Svelato in Francia il mistero della baguette allucinogena

Un esperimento di controllo della mente: nel 1951 drogarono il pane, e oggi?

La Cia condusse un esperimento top secret nell'ambito di una strategia che coinvolse dal 1956 al 1963 anche migliaia di americani ignari. Ma oggi quanti italiani sono controllati mentalmente dalle baguette televisive?

Fu un esperimento di controllo della mente. CIA

In centinaia diedero segni di delirio.

Un bambino di undici anni tentò di strangolare la nonna.

Una persona vide il suo cuore uscire dal petto e andò dal medico per farselo rimettere a posto.

Un uomo si gettò in acqua urlando perché vedeva serpi che gli divoravano il ventre.

Un altro gridò "sono un aeroplano" e si gettò dalla finestra.

La CIA immaginava di vincere così la guerra fredda e fece tentativi di questo tipo con la baguette.

Dentro il pane ci mise l'LSD. E scoppiò il pandemonio in un tranquillo villaggio nel sudest della Francia. Era il 1951.

La scoperta sconcertante è frutto delle ricerche di Albarelli, un giornalista investigativo.

Questa follia di massa all'epoca fu archiviata come "farina avariata", contaminata da un fungo allucinogeno. Ma adesso emerge lo spettro della CIA e si vedono sfuocati i fantasmi della guerra fredda, con l'inquietante Special Operation Division (SOD) che aveva il suo quartier generale nel Maryland, a Fort Detrick.

Ma questa strategia di controllo della mente, di impazzimento collettivo della popolazione, questa strategia del rincoglionimento programmato... è finita con la baguette infarcita dall'LDS della CIA?

O è in corso ancora oggi con strategie più raffinate?

Ci svegliamo, accendiamo la TV e una miscela di volgarità e ignoranza pianificata esplode nella mente di milioni di italiani. Vengono modificati i sentimenti e nei giovani - sono state realizzate ricerche in proposito - il senso del futuro risulta azzerato.

La nostra baguette televisiva quotidiana è lì, con un LSD speciale, capace di prendere il controllo della mente dei bambini e degli adulti a colpi di miloini di immagini e fash pubblicitari.

L'Italia è cambiata così.

Lo aveva previsto Piepaolo Pasolini quando scriveva: "Nessun centralismo fascista è riuscito a fare ciò che ha fatto il centralismo della civiltà dei consumi. Il fascismo proponeva un modello, reazionario e monumentale, che però restava lettera morta. Le varie culture particolari (contadine, sottoproletarie, operaie) continuavano imperturbabili a uniformarsi ai loro antichi modelli: la repressione si limitava ad ottenere la loro adesione a parole. Oggi, al contrario, l’adesione ai modelli imposti dal Centro, è tale e incondizionata. I modelli culturali reali sono rinnegati". Dacci oggi il nostro pane quotidiano

Pasolini aveva compreso la natura di questa gigantesca operazione di manipolazione di massa: "Il fascismo, voglio ripeterlo, non è stato sostanzialmente in grado nemmeno di scalfire l’anima del popolo italiano: il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione e di informazione (specie, appunto, la televisione), non solo l’ha scalfita, ma l’ha lacerata, violata, bruttata per sempre”.

E' un'operazione di guerra psicologica, di distruzione della capacità di resistenza di cui aveva vato prova il popolo italiano nel corso delle sue esperienze di rinascita ed emancipazione.

Adesso bisogna riprendere il contatto con la realtà. Occorre riappropriarsi della resistenza culturale, a partire dalla scuola.

E non è un caso che proprio sulla scuola si abbatta la scure dei tagli e che per essa sia prevista un degrado e un impoverimento programmato delle risorse.

Siamo di fronte a un'emergenza civile e democratica, oltre che culturale e antropologica.

Come ai tempi dell'LSD nella baguette masse di persone perdono il contatto con la realtà.

Spetta ad un'Italia forte (e preparata al peggio) il compito di resistere fino allo stremo delle proprie forze e preparare i tempi di una rinascita della coscienza civile.

E' una strada difficile, ma è l'unica che ci preserverà dalla sconfitta totale.

 

 

 

 

Note: Per saperne di più sull'esperimento francese della CIA

Francia, 5 morti e centinaia di malati per baguette allucinogene: fu opera Cia
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=94437&sez=HOME_NELMONDO

La CIA avvelenò il pane dei francesi
http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo476367.shtml

Questo editoriale ha ispirato una simpatica vignetta, cliccare su http://lupoemigrato.wordpress.com/2010/03/13/dacci-oggi-il-nostro

Articoli correlati

  • Forze speciali della Nato già operano in Ucraina
    Conflitti
    La CIA è presente sul terreno

    Forze speciali della Nato già operano in Ucraina

    Un'operazione segreta che coinvolge le forze delle operazioni speciali statunitensi indica l'entità dello sforzo per assistere l'esercito ucraino che non ha ancora ricevuto le nuove armi.
    26 giugno 2022
  • Il segreto più grande
    MediaWatch
    La mia vita da reporter del New York Times tra le ombre della Guerra al Terrorismo

    Il segreto più grande

    Ho iniziato a occuparmi della CIA nel 1995. La Guerra Fredda era terminata, la CIA si stava ridimensionando e l’ufficiale della CIA Aldrich Ames era appena stato smascherato come spia russa. Un’intera generazione di alti funzionari CIA stava lasciando Langley. Molti volevano parlare.
    22 maggio 2022 - James Risen
  • La CIA ci spia (e non vuole più andare via)
    CyberCultura
    I servizi segreti americani possono ascoltare le persone tramite i microfoni delle smart TV

    La CIA ci spia (e non vuole più andare via)

    Joshua Adam Schulte è in carcere per aver passato a Wikileaks oltre 8 mila pagine di documenti top-secret che rivelano come la CIA possieda la capacità di violare la segretezza della corrispondenza non solo su WhatsApp e Telegram ma anche su Signal. Il caso Vault 7 è gravissimo.
    5 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecco come l'opinione pubblica è stata manipolata durante la guerra in Afghanistan
    MediaWatch
    Nonostante lodevoli iniziative il movimento pacifista non ha saputo incrinare l'indifferenza

    Ecco come l'opinione pubblica è stata manipolata durante la guerra in Afghanistan

    La chiave di volta, sottolineava la CIA, era l'indifferenza che questa guerra generava nella pubblica opinione occidentale: se ne parlava rarissimamente nei giornali e si vedeva ancora meno in televisione, quindi stragi e atrocità non generavano alcuna reazione nell’opinione pubblica occidentale
    30 agosto 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)