Dopo i gasdotti Nord Stream viene ora colpito il lungo ponte che collega la Russia con la Crimea

Contro l'escalation bellica sosteniamo la mobilitazione dei pacifisti

Mobilitazione nazionale dal 21 al 23 ottobre. Un'avventura senza precedenti sta iniziando. L'obiettivo è la vittoria e la riconquista della Crimea, con il tetro sfondo dello scontro nucleare. La giusta condanna dell'invasione russa in Ucraina non deve portare al disastro globale.
8 ottobre 2022

Esplosione sul ponte che collega la Crimea alla Russia

L'esplosione di un camion sul lunghissimo ponte Kerch che collega la Russia con la Crimea, che ha provocato un incendio e gravi danni alla struttura, è solo "l'inizio": lo ha scritto su Twitter Mykhailo Podolyak, consigliere politico del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. "Tutto ciò che è illegale deve essere rimosso. Tutto ciò che è stato rubato deve essere restituito all'Ucraina", si legge su Rainews.

L'Ucraina chiedeva agli Usa nuovi e più potenti missili Himars in grado di avere una gittata utile a colpire il grande ponte che rifornisce la Crimea e la collega alla Russia. Non avendoli ancora ottenuti, lancia un avvertimento. Il camion con esplosivo è un chiaro segnale di escalation.

L'attentato fa il paio con l'esplosione che ha danneggiato i gasdotti Nordstream. Due colpi a infrastrutture strategiche che servono alla Russia, all'interno di un'unica strategia.

Chiudi

Lo si è ripetuto mille volte in questi mesi: opporsi all’invasore è doveroso. Accettare la flagrante rottura delle regole della convivenza internazionale avrebbe conseguenze incalcolabili. Ma in questa necessaria opposizione si deve anche evitare di assecondare il gioco che lo stesso Putin sta cercando di sviluppare: costringerci ad adottare la logica dello scontro senza via d’uscita.

Non si dovrebbe mai dimenticare che l’escalation del conflitto porterebbe a un disastro globale, senza alcun vincitore. Un esito che tanti, a differenza del Papa che continua a parlare forte e chiaro e a mobilitare le coscienze, troppo facilmente non considerano.

Mauro Magatti, Avvenire

L'ex ministro degli Esteri polacco e attuale europarlamentare Radoslav Sikorski, subito dopo le esplsioni al ai gasdotti Nord Stream, aveva postato su Twitter una foto del luogo dell'incidente con la didascalia "Grazie, USA". È utile menzionare le dichiarazioni del presidente degli USA del 7 febbraio 2022. Biden aveva affermato: “Se la Russia invade, voglio dire, se i suoi carri armati e le sue truppe attraversano di nuovo il confine con l'Ucraina, allora non ci sarà più il Nord Stream 2, ne segneremo la fine” e al giornalista che gli aveva chiesto come questo fosse possibile, visto che il gasdotto era sotto controllo tedesco, aveva risposto: “Te lo prometto, ce la possiamo fare”.

Volodymyr Zelensky all’Australian Lowy Istitute, think-thank che conduce ricerche politiche, aveva detto che per “escludere la possibilità dell’uso di armi nucleari da parte della Russia”, la Nato “dovrebbe colpire preventivamente”. In seguito ha cercato di smorzare le polemiche dicendo di essere stato frainteso.

La guerra incomincia a far saltare in aria direttamente le infrastrutture vitali della Russia e ciò segna una strategia militare inedita. Tutto questo rischia di avere conseguenze ancora più gravi per il futuro della guerra.

Contro l'escalation bellica mobilitazione dei pacifisti dal 21 al 23 ottobre

La mobilitazione di trecentomila nuovi soldati in Russia, da mandare in Ucraina, non può che portare la guerra allo scontro definitivo. Rilevante è il documento dei vescovi russi per il diritto all'obiezione di coscienza.

