Decreto di emergenza sull'ILVA

Ilva, game over

Questo nono decreto non si può più definire neppure "decreto Salva-ILVA". Infatti il governo rinuncia a salvarla e la vende. Vende ILVA dopo non esser riuscito a salvarla dal disastro. Oggi ILVA ha i conti ulteriormente peggiorati a cause di perdite mensili che oscillano intorno alla spaventosa cifra di 50 milioni di euro al mese. Chi vorrà comprare una fabbrica che il tribunale elvetico ha sprezzantemente definito "una società fallita"?
15 dicembre 2015
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
Il nuovo "decreto ILVA" del governo Renzi segna la sconfitta definitiva della "strategia di risanamento" adottata dai governi italiani dal 2012 a oggi. Targa nel quartiere Tamburi di Taranto
Dopo il sequestro degli impianti da parte della magistratura nel 2012, i governi hanno legiferato a ripetizione con decreti di emergenza in quanto la fabbrica sprofondava via via in una crisi sempre più grave.
Questo nono decreto non si può più definire neppure "decreto Salva-ILVA". Infatti il governo rinuncia a salvarla e la vende. Vende ILVA dopo non esser riuscito a salvarla dal disastro. Renzi aveva promesso un "cambio di passo" e un risanamento che non è arrivato. L'ultimo decreto del dicembre 2014 era arrivato dopo che il governo non era riuscito a vendere l'ILVA ad Arcelor Mittal. Renzi - oltre a promettere due miliardi per Taranto mai arrivati - si era impegnato a risanare ILVA prima di rimetterla sul mercato, in quanto non appetibile. Oggi ILVA ha i conti ulteriormente peggiorati a cause di perdite mensili che oscillano intorno alla spaventosa cifra di 50 milioni di euro al mese. Chi vorrà comprare una fabbrica che il tribunale elvetico ha sprezzantemente definito "una società fallita"?

Chi ha allora interesse a comprare una "società fallita"?

Renzi vende l'ILVA dopo il fallimento di una politica che non è riuscita a salvarla, in quanto sprofonda in un deficit di tre miliardi di euro. Si vocifera di un interesse di Arcelor Mittal per ILVA, come se fosse una multinazionale sana in cerca di vecchie fabbriche da rimettere in sesto. In realtà Arcelor Mittal ha già acquistato acciaierie per chiuderle. E attualmente Arcelor Mittal vive una profonda crisi che non non le consente di dare speranza ad altre fabbriche dato che sta vacillando essa stessa sotto il peso di una crisi siderurgica di portata mondiale.

Solo nel terzo trimestre Arcelor Mittal ha perso 711 milioni di dollari, e questo è il terzo trimestre in perdita per il colosso siderurgico. La società ha deciso di sospendere il pagamento dei dividendi ed ha visto al ribasso le stime per il 2015.

Di cosa stiamo parlando dunque?

Di una vendita che non ci sarà mai o che se avverrà sarà l'anticamera della catastrofe per i lavoratori di Taranto, Genova e dell'indotto.

Questo perché il governo non ha messo a punto alcun piano B, come richiesto da PeaceLink.

Questo perché il governo è stato stoppato dalla Commissione Europea, che ha contestato gli aiuti di Stato del governo italiano, dopo l'intervento di PeaceLink a Bruxelles.

Articoli correlati

  • Antonio e i picchi del benzene
    Laboratorio di scrittura
    Chi fornisce a Taranto i dati orari del benzene?

    Antonio e i picchi del benzene

    Un esperto degli algoritmi da Londra manda i grafici dei picchi del benzene. Tra una pausa e l'altra del suo lavoro, sforna le cattive notizie che turbano la quotidianità degli ecotarantini che sanno leggere ascisse, ordinate e diagrammi cartesiani. Cronaca assurda in una città inquinata.
    2 febbraio 2023 - Alessandro Marescotti
  • Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA
    Ecologia
    Video con l'intervento di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink

    Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA

    "Il decreto non è emendabile e se viene convertito in legge equivale a riportare in Italia la pena di morte, per di più verso persone innocenti di cui non conosciamo nome, sesso, età e volto".
    24 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • PeaceLink in audizione al Senato sullo scudo penale all'ILVA
    Ecologia
    Uno sketch del regista Giuseppe Giusto

    PeaceLink in audizione al Senato sullo scudo penale all'ILVA

    Il decreto legge che istituisce l'immunità penale per chi inquina è una grave intromissione nella sfera di autonomia della magistratura che a Taranto ha operato per la difesa della salute dei cittadini disponendo la confisca e il sequestro degli impianti inquinanti.
    23 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Cosa dovrebbe fare un parlamentare di fronte a un decreto legge sullo scudo penale per chi inquina?
    CyberCultura
    Mettiamo alla prova il software di intelligenza artificiale Chat GPT

    Cosa dovrebbe fare un parlamentare di fronte a un decreto legge sullo scudo penale per chi inquina?

    "Scrivi una storia su un parlamentare che ama la sua città e scopre che il governo scrive un decreto legge per dare l'immunità penale a chi inquina la sua città. Scopre che anche il suo partito, pur con qualche distinguo, sostiene il decreto legge".
    22 gennaio 2023 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)