Decreto di emergenza sull'ILVA

Ilva, game over

Questo nono decreto non si può più definire neppure "decreto Salva-ILVA". Infatti il governo rinuncia a salvarla e la vende. Vende ILVA dopo non esser riuscito a salvarla dal disastro. Oggi ILVA ha i conti ulteriormente peggiorati a cause di perdite mensili che oscillano intorno alla spaventosa cifra di 50 milioni di euro al mese. Chi vorrà comprare una fabbrica che il tribunale elvetico ha sprezzantemente definito "una società fallita"?
15 dicembre 2015
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
Il nuovo "decreto ILVA" del governo Renzi segna la sconfitta definitiva della "strategia di risanamento" adottata dai governi italiani dal 2012 a oggi. Targa nel quartiere Tamburi di Taranto
Dopo il sequestro degli impianti da parte della magistratura nel 2012, i governi hanno legiferato a ripetizione con decreti di emergenza in quanto la fabbrica sprofondava via via in una crisi sempre più grave.
Questo nono decreto non si può più definire neppure "decreto Salva-ILVA". Infatti il governo rinuncia a salvarla e la vende. Vende ILVA dopo non esser riuscito a salvarla dal disastro. Renzi aveva promesso un "cambio di passo" e un risanamento che non è arrivato. L'ultimo decreto del dicembre 2014 era arrivato dopo che il governo non era riuscito a vendere l'ILVA ad Arcelor Mittal. Renzi - oltre a promettere due miliardi per Taranto mai arrivati - si era impegnato a risanare ILVA prima di rimetterla sul mercato, in quanto non appetibile. Oggi ILVA ha i conti ulteriormente peggiorati a cause di perdite mensili che oscillano intorno alla spaventosa cifra di 50 milioni di euro al mese. Chi vorrà comprare una fabbrica che il tribunale elvetico ha sprezzantemente definito "una società fallita"?

Chi ha allora interesse a comprare una "società fallita"?

Renzi vende l'ILVA dopo il fallimento di una politica che non è riuscita a salvarla, in quanto sprofonda in un deficit di tre miliardi di euro. Si vocifera di un interesse di Arcelor Mittal per ILVA, come se fosse una multinazionale sana in cerca di vecchie fabbriche da rimettere in sesto. In realtà Arcelor Mittal ha già acquistato acciaierie per chiuderle. E attualmente Arcelor Mittal vive una profonda crisi che non non le consente di dare speranza ad altre fabbriche dato che sta vacillando essa stessa sotto il peso di una crisi siderurgica di portata mondiale.

Solo nel terzo trimestre Arcelor Mittal ha perso 711 milioni di dollari, e questo è il terzo trimestre in perdita per il colosso siderurgico. La società ha deciso di sospendere il pagamento dei dividendi ed ha visto al ribasso le stime per il 2015.

Di cosa stiamo parlando dunque?

Di una vendita che non ci sarà mai o che se avverrà sarà l'anticamera della catastrofe per i lavoratori di Taranto, Genova e dell'indotto.

Questo perché il governo non ha messo a punto alcun piano B, come richiesto da PeaceLink.

Questo perché il governo è stato stoppato dalla Commissione Europea, che ha contestato gli aiuti di Stato del governo italiano, dopo l'intervento di PeaceLink a Bruxelles.

Articoli correlati

  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata
    Ecologia
    Intervento di PeaceLink al TAR Lazio è andato a buon fine

    Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata

    La batteria 12 è una delle quattro attualmente in funzione in fabbrica che servono ad alimentare di carbon coke gli altiforni. “La batteria 12 - dicono le fonti dell’azienda - avvierà la fase finale di ambientalizzazione l’1 settembre. Tale fase richiede la sospensione della produzione".
    26 agosto 2021
  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)