare.
  3. Saper tirare fuori una "miniera" che non sapevamo di possedere o che davamo per scontata ma che può essere una "scoperta" per la grande maggioranza dei lettori.
  4. Capire ciò che "merita" di essere comunicato.
  5. Capire come interessare il lettore mettendosi dal punto di vista di chi non è pacifista.

Sono venti consigli molto stringati, una sorta di "manuale minimo": chi volesse un approfondimento vada sulla "Guida alla comunicazione pacifista" che offre qualche dettaglio operativo in più rispetto a quanto abbiamo sintetizzato. Infine occorre sapere che è fallimentare ripetere due volte un comunicato sullo stesso argomento: occorre reinventare la "notiziabilità" del nuovo comunicato evidenziando l'elemento di novità. E se il giornalista scrive qualcosa che non gradiamo? Lamentiamoci solo in caso di imprecisioni gravi e di malafede. L'obiettivo è un articolo corretto, non favorevole.

Note: 10 marzo 2006, per un'informazione di pace

Per informazioni sulla campagna "Dai voce alla pace" clicca su http://www.tavoladellapace.it/iniziative.asp?codice=46

Articoli correlati

  • Donna è Pace
    Pace
    L’impegno delle donne contro la guerra, contro militarismo, bellicismo e colonialismo

    Donna è Pace

    Le donne prime protagoniste delle innumerevoli iniziative spontanee di opposizione all’inutile strage della prima guerra mondiale e la storia del protagonismo delle donne anche durante la resistenza al fascismo.
    12 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • La Pace dal monte Miletto nella Giornata Mondiale della Nonviolenza
    Pace
    Le bandiere della pace dedicate a Gino Strada e a Mimmo Lucano sul monte Miletto

    La Pace dal monte Miletto nella Giornata Mondiale della Nonviolenza

    La memoria di Gino Strada e l'attivismo di Mimmo Lucano, due pacifisti, il cui nome si legge su entrambe le Bandiere issate sul tetto del mondo
    4 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Il pacifismo: delegittimato e sotto assedio
    Pace
    In nome dei diritti umani ci hanno chiesto di partecipare a fallimentari missioni militari

    Il pacifismo: delegittimato e sotto assedio

    Siamo stati delegittimati non dai nostri avversari ma dai nostri “amici”. È stata la sinistra – che un tempo marciava contro gli euromissili – ad abbandonare e poi a isolare il movimento che si opponeva alla guerra in Afghanistan. Il movimento pacifista è stato sabotato dall’interno.
    26 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • L'evoluzione del pacifismo
    Storia della Pace
    I movimenti pacifisti dall'Ottocento al Novecento.

    L'evoluzione del pacifismo

    I movimenti pacifisti sono diventati lievito di speranza e la loro attività si è intrecciata con altri movimenti: per i diritti civili, per l’emancipazione della donna, per i diritti umani, per l’autodeterminazione dei popoli e per la difesa dell’ambiente.
    14 settembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)