"Il contributo della demografia alla crescita economica", report della Banca d'Italia

Senza i migranti l'Italia sprofonderà in una gravissima crisi economica

Secondo la Banca d'Italia, senza migranti l'Italia sarebbe in gravissima crisi demografica ed economica, lo dicono i dati, i numeri che riportiamo in questo articolo.
21 luglio 2018

 

Lasciate perdere gli sciocchi, i razzisti e gli ignoranti.
Leggete i dati della Banca d'Italia riportati sul report "Il contributo della demografia alla crescita economica".
Secondo la Banca d'Italia, senza migranti l'Italia sarebbe in gravissima crisi demografica ed economica, lo dicono i dati, i numeri del report che troverete in coda a questo mio post che a qualcuno risulterà un po' indigesto.
Gli sviluppi demografici sarebbero stati estremamente penalizzanti per l'Italia se non fosse intervenuto negli ultimi 25 anni un significativo flusso migratorio in entrata. Scrive Enrico Cicchetti: "Particolarmente importante è risultato il contributo dei migranti alla crescita del pil nel decennio 2001-2011: la crescita cumulata del pil è stata positiva per il 2,3 % mentre sarebbe risultata negativa e pari a -4,4% senza l'immigrazione. Il pil pro capite senza la componente straniera avrebbe subito nel decennio 2001-2011 un calo del 3 per cento".
La demografia è centrale nel ragionamento della Banca d'Italia: si calcola che entro il 2041 nemmeno i flussi migratori previsti saranno in grado di invertire la tendenza demografica negativa in corso, per cui avremo molti anziani e pochi giovani, con uno sbilanciamento che sarà letale per l'economia se non arriveranno in nostro soccorso proprio loro: gli immigrati.
So che questo ragionamento cozza contro molti pregiudizi, ma lo volevo fare perché io sono un insegnante, non un politico, e a me interessa la verità, non il consenso.
Berlusconi diceva che l'elettore italiano medio ha l'intelligenza di un bambino di undici anni, neppure molto intelligente, e in base a questo assunto ha dosato i propri messaggi.
Io vorrei fare l'esatto contrario e parlarvi con l'onestà di chi rispetta l'intelligenza, di chi vuole leggere, imparare e studiare senza pregiudizi.
---

Ecco il report della Banca d'Italia: clicca qui.
Questo grafico (tratto da p.10 del report) attesta l'importanza dell'afflusso di immigrati ai fini della tenuta economica nazionale:
I numeri che attestano l'importanza dell'afflusso di immigrati ai fini della tenuta economica nazionale

Articoli correlati

  • Morte e vita dei migranti
    Migranti
    Un oblò sul nostro futuro

    Morte e vita dei migranti

    Rischiamo condizioni irreversibili di ingiustizia e crudeltà. L'unico inattaccabile sul piano umano e della ragione è il comportamento dei volontari, a fronte di scelte dei governi miopi e scellerate
    18 novembre 2021 - Lidia Giannotti
  • Veri lager sotto i nostri occhi
    Migranti
    Discorso a Cipro

    Veri lager sotto i nostri occhi

    Dobbiamo andare contro questo vizio di abituarci alle tragedie, non possiamo abituarci all'indifferenza. Spesso ci domandiamo come sia stato possibile che fossero stati costruiti i lager del secolo scorso, ma sta accadendo oggi.
    6 dicembre 2021 - Papa Francesco
  • Un’immagine al futuro per la solidarietà e la pace
    Pace
    Evento online in occasione del 20 Dicembre, Giornata Internazionale della Solidarietà

    Un’immagine al futuro per la solidarietà e la pace

    Solidarietà e inclusione, diritti e benessere sono condizioni necessarie per un’idea positiva della pace, pace con diritti e con giustizia sociale
    30 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Morti 75 migranti
    Migranti
    L’Organizzazione per le migrazioni delle Nazioni unite (Oim) ha dato la terribile notizia

    Morti 75 migranti

    «Questo è il costo dell’inazione», dice Safa Msehli dell’Oim che ricorda come da inizio anno «almeno 1300 uomini, donne, bambini sono annegati nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale».
    20 novembre 2021 - Fabio Albanese
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)