Siamo di fronte a un salto di qualità che ci lancia verso il buio di un'avventura senza precedenti. Altro che guerra per difendere la popolazione ucraina, andiamo verso il redde rationem. L'obiettivo è la vittoria. Per il governo ucraino l'obiettivo è la riconquista della Crimea, dove c'è la base navale russa di Sebastopoli, oltre che del Donbass.

Siamo di fronte alla più tetra delle prospettive: Zelensky firma un decreto per impedire ogni possibile trattativa mentre la Russia non esclude l'arma atomica nel caso venga minacciata la sua sicurezza e integrità territoriale.

E' importante che non rimanga isolata la voce di Papa Francesco che sta continuamente richiamando i contendenti a uno sforzo di dialogo e di pace. E persino Elon Musk - schierato con l'Ucraina - diviene obiettivo di critiche da parte di Zelensky per un ragionevole piano di pace postato su Twitter.

Occorre scegliere la via più ragionevole: quella del negoziato. Occorre riappropriarci del buon senso smarrito in questo disastro della storia. 

La giusta condanna dell'invasione russa in Ucraina non deve portare all'approvazione acritica di una escalation militare che scivoli verso la prospettiva di una terza guerra mondiale combattuta con armi nucleari.

E' importante pertanto sostenere i tre giorni di mobilitazione dei pacifisti dal 21 al 23 ottobre e anche la vicina giornata del 15 ottobre a sostegno di Assange, voce della pace e dei diritti umani che rischia più di centosettanta anni di carcere se verrà processato negli Stati Uniti. Se le accuse contro di lui portassero ad una condanna esemplare, sarebbero a rischio tutti i giornalisti che raccontano la verità svelando i segreti militari USA.

PeaceLink mette a disposizione la sua piattaforma per segnalare gli appuntamenti città per città. E per dare voce a un'informazione non schierata militarmente. Giorno per giorno su sociale.network forniamo aggiornamenti - scelti in modo critico - sulla guerra in Ucraina, perché una delle principali vittime di questo conflitto è ormai la verità.

Articoli correlati

  • I comitati per la pace in Italia
    Pace
    Il movimento contro la guerra regione per regione

    I comitati per la pace in Italia

    Stiamo provando a delineare un quadro complessivo dei comitati che sono scesi in piazza contro la guerra in Ucraina. Qui trovate un elenco provvisorio con diversi link. Aiutateci a completare la mappa e segnalateci tutto ciò che può servire a delineare il nuovo movimento pacifista.
    Redazione PeaceLink
  • Premio Nobel alla ONG ucraina che ha sostenuto la necessità della guerra e l'adesione alla NATO
    Pace
    Nemmeno un parola sul diritto umano all'obiezione di coscienza al servizio militare

    Premio Nobel alla ONG ucraina che ha sostenuto la necessità della guerra e l'adesione alla NATO

    L'ONG Center for Civil Liberties (Ucraina) ha recentemente ricevuto il Premio Nobel per la Pace insieme ai difensori dei diritti umani russi e bielorussi. Qual è il segreto del suo successo? Insistere sul fatto che la guerra è necessaria e che non sono possibili negoziati
    Yurii Sheliazhenko
  • Dizionario della guerra in Ucraina
    MediaWatch
    Dalla A di armi alla Z di Zelensky

    Dizionario della guerra in Ucraina

    Vi proponiamo una serie di link ordinati dalla A alla Z sempre aggiornati sulle ultime novità della guerra e, speriamo presto, anche della pace. I link rinviano ai post che appaiono su Sociale.Network, la piattaforma libera e autogestita collegata a PeaceLink e basata su Mastodon
    8 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Che cosa ha detto esattamente Zelensky sull'attacco preventivo della Nato alla Russia?
    MediaWatch
    Fact-checking

    Che cosa ha detto esattamente Zelensky sull'attacco preventivo della Nato alla Russia?

    Intervenendo online all’Australian Lowy Institute, il presidente ucraino ha detto che, per escludere la possibilità dell’uso di armi nucleari da parte della Russia, la Nato dovrebbe prevedere attacchi preventivi. Poi Zelensky ha fatto sapere di essere stato male interpretato. Ma qual è la verità?
    11 ottobre 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)