Gli USA hanno trattato con gli odiati talebani per andare via

Dopo il Vietnam ora la ritirata dall'Afghanistan

Poco fa Trump annuncia il ritiro delle truppe dall'Afghanistan, dopo una guerra durata 19 anni e aver bruciato immense risorse militari. Ora dichiara di aspettarsi che i talebani combattano il terrorismo. E' incredibile ma è così.
29 febbraio 2020

Trump annuncia il ritiro dei soldati americani dall'Afghanistan Ebbene sì. Gli USA hanno trattato con gli odiati talebani per andare via. 

E poco fa Trump ha annunciato il ritiro delle truppe americane dall'Afghanistan, dopo una guerra durata 19 anni e aver bruciato immense risorse militari.

Con un discorso goffo, al limite del ridicolo, Trump ringrazia tutti per l'impegno profuso, e si augura che i talebani combattano i terroristi e li uccidano. Proprio così. Considera i talebani un alleato nella lotta al terrorismo dopo che i governi USA li avevano considerati un gruppo di terroristi.

E così accade magicamente per diciannove anni ci hanno raccontato che i talebani erano dei terroristi. Da poche ore scopriamo che i talebani sono gli alleati di Trump per combattere il terrorismo.

Fino a ieri per insultare una persona bastava che dicessi: talebano!

Per attaccare gli ambientalisti si è detto: siete talebani!

E ora scopriamo che i talebani sono bravi e buoni. Incredibile!

Quando noi di PeaceLink ci dichiarammo contrari alla guerra in Afghanistan e alla partenza dei militari italiani che cosa ci dissero? Ci accusarono di essere talebani, ma adesso Trump firma l'accordo con i talebani e si ritira.

Che senso ha tutto questo? Pensateci bene.
Scopriamo adesso che il mondo è guidato da persone non credibili, e che sono state mandati a morire tanti soldati per una verità che oggi viene capovolta con una piroetta grottesca di Trump, nel discorso pronunciato poco fa. 

E' incredibile ma è così. Il negoziatore Usa, Zalmay Khalilzad (a sinistra), firma l'accordo con il rappresentante dei telebani, Abdul Ghani Baradar (a destra nella foto)

Articoli correlati

  • Afghanistan: Usa e Nato tornano a casa ammettendo il fallimento della missione
    Editoriale
    Mentre la CPI ha aperto un'inchiesta per i crimini di guerra commessi da militari americani

    Afghanistan: Usa e Nato tornano a casa ammettendo il fallimento della missione

    Volevano vincere una guerra ma dopo vent'anni tornano a casa sfiancati, come in Vietnam. La propaganda di un tempo si è appannata per lasciar spazio alla sconfitta di una missione. Venti anni fa avevamo ragione ad opporci a una guerra che è costata miliardi di dollari e migliaia di vite umane.
    1 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Orrore in Afghanistan, uccisi 39 civili dalle forze speciali australiane
    Conflitti
    Ai più giovani veniva imposto di uccidere fuori dai combattimenti come rito di iniziazione militare

    Orrore in Afghanistan, uccisi 39 civili dalle forze speciali australiane

    Ma a finire sotto accusa è per ora l'avvocato militare David William McBride che ha rivelato i crimini di guerra. Dopo aver provato invano a smuovere i vertici militari, ha fornito le prove alla TV australiana.
    22 novembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • Non sarà possibile indagare in Afghanistan sui crimini di guerra
    Conflitti
    Il veto americano

    Non sarà possibile indagare in Afghanistan sui crimini di guerra

    Gli Stati Uniti infatti hanno negato i visti di ingresso agli investigatori della Corte penale internazionale
    14 aprile 2019 - Redazione PeaceLink
  • Afghanistan, la scomoda verità mai raccontata dai governi italiani
    Conflitti
    "Migliaia di talebani uccisi dal contingente italiano", lo scrive oggi un analista militare

    Afghanistan, la scomoda verità mai raccontata dai governi italiani

    Un impegno in prima linea negato in nome della retorica della "missione di pace". Adesso che si sta discutendo del ritiro del contingente italiano, il governo dovrebbe fare piena luce su questa violazione dell'articolo 11 della Costituzione Italiana
    29 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)