Tra l'umanità e la devastazione ambientale, scegliamo la prima

SI alle persone in cerca d'aiuto NO a progetti che mettono a rischio l'ambiente

Un anno dopo il ritrovamento di 21 migranti alla stazione di Vasto San Salvo, il pensiero, la riflessione e l'augurio per Natale delle ns. associazioni va a loro.
22 dicembre 2011
Alessio Di Florio (PeaceLink Abruzzo; Alessia Montuori, Ass. Senzaconfine; Nadia Furnari, Ass. Antimafie Rita Atria)

migranti nel cpt di lecce

E' passato esattamente un anno. Dodici mesi fa, nelle cronache pre-natalizie distratte tra una luminaria e l'ultima corsa allo shopping, irruppero 21 persone. Furono ritrovate mentre vagavano nei dintorni della stazione ferroviaria di Vasto-San Salvo. Incontrarono immediatamente solidarietà ma la legge impose l'immediato rimpatrio. Distratti dalla frenesia dello shopping pre-natalizio, probabilmente moltissimi si dimenticarono subito di loro o non si accorsero neanche del loro passaggio. Noi no. Un anno dopo vorremmo ricordarli. L'anno scorso non abbiamo neanche avuto il tempo di conoscere le loro storie, le loro radici.
Qualcuno forse veniva dalla Turchia, dai monti aspri e insanguinati del Kurdistan. Qualcuno avrà conosciuto le carceri di regimi. Tra loro poteva esserci un Alì, che sognava fortuna in Europa per poi tornare dalla famiglia in patria. Come sarà stato il loro addio alla casa natìa? Non lo sapremo mai. La legge impone l'immediato allontanamento.

E' passato un anno. Dodici mesi. In questo periodo Vasto ha conosciuto un fortissimo fermento civile, una mobilitazione che sta conoscendo il suo picco. Hanno bussato alle porte della nostra città ditte che vogliono costruire impianti industriali. Centrali a biomasse, impianti per rifiuti speciali. Tutti progetti che fanno temere per il futuro del nostro territorio, per l'integrità di uno degli ultimi angoli di paradiso rimasti, la Riserva Naturale di Punta Aderci. Per loro ci sono autorizzazioni, disponibilità. A loro la porta viene spalancata. Quasi anticipando questa disumana differenza scrivevamo l'anno scorso, parlando dei 21 migranti, "non possedevano grandi limousine ...Non indossavano cravatte e vestiti di lusso...Non portavano denari...non proponevano speculazioni e business...E allora non interessano, la legge li scaccia, la legge è dura con loro".

E allora, in questo Natale che si avvicina, vorremo sognare un futuro diverso per la nostra Vasto (e per l'Italia). Vorremo sognare che un giorno tutto questo possa essere rovesciato. Il nostro augurio natalizio è che presto vengano spalancate le porte alle persone, a chi chiede aiuto, a chi bisogno di umanità e solidarietà. E una volta per tutte si chiudano i portoni per chi mette a rischio il territorio, per chi vuol piegare la bellezza e l'integrità delle sue ricchezze agli interessi di pochi. Scrisse un giorno il compianto Dino Frisullo "Sotto le stelle di Zako mille Alì sognano l'Europa". Venga il giorno in cui diventeranno realtà i loro sogni, e non i progetti svizzeri o toscani.

Articoli correlati

  • Domenico Lucano, il sindaco dell’accoglienza ospite a Londra
    Migranti
    Al King's College parlerà di Riace per il lancio del Festival londinese della letteratura italiana

    Domenico Lucano, il sindaco dell’accoglienza ospite a Londra

    Presentazione del Libro 'Riace, Musica per l'Umanità' al King's College di Londra con Mimmo Lucano
    6 settembre 2019 - Alessandro Allocca
  • Una lettera aperta alla capogruppo di "Liberi e Uguali" al Senato
    Migranti
    Alla Senatrice Loredana De Petris:

    Una lettera aperta alla capogruppo di "Liberi e Uguali" al Senato

    Abrogare le misure razziste e incostituzionali, criminali e criminogene, imposte dal governo della disumanita' particolarmente con i due cosiddetti "decreti sicurezza della razza"
    30 agosto 2019 - Peppe Sini
  • "Il governo razzista è caduto"
    Migranti
    I migranti della Open Arms sbarcano a Lampedusa su ordine della magistratura che apre un'inchiesta

    "Il governo razzista è caduto"

    Comunicato di Peppe Sini, animatore del "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo. "L'Italia torni ad essere una repubblica democratica, un paese civile, un ordinamento giuridico che rispetta e difende i diritti umani e salva le vite".
    21 agosto 2019 - Redazione PeaceLink
  • Ricordiamo Nadia Toffa
    PeaceLink Abruzzo
    Sempre dalla parte dei cittadini e delle lotte ambientali

    Ricordiamo Nadia Toffa

    Ha trattato l'inquinamento di Bussi, il rischio sismico con lo stoccaggio del gas di S. Martino sulla Marrucina e l'elettrodotto Villanova-Gissi. Poi ricordiamo gli ultimi due servizi sull'acqua del Gran Sasso e i laboratori di Fisica Nucleare. 
    14 agosto 2019 - Forum H2O
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)