Pubblicata la VIIAS (Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario)

Avevamo ragione: "rischio non accettabile" con l'attuale ILVA di ArcelorMittal

Rischio inaccettabile anche con una produzione di 4,7 milioni di tonnellate di acciaio all'anno. I ricercatori su "Epidemiologia & Prevenzione" mettono nero su bianco una valutazione predittiva dei danni alla salute delle emissioni siderurgiche attuali
23 ottobre 2019
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)

Avevamo ragione. Un manifesto della campagna di sensibilizzazione di alcuni genitori tarantini

"Si stima UN RISCHIO NON ACCETTABILE a Tamburi anche per lo scenario 2015, con una produzione di 4,7 milioni di tonnellate di acciaio, inferiore a quella autorizzata dall’AIA (8 milioni di tonnellate acciaio)".

Sono queste le conclusioni che si leggono nella ricerca pubblicata su "Epidemiologia&Prevenzione" di settembre-dicembre 2019. I ricercatori mettono nero su bianco una valutazione predittiva dei danni alla salute delle emissioni siderurgiche attuali. E viene smentita la leggenda metropolitana secondo cui a 6 milioni di tonnellate anno di acciaio la popolazione di Taranto sarebbe stata al sicuro e avrebbe potuto dormire sonni tranquilli.

PeaceLink aveva indagato sulla questione scoprendo che nessuna valutazione preventiva di danno sanitario era stata fatta su 6 milioni di tonnellate/anno di acciaio. Infatti l'unica VDS (Valutazione di Danno Danitario) era stata compiuta a 8 milioni di tonnellate/anno di acciaio. Tuttavia era stata messa in giro la voce di una seconda VDS a 6 milioni, con esiti rassicuranti, tanto che anche autorevoli associazioni ambientaliste e tanti esponenti politici di varia estrazione andavano ripetendo che 6 milioni di tonnellate/anno non avrebbero provocato morti in eccesso.

PeaceLink ha invece continuamente denunciato, dati alla mani, una mortalità in eccesso nei quartieri più vicini al polo produttivo, sulla base dei dati dell'anagrafe comunale di Taranto.

Adesso tutto è chiaro: è stata compiuta una gigantesca opera di manipolazione dell'opinione pubblica. Un'opera di rassicurazione basata sul nulla, su una finta Valutazione Danno Sanitario mai compiuta. Una mistificazione per tirare a campare e per proseguire una produzione che metteva a rischio la salute e la vita di una parte della popolazione di Taranto, quella più vicina alle emissioni del polo industriale.

Non solo: si sono spacciati i parchi minerali come la soluzione di tutto il problema. Mentre lo studio predittivo pubblicato di fatto evidenzia che non è così. E questa ricerca pubblicata da Epidemiologia&Prevenzione combacia perfettamente con l'analisi dei dati - compiuta da PeaceLink con Omniscope - delle polveri sottili che non vengono contenute dalle coperture. 

A questo punto i decisori politici sono di fronte alla decisione cruciale: credere nella scienza e fermare l'area a caldo. O continuare la produzione negando la scienza e causando danni snitari alla popolazione.

Articoli correlati

  • Il dovere di soccorrere
    Editoriale
    #SaveTaranto

    Il dovere di soccorrere

    Uno Stato che ha speso dieci miliardi di euro in missioni militari può e deve avere il dovere di soccorrere una popolazione sfiancata da anni di disastro ambientale e di malattie terribili. Uno Stato che ha sacrificato una città deve sentire il dovere di soccorrerla. Lanciamo un video commuovente
    16 novembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Il PIL non misura ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta"
    Editoriale
    Spesso spariscono i dati dei morti e dei malati dai ragionamenti sul futuro di Taranto

    "Il PIL non misura ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta"

    C'è solo il PIL, manca l'uomo, manca il dolore, manca la vita. E' impressionante leggere in queste ore le parole di politici e giornalisti che misurano Taranto e l'ILVA con il solo riferimento al PIL. A costoro dedichiamo le parole di Robert Kennedy sul PIL, ammesso che le abbiano mai lette
    6 novembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Fare una legge che consente di violare le leggi è una cosa terribile"
    PeaceLink
    PeaceLink sull'immunità penale per l'ILVA

    "Fare una legge che consente di violare le leggi è una cosa terribile"

    "Lo Stato si riappropri del suo ruolo di tutela dei cittadini, di protezione della salute dei lavoratori. Il governo convochi a Taranto le migliori intelligenze, italiane ed europee, per pensare a un futuro davvero sostenibile".
    Dire
  • Le vere ragioni per cui ArcelorMittal lascia
    Ecologia
    Inviata la comunicazione di recesso e risoluzione del contratto di affitto dell'ILVA

    Le vere ragioni per cui ArcelorMittal lascia

    La chiave interpretativa di questa scelta è nel rigo 12 del comunicato di ArcelorMittal, in cui sostanzialmente si afferma che l'ILVA non è in grado di rispettare l'ultimatum della magistratura circa la messa a norma dell'altoforno numero 2, quello dove morì l'operaio Alessandro Morricella
    4 novembre 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)