Appuntamento per il 20 giugno, Giornata del Rifugiato

Permessi di soggiorno "in nome di Dio"

Cara Amica e Caro Amico, in occasione della giornata del rifugiato, che si celebra il giorno 20 giugno, i Missionari Comboniani di Castel Volturno hanno organizzato un'iniziativa a livello nazionale di distribuzione di “permessi di soggiorno in nome di Dio” per tutti gli immigrati in un'azione ecclesiale, non violenta e provocatoria, contro la legge Bossi-Fini-Mantovano, per difendere i diritti dei nuovi schiavi, contro una legge lesiva dei diritti fondamentali della persona umana ed espressione di un governo e di una società incapaci di cogliere, riconoscere e considerare la ricchezza e la risorsa umana di cui tutti gli immigrati sono portatori.

Laura Tussi3 giugno 2009

Parte la campagna "Permessi di soggiorno in nome di Dio"

I rifugiati e i migranti sono costretti ad abbandonare la propria casa, la propria terra e i propri cari a causa di persecuzioni individuali, per motivi di natura politica, culturale, sociale, religiosa, come guerre e massicce violazioni dei diritti umani. 

Tutti i rifugiati hanno diritto a ricevere protezione dalle entità statali, che invece li minacciano e dalla mancanza di cibo, alloggio e cure mediche.

Per questo motivo, nell'anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e, in Italia, della Costituzione Repubblicana, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha deciso di dedicare la giornata mondiale del rifugiato al tema della protezione, come difesa del diritto d'asilo e del riparo e aiuto umanitari.

Il messaggio significativo di questa giornata vuole creare presupposti politici e umanitari per un'accoglienza reale, che serva a globalizzare i diritti nel riconoscimento del valore e del diritto della persona di cercare lavoro in Europa, attraverso l'attuazione di politiche che siano improntate sul rispetto e sulla dignità di esseri umani, unicamente colpevoli di provenire da paesi extraeuropei.

In occasione della giornata del rifugiato, che si celebra il giorno 20 giugno, i Missionari Comboniani di Castel Volturno hanno organizzato un'iniziativa a livello nazionale di distribuzione di “permessi di soggiorno in nome di Dio” per tutti gli immigrati, in un'azione ecclesiale, non violenta e provocatoria, contro la legge Bossi-Fini-Mantovano, per difendere i diritti dei nuovi schiavi, contro una legge lesiva dei diritti fondamentali della persona umana ed espressione di un governo e di una società incapaci di cogliere, riconoscere e considerare la ricchezza e la risorsa umana di cui tutti gli immigrati sono portatori.

In occasione di questa iniziativa si mobilitano, contro il pacchetto sicurezza, le associazioni cattoliche e non solo, i movimenti, i singoli, i missionari, le istituzioni pubbliche, gli enti locali e molte realtà impegnate nel sociale, sul terreno difficile dell'immigrazione, in prima linea nella denuncia delle scelte discriminatorie e xenofobe contro i migranti, per negare le attuali politiche sull'immigrazione, con un'azione che parta dal diritto di ogni persona ad esistere, ad essere rispettata nella sua umanità, nella ricerca di una vita democratica e libera.

I migranti hanno diritto di costruire un futuro per sé e per i propri figli.

L'entusiasmo e l’adesione per quest'iniziativa provocatoria diventa uno stimolo nel realizzare un momento di presa di posizione decisa e decisiva contro le disposizioni governative espresse nel pacchetto sicurezza, in un lavoro di ricerca e di confronto a tutti i livelli sociali, dove tutti noi, singoli, associazioni e movimenti, siamo coinvolti e impegnati collettivamente.

In una società frazionata, divisa, frammentata in una miriade di modi in cui il nome di Dio viene usato, spesso per interessi politici ed economici, questa iniziativa vuole porre l'importanza morale di un'azione in cui Dio stia dalla parte dei più deboli ed indifesi.

  

Note: Ecco il "permesso di soggiorno in nome di Dio"
http://www.stranieriinitalia.it/images/stories/permessobig1giu2009.jpg

E questo è il sito dei Missionari Comboniani di Castel Volturno
http://www.neroebianco.org

Articoli correlati

  • Siamo una società di pace? La criminalizzazione della solidarietà
    Migranti
    Peacelink Common Library

    Siamo una società di pace? La criminalizzazione della solidarietà

    Mi sono avvicinata allo studio delle migrazioni, alla complessità delle storie che ogni rifugiato, richiedente asilo o migrante porta con sé. Perché le stragi delle frontiere marittime e terrestri sono catastrofi umanitarie. Qual è la nostra responsabilità? Qual è oggi il ruolo della società civile?
    21 giugno 2022 - Carmen Zaira Torretta
  • Gli incendi di oggi e gli incendi futuri
    Pace

    Gli incendi di oggi e gli incendi futuri

    La rabbia sociale scatenatasi in seguito all’omicidio di Floyd non porterà a cambiamenti sostanziali sulla considerazione delle vite delle persone di colore in America
    12 giugno 2020 - John G. Russel
  • Morte e vita dei migranti
    Migranti
    Un oblò sul nostro futuro

    Morte e vita dei migranti

    Rischiamo condizioni irreversibili di ingiustizia e crudeltà. L'unico inattaccabile sul piano umano e della ragione è il comportamento dei volontari, a fronte di scelte dei governi miopi e scellerate
    18 novembre 2021 - Lidia Giannotti
  • Veri lager sotto i nostri occhi
    Migranti
    Discorso a Cipro

    Veri lager sotto i nostri occhi

    Dobbiamo andare contro questo vizio di abituarci alle tragedie, non possiamo abituarci all'indifferenza. Spesso ci domandiamo come sia stato possibile che fossero stati costruiti i lager del secolo scorso, ma sta accadendo oggi.
    6 dicembre 2021 - Papa Francesco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)