Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • E' morto Fidel Castro

    E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia
  • Tempi di Fraternità - Recensione a "I carnefici" di Daniele Biacchessi
    La Rivista TEMPI DI FRATERNITA' presenta:

    Tempi di Fraternità - Recensione a "I carnefici" di Daniele Biacchessi

    1 febbraio 2016 - Laura Tussi
  • Il Servizio di Pace LVIA in Burkina non si ferma
    LVIA - Association for cooperation and international volunteering

    Il Servizio di Pace LVIA in Burkina non si ferma

    31 gennaio 2016 - Laura Tussi
E' stato colpito ed eliminato il simbolo della guerra in Afghanistan cominciata nel 2001

Bin Laden, c'è poco da festeggiare

E' stata combattuta una guerra che ha amplificato il terrorismo invece di ridurlo. Si è trattato di un'operazione fallimentare per gli scopi proclamati. Ma non per quelli nascosti. In Afghanistan è stata infatti trovata dai geologi del Pentagono una delle più grandi riserve di minerali preziosi del mondo. Ecco quello che l'opinione pubblica non ha saputo di questa guerra.
2 maggio 2011 - Alessandro Marescotti

Il leader di Al Qaeda è stato ucciso in un attacco di soldati americani.

Si trovava in Pakistan e non in Afghanistan. Bin Laden

Per dieci anni è stata condotta una guerra in Afghanistan talmente frustrante che Bush ha pensato di deviarla in Irak con le conseguenze che sappiamo inventandosi un altro nemico: le armi di distruzione di massa di Saddam. Inesistenti.

Obama raggiunge quello che doveva essere un obiettivo immediato delle prime settimane dell'azione mliitare cominciata nel 2001. Bin Laden sembrava un obiettivo a portata di mano e gli specialisti di guerra elettronica garantivano che sarebbe stato sufficiente individuarne il cellulare per ottenerne le coordinate satellitari e dirigere su di lui un missile "intelligente". Siamo stati indotti a pensare che si sarebbe trattato non di una guerra ma di una missione rapida e mirata.

E invece è durata dieci anni la scia di sangue di questa guerra. Sono morti migliaia di soldati allo scopo non di "risolvere il problema" dell'Afghanistan ma di portarlo definitivamente fuori controllo.

Oggi l'Afghanistan è zona militare dei talebani e questo è un dato di fatto. L'uccisione di Bin Laden non lo potrà cancellare. La "morte festaggiata" in Occidente non farà certo smobilitare tutta la guerriglia che non dà tregua alle truppe americane e della Nato.

Adesso è il momento delle scelte.

O continuare nella strada della prosecuzione di una guerra che vedrà perdente Usa e tutta la Nato.

O approfittare di questo evento per cambiare rotta, senza sognare vittorie che non ci saranno e condannare altri giovani a morte certa.

Si è trattato infatti di una guerra sproporzionata che è stata "predicata" con l'obiettivo di neutralizzare Bin Laden ma che è stata "razzolata" con l'obiettivo di esplorare le risorse del sottosuolo dell'Afghanistan (1).

"L'Afghanistan può diventare l'Arabia Saudita del litio", ha dichiarato l'équipe di geologi del Pentagono. E' stato svelato dal New York Times che nel nord dell'Afghanistan vi è una enorme sacca di giacimenti minerali valutata attorno a 1000 miliardi di dollari. Qualcosa di immenso e soprattutto di inedito. Vi è soprattutto il litio che serve ai telefonini, ai computer portatili, agli Ipod e attutti i congeni elettronici del presente e del futuro. La nuova microenergia.

Tutto questo non è stato detto ai soldati che sono andati a morire e all'opinione pubblica che ha creduto in una missione "contro il terrorismo". Missione che è fallita, che ha visto aumentare la guerriglia anziché diminuire. Ora l'Afghanistan è un pantano e non sarà l'uccisione di Bin Laden che cambiera le sorti di una guerra ormai persa per gli Usa e per la Nato.

C'è poco da festeggiare.

Note:

(1) Fonte http://www.repubblica.it/esteri/2010/06/14/news/afghanistan_miniere-4827327

Soltanto nel primo anno di guerra in Afghanistan, i morti civili dovuti ai bombardamenti USA sono stimati intorno ai 3.700, più delle Torri Gemelle.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)