Gli USA hanno trattato con gli odiati talebani per andare via

Dopo il Vietnam ora la ritirata dall'Afghanistan

Poco fa Trump annuncia il ritiro delle truppe dall'Afghanistan, dopo una guerra durata 19 anni e aver bruciato immense risorse militari. Ora dichiara di aspettarsi che i talebani combattano il terrorismo. E' incredibile ma è così.
29 febbraio 2020

Trump annuncia il ritiro dei soldati americani dall'Afghanistan Ebbene sì. Gli USA hanno trattato con gli odiati talebani per andare via. 

E poco fa Trump ha annunciato il ritiro delle truppe americane dall'Afghanistan, dopo una guerra durata 19 anni e aver bruciato immense risorse militari.

Con un discorso goffo, al limite del ridicolo, Trump ringrazia tutti per l'impegno profuso, e si augura che i talebani combattano i terroristi e li uccidano. Proprio così. Considera i talebani un alleato nella lotta al terrorismo dopo che i governi USA li avevano considerati un gruppo di terroristi.

E così accade magicamente per diciannove anni ci hanno raccontato che i talebani erano dei terroristi. Da poche ore scopriamo che i talebani sono gli alleati di Trump per combattere il terrorismo.

Fino a ieri per insultare una persona bastava che dicessi: talebano!

Per attaccare gli ambientalisti si è detto: siete talebani!

E ora scopriamo che i talebani sono bravi e buoni. Incredibile!

Quando noi di PeaceLink ci dichiarammo contrari alla guerra in Afghanistan e alla partenza dei militari italiani che cosa ci dissero? Ci accusarono di essere talebani, ma adesso Trump firma l'accordo con i talebani e si ritira.

Che senso ha tutto questo? Pensateci bene.
Scopriamo adesso che il mondo è guidato da persone non credibili, e che sono state mandati a morire tanti soldati per una verità che oggi viene capovolta con una piroetta grottesca di Trump, nel discorso pronunciato poco fa. 

E' incredibile ma è così. Il negoziatore Usa, Zalmay Khalilzad (a sinistra), firma l'accordo con il rappresentante dei telebani, Abdul Ghani Baradar (a destra nella foto)

Articoli correlati

  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il futuro di Kabul
    Conflitti
    Un'analisi dell'Afghanistan dopo la sconfitta degli Stati Uniti e della Nato

    Il futuro di Kabul

    Cina, Russia, Pakistan, Qatar e Turchia negoziano con i Talebani per mantenere un ordine che crei un ambiente favorevole tanto ai loro investimenti in infrastrutture e attività estrattive. E vogliono tenere lontane dai propri confini le minacce portate dalle fazioni jihadiste e indipendentiste.
    11 ottobre 2021 - Valeria Poletti
  • "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"
    Conflitti
    Gli stupri dei bambini erano la regola: "La notte li sentiamo gridare, ma non possiamo fare nulla"

    "Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"

    Gli episodi che riportiamo in questa pagina web spiegano perché l'esercito e la polizia afghani non fossero amati dalla popolazione e si siano sbriciolati appena è venuto meno il supporto delle truppe americane e della Nato, nonostante fossero stati fortemente armati, attrezzati e addestrati.
    Redazione PeaceLink
  • Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili
    Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